Nella vita reale esiste l’amore da favola?

Lin Min è una persona sentimentale per natura. Durante la sua giovinezza ha guardato telenovele passionali e romanzi d’amore; le storie d’amore che vi venivano descritte la coinvolgevano profondamente e i commoventi racconti romantici spesso le riempivano la mente: non riusciva a toglierseli dalla testa. Da quel momento in poi, nell’ingenua Lin Min si piantarono i semi dell’amore e lei prese a sperare che una volta cresciuta avrebbe trovato la sua bellissima storia d’amore, sulla base del motto “Finché morte non ci separi”.

Quando Lin Min aveva diciassette o diciotto anni, uno degli argomenti più discussi dalle altre ragazze della sua età era il tipo di persona che desideravano trovare per trascorrervi la vita insieme. Lei non faceva eccezione. La sua testa era sempre piena di sogni riguardanti l’amore e l’avere una famiglia, della speranza di trovare il suo cavaliere in un’armatura splendente, del desiderio di immergersi con lui in un bagno di sole, di camminare tra boschetti ombrosi mano nella mano, di parlare di tutto e di niente costeggiando un fiume, e di costruire la propria famiglia felice. Immaginava che si sarebbero sempre sostenuti e che sarebbero stati presenti uno per l’altra, nel bene e nel male.

Cerimonia di matrimonio
Foto di moda creata da freepik – www.freepik.com

Quando Lin Min crebbe e divenne abbastanza grande per sposarsi, incontrò il cavaliere in armatura scintillante che aveva sperato di conoscere; entrarono nella sala delle cerimonie nuziali tenendosi per mano e si scambiarono i voti. Desiderava invecchiare con suo marito. Tuttavia, i sogni non sono altro che fantasie, non realtà. Non avrebbe mai immaginato che suo marito l’avrebbe tradita dopo soli pochi anni di matrimonio, che avrebbe infranto i loro voti nuziali. Lin Min, piena di idilliache visioni di ciò che è l’amore, non riuscì proprio ad accettare la realtà del tradimento del suo sposo, e lo lasciò senza alcuna esitazione. Aveva trent’anni. Riflettendo su questo fallimento, Lin Min pensò che era stata allora troppo giovane e inesperta e che non era riuscita a giudicare correttamente chi si era trovata davanti. Pensò: “Quando in futuro cercherò un altro compagno, troverò qualcuno che abbia un’età compresa tra i quarantacinque e i cinquant’anni. Una persona un po’ più grande sarà più stabile; non sarà tanto capricciosa. Allora il matrimonio sarà sicuro”. Ma le cose non vanno mai secondo i piani e per vari motivi Lin Min finì per sposare un uomo di appena un anno più grande di lei.

“Farò di te la sposa più felice della terra. Non ho molto denaro, ma mi prenderò cura di te per sempre e non lascerò mai che tu venga di nuovo ferita…”. Questa promessa così semplice non sembrò tutta fiori e irresistibile come quelle descritte nei romanzi, ma fu un toccasana per l’anima ferita di Lin Min. Con le lacrime agli occhi pensò tra sé: “Dovrò avere una vita felice con lui e non lasciare mai che se ne vada. Invecchieremo mano nella mano”.

Così, Lin Min si risposò e, da quel momento in poi, il centro del suo mondo furono suo marito e i loro voti nuziali. Vivevano in una casetta di meno di 40 metri quadrati e ogni pasto consisteva solo in un piatto di verdure sottaceto e due ciotole di riso: avevano una vita dura. Tuttavia, Lin Min si sentiva davvero felice, davvero gioiosa. Avevano conversazioni intime e sincere, e si capivano; non si nascondevano nulla e non mentivano su nulla. Andavano a fare la spesa insieme per trovare le cose che servivano loro e che erano adatte al loro tetto di spesa, si divertivano molto insieme nella loro piccola casa e, nel cuore della notte, quando tutto era tranquillo, parlavano del loro sogno condiviso di acquistare una casa. Si incoraggiavano a vicenda. I giorni trascorrevano semplici e teneri uno dopo l’altro e, quando la loro figlia compì dodici anni, furono finalmente in grado di comprare una casa di 106 metri quadrati e le loro vite migliorarono ancor di più. Suo marito le disse: “Lin Min, quando avremo un po’ più di soldi dovremmo fare un viaggio”. Lin Min fu molto contenta quando ascoltò questa proposta; raggiante, il viso traboccante di felicità, annuì e rispose: “Sì! A te interessano gli uccelli e a me i cani. Ognuno di noi potrebbe portare a spasso i suoi animali”. Non vedeva l’ora di trascorrere ogni giorno del suo futuro così felicemente.

