Vangelo del giorno: Cos’è la rinascita?

Traduzione di Elisa Stucchi

Credo che tutti i fratelli e le sorelle che credono nel Signore sappiano della rinascita, e a questo proposito potrebbero pensare al dialogo tra il Signore Gesù e Nicodemo riportato nella Bibbia: “Gesù gli rispose dicendo: In verità, in verità io ti dico che se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio. Nicodemo gli disse: Come può un uomo nascere quand’è vecchio? Può egli entrare una seconda volta nel seno di sua madre e nascere? Gesù rispose: In verità, in verità io ti dico che se uno non è nato d’acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio. Quel che è nato dalla carne, è carne; e quel che è nato dallo Spirito, è spirito. Non ti maravigliare se t’ho detto: Bisogna che nasciate di nuovo” (Giovanni 3:3-7). Il Signore Gesù disse che un uomo non può entrare nel Regno di Dio se prima non rinasce, e che chiunque non ottenga questo traguardo sarà eliminato da Dio. Pare chiaro, quindi, che questo requisito dovrebbe destare preoccupazione in tutti coloro che credono in Dio e Lo seguono.

Come tutti noi sappiamo, la rinascita non è ciò che aveva inteso Nicodemo, ovvero che un uomo deve rientrare nel grembo della madre e rinascere, letteralmente. Ma allora a cosa si riferisce? Alcuni fratelli e sorelle credono che siccome il Signore Gesù ha portato il peso dei nostri peccati, e che noi abbiamo fede in Lui e otterremo la Sua redenzione, che è fonte di vita, questo significa già rinascere. Altri fratelli e sorelle, invece, credono che finché continueremo a pentirci dei peccati commessi e a confessarli uno ad uno con lacrime amare, accettando il battesimo, il Signore li perdonerà tutti e ci donerà una nuova vita. Così nasceremo di nuovo.

la nuova vita

Lo pensavo anche io in passato, ma non ne sono mai stata completamente certa; pensavo: “È davvero così facile rinascere se mi pento e confesso i miei peccati al Signore? Se ciò è vero, perché nelle scritture si legge: “[…] la santificazione senza la quale nessuno vedrà il Signore” (Ebrei 12:14)? Questo ci dice che il Signore Gesù ha sempre voluto che noi mirassimo ad essere purificati, invece che limitarci a confessare i peccati. La maggior parte dei credenti confessa i propri peccati al Signore ogni giorno, eppure i loro peccati non diminuiscono, anzi, aumentano. Persino i pastori, gli anziani e i collaboratori si affannano per il successo e i soldi e tramano gli uni contro gli altri, allontanando coloro che hanno opinioni diverse, e rubano pure le offerte. E i fratelli e le sorelle litigano per gelosia, giudicano e condannano gli altri a piacimento, hanno abitudini malvagie e perseguono la mammona. Perché facciamo queste cose anche se sappiamo che non sono conformi agli insegnamenti del Signore? Possiamo rinascere, come una specie di vecchia persona limitata dai peccati?

Mi viene alla mente un verso della Bibbia: “Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie son passate: ecco, son diventate nuove” (II Corinzi 5:17). In altre parole, la vera rinascita consiste nel perdere la nostra natura peccaminosa e obbedire a Cristo. Quel verso prova che gli odierni cristiani non sono ancora rinati. Ma allora, come si rinasce? E qual è la via per la rinascita?

Analizzo attentamente i versetti della Bibbia. Ho trovato che in Giovanni 8:32 il Signore Gesù disse agli Ebrei che credevano in Lui: “E conoscerete la verità, e la verità vi farà liberi” (Giovanni 16:12-13). “Molte cose ho ancora da dirvi; ma non sono per ora alla vostra portata; ma quando sia venuto lui, lo Spirito della verità, egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annunzierà le cose a venire”. Anche “Poiché è giunto il tempo in cui il giudicio ha da cominciare dalla casa di Dio” (I Pietro 4:17). “così anche Cristo, dopo essere stato offerto una volta sola, per portare i peccati di molti, apparirà una seconda volta, senza peccato, a quelli che l’aspettano per la loro salvezza” (Ebrei 9:28). Soppesando questi versi, ho finalmente capito che per ottenere la vita eterna dobbiamo prima ottenere la verità, e la verità sulla vita eterna ci verrà donata da Cristo negli ultimi giorni. Come mostrano quei versi, quando il Signore Gesù tornerà negli ultimi giorni, Egli dovrà compiere ancora un’ultima opera, che con tutta probabilità è l’opera di giudizio per mezzo della verità, ovvero l’opera di purificazione dell’umanità eseguita da Dio. Solo accettando l’opera di Dio negli ultimi giorni, incontrando il Signore Gesù ritornato e accettando la purificazione portata dalle parole di Dio nell’ultima fase della Sua opera, potremo cambiare la nostra natura corrotta e convertire la nostra visione delle cose, e questi sono tutti segni di rinascita. Per esempio, esistono regole di vita quali “Come un albero vive per la sua corteccia, così l’uomo vive per la propria faccia” “Io sono il mio signore in cielo e in terra” “Ognuno per sé e che gli altri si arrangino” “Il denaro non è tutto, ma senza non si fa nulla” “Gli uomini faranno qualunque cosa pur di diventare ricchi”, e così via. Quando saremo purificati dalle parole di giudizio e castigo di Dio smetteremo di vivere secondo queste concezioni, invece considereremo solo le parole di Dio e le Sue richieste all’umanità: questa è la rinascita. Ringraziamo l’illuminazione del Signore. Ora ho capito cos’è la rinascita. Gloria al Signore! Amen!

Vangelo del giorno” condivide di più:

Cosa si intende davvero per ‘rapimento’?

Come possono rinascere i cristiani?