Proprio mentre Lin Min era persa nel suo sogno di “Finché morte non ci separi” e si crogiolava in quella famiglia felice, accadde di nuovo qualcosa di inimmaginabile.

Nel maggio del 2015, Lin Min notò che suo marito aveva iniziato a parlare di meno e che le sue parole non sembravano sincere come prima; era stranamente freddo nei suoi confronti. Lin Min si sentiva davvero a disagio, ma si sforzò di non immaginare il peggio. Ma, dopo aver sopportato un periodo di ansia, scoprì che la cosa che più temeva era accaduta di nuovo: suo marito aveva una relazione. Lo vide uscire da un supermercato insieme alla sua compagna e salire su un’automobile. Il suo cuore era in frantumi. Nei giorni che seguirono Lin Min fece ogni sorta di concessioni e mise tutta sé stessa nel tentativo di riconquistare il cuore di suo marito per salvare la loro famiglia. Quando lui tornava di tanto in tanto a casa, Lin Min lo accoglieva con un sorriso e gli ricordava tutte le piccole cose del loro passato, parlava delle nozze indimenticabile che avevano programmato e dei loro piani per fare un viaggio… Per comunicare meglio questi concetti, disegnava fumetti che ritraevano le cose che hanno fatto insieme, la loro vita attuale e il loro futuro. I suoi disegni erano pieni della sua speranza e del suo desiderio di far fare marcia indietro al cuore del marito. Sapeva che a suo marito piacevano gli scacchi, quindi, per fare appello a uno dei suoi interessi, ingoiò il rospo e giocò a scacchi con lui.

Nonostante facesse ogni sforzo per riconquistare il cuore di suo marito, lui rimaneva completamente impassibile e andò persino oltre. Iniziò a vestirsi più alla moda, non tornava a casa per notti di seguito e, quando di tanto in tanto faceva un salto da lei, era molto freddo. Finì persino per portare quella donna a casa loro. Lin Min crollò psicologicamente: ebbe una crisi totale. Con voce roca gridò a suo marito: “Come hai potuto portare quella donna nella nostra casa? Non permetterti mai più di portarla qui!”.

Lui puntò il dito verso Lin Min e le urlò addosso, infuriato: “Se continui a comportarti a questo modo, non potrai incolparmi per quello che farò!” Poi sbatté la porta e se ne andò. Uscì con quella donna senza guardarsi indietro.

Guardando i due che si allontanavano uno accanto all’altra nella notte piovosa, Lin Min corse freneticamente in strada, lasciando che la pioggia la bagnasse. Nella fioca luce della strada, non sapeva da che parte andare e pensò addirittura alla morte. Dopo due matrimoni falliti, aveva perso il coraggio di continuare a vivere. Ma, poi, pensò a sua figlia e ai suoi anziani genitori. Se fosse morta, cosa ne sarebbe stato di loro? Se sua figlia avesse perso l’amore di suo padre e, poi, avesse perso anche la madre, come avrebbe potuto continuare a vivere? Nel suo dolore, Lin Min pensò: “Vivere è così difficile, ma perché anche morire è tanto complicato?”

Cerimonia di matrimonio
Foto di moda creata da freepik – www.freepik.com

Lin Min vagava sotto la pioggia in trance, lasciando che l’acqua che scendeva dal cielo e le lacrime le bagnassero il viso. Il suo cuore sanguinava e, una dopo l’altra, le scene del suo passato continuavano a fluttuarle nella mente: il matrimonio, i loro voti nuziali, le loro risate, le loro speranze e i sogni, oltre ai fumetti che aveva disegnato e che erano pieni dei suoi desideri. Pensò a tutti questi ricordi dolci e caldi. Non aveva mai immaginato che ciò che avrebbe ricavato sarebbero stati l’inganno e la ferita spietata di suo marito. Da quando era piccola, Lin Min aveva nutrito il sogno di invecchiare con qualcuno e, mano a mano che era diventata grande e aveva attraversato ogni sorta di peripezie, mentre la sua giovinezza trascorreva, non aveva mai rinunciato a quell’obiettivo: ma perché quel “bel” sogno non si era realizzato? Si fermò, non sapendo dove andare. Era esausta.

Continuava a trascinare il suo corpo stanco, sentendosi allo stremo, riuscendo a malapena ad arrivare alla fine delle sue giornate…

Proprio mentre era invischiata nella sofferenza e stava precipitando nella disperazione, le parole calde e potenti di Dio le recarono un conforto. Questo è ciò che lesse: “L’Onnipotente ha pietà di questi esseri umani che soffrono profondamente. Allo stesso tempo, Egli è stanco di queste persone senza consapevolezza, perché deve aspettare troppo a lungo per ricevere una risposta da loro. Egli vuole cercare, cercare il tuo cuore e il tuo spirito. Vuole portarti acqua e cibo e svegliarti, in modo che tu non abbia più né sete né fame. Quando sarai stanco e quando comincerai a sentire la desolazione di questo mondo, non essere perplesso, non piangere. Dio Onnipotente, l’Osservatore, accoglierà il tuo arrivo in qualsiasi momento” (“Il sospiro dell’Onnipotente”). Le parole di Dio brillarono sul cuore di Lin Min come un raggio di sole, recando calore al suo animo gelido. Pensò a come aveva sopportato tutta quella sofferenza e quello stress da sola, da quando suo marito l’aveva tradita; se ne stava andando in giro come uno zombi al suo ultimo respiro, desiderando solo che la sua vita finisse il più presto possibile. Solo allora capì che Dio era sempre stato al suo fianco in attesa che lei entrasse nella Sua casa. Non era assolutamente sola e priva di un supporto a cui appoggiarsi: Dio era il suo eterno sostegno. Lesse le Sue parole con le lacrime agli occhi, sentendosi come un’orfana che ritorna all’abbraccio di sua madre. Non poté fare a meno di rimanere senza parole e di iniziare a piangere, esprimendo in silenzio la sua gratitudine a Dio.

Lin Min cominciò a partecipare frequentemente agli incontri, a leggere le parole di Dio e a cantare inni in Sua lode con i fratelli e le sorelle. Il suo viso fu di nuovo ornato di sorrisi e le condizioni del suo animo migliorò sensibilmente.

Un giorno, Lin Min lesse le parole di Dio, che dicevano: “Allora quale conoscenza le corrompe? Quella che si mescola ai punti di vista e ai pensieri di Satana; il diavolo cerca di instillarli all’umanità attraverso la conoscenza. Per esempio, in un saggio, c’è qualcosa di male nelle parole scritte? (No.) Dove sta il problema? I punti di vista e l’intento dell’autore durante la stesura del testo, come anche il contenuto dei suoi pensieri – queste sono cose spirituali –, possono corrompere le persone. Per esempio, se guardassi un programma televisivo, che tipo di cose potrebbe modificare la tua opinione? Ciò che i protagonisti hanno detto, le parole stesse, sarebbero in grado di corrompere le persone? (No.) Che genere di cose corromperebbe le persone? I pensieri e il contenuto fondamentali del programma, che rappresenterebbero le opinioni del regista, e le informazioni racchiuse in queste opinioni potrebbero influenzare i cuori e le menti degli individui. È corretto? (Sì.)” (“Dio Stesso, l’Unico V”). Lin Min comprese, attraverso ciò che era stato rivelato nelle parole di Dio, che Satana usa romanzi e telenovele per creare storie d’amore che non esistono nella vita reale, allo scopo di sviare le persone, e inculca nelle loro menti idee d’amore come “Finché morte non ci separi”, “L’amore è meraviglioso” e “Gli amanti finalmente si sposano”. Le persone non possiedono la verità e non hanno la capacità di discernere tra le cose positive e quelle negative. Dopo aver letto romanzi, aver guardato telenovele romantiche e accettato quelle idee, esse iniziano a venerare l’amore romantico e si impregnano dell’illusione di un amore perfetto. Aspirano ad avere relazioni amorose intense, sentendo persino che sperimentare un amore che non svanisce mai fino alla morte, o che il fatto che un uomo e una donna rimangano insieme fino alla fine, sono la migliore opzione possibile. Sono in molti a cadere nella trappola che Satana ha creato per loro a questo modo e a venire ingannati e controllati dall’illusione dell’amore perfetto. Ma, quando le persone danno tutto di sé e ancora non riescono a ottenere quell’amore di cui si parla, vivono in un dolore e in un’impotenza sempre più grandi e perdono ogni senso del significato delle loro vite. Lin Min pensò a come era stata attratta da tutte le romantiche storie d’amore delle telenovele e dei romanzi che aveva letto crescendo, a come aveva sperato con tutto il cuore di provare il vero amore e di invecchiare con il suo compagno. Era stata persino disposta a dedicare tutta la sua vita a perseguire ciò. Il fallimento del suo primo matrimonio non l’aveva risvegliata, per cui aveva continuato a cercare per tutta la vita un amore che non svanisse. Aveva messo tutta sé stessa in quest’obiettivo, ma non aveva mai immaginato che alla fine tutto ciò che avrebbe ricevuto sarebbe stato lo stesso tradimento senza cuore e lo stesso dolore straziante della prima volta. Tuttavia non si sarebbe arresa, aveva pensato; aveva cercato di conquistare il cuore di suo marito facendo ogni sorta di concessioni e diventando sempre più gentile e premurosa nei suoi confronti, ma lui non ne era stato minimamente riconoscente. Quando il loro matrimonio era andato in pezzi, Lin Min aveva sentito di aver perso tutto e di non avere nulla per cui vivere, per cui aveva desiderato porre fine alla propria sofferenza attraverso la morte. E, ora, se non fosse stato per ciò che si rivelava attraverso le parole di Dio, Lin Min non sarebbe stata in grado di capire come il suo dolore era causato dal fatto di essere stata controllata e danneggiata da un errato pensiero satanico. In passato, Lin Min aveva pensato che leggere quei romanzi e guardare quelle telenovele romantiche fossero un hobby e un modo per ravvivare una vita noiosa; non avrebbe mai immaginato che queste attività nascondevano i trucchi di Satana per corrompere, ingannare e danneggiare le persone. Satana prende in giro e ferisce mortalmente le persone fornendo loro sogni che non potranno mai realizzarsi, in modo che esse mettano tutte sé stessi nel perseguirli, lasciandole poi in un dolore insopportabile.

Dopo aver subito nella sua vita alti e bassi, Lin Min aveva sperimentato che non esiste vero amore tra gli esseri umani, ma solo relazioni carnali e un usarsi a vicenda. Quando le persone sono povere è possibile che ci sia tra loro una comprensione più profonda, ma, se acquistano successo o denaro, esse tendono a liberarsi del vecchio e a cercare il nuovo. Si tradiscono reciprocamente e concetti come “voti”, “promesse”, “amore immortale”, “eterno e immutabile” e “finché morte non ci separi” diventano false bugie. Le persone non possiedono la verità; non riescono a capire gli stratagemmi di Satana, ma possono solo venire ingannate e corrotte da un pensiero errato e, più perseguono questo tipo di amore vuoto, più vivono nella sofferenza.

In seguito, Lin Min lesse un altro passo delle parole di Dio: “‘Io sono nei cieli e in mezzo al Mio creato. Sorveglio, aspetto, sono al tuo fianco…’. Le Sue mani sono calde e forti; i Suoi passi sono leggeri; la Sua voce è lieve e piena di grazia; la Sua forma passa e si volge, abbracciando l’intera umanità; il Suo volto è bello e delicato. Egli non Si è mai assentato e non è mai svanito. Giorno e notte, è il compagno costante dell’umanità” (“Dio Stesso, l’Unico II”). Lin Min si commosse molto, meditando sulle parole di Dio. Ripensò alle proprie esperienze e sentì che Dio era sempre stato in attesa accanto a lei, con lei attraverso ogni fase della sua vita. Quando si era ritrovata ferita e disperata, e aveva persino avuto intenzione di porre termine alla propria vita, Dio l’aveva confortata e guidata con le Sue parole, placando il suo dolore e dandole la speranza per continuare a vivere. Quando Lin Min era vissuta nella sofferenza e non era riuscita a sfuggire alla confusione del tradimento di suo marito, Dio si era servito delle Sue parole per rivelare le tattiche e i metodi di Satana per corrompere gli esseri umani, in modo che lei aveva potuto riconoscere la radice della sua sofferenza e comprendere gli stratagemmi di Satana. Allora era riuscita a individuare l’errore di concetti come “Finché morte non ci separi”. e “L’amore è meraviglioso”. A quel punto, Lin Min aveva veramente capito che solo Dio è amore, che Egli è estremamente responsabile nei confronti delle nostre vite e che non vi è amore tra gli esseri umani, che non ci esistono veri sentimenti. Se non possiamo giungere al cospetto di Dio, leggere le Sue parole e comprendere la verità, saremo solo ingannati e danneggiati da un errato pensiero satanico; non comprenderemo mai gli stratagemmi del principe dei demoni, ma annasperemo in un mare di sofferenza, vivendo sempre nel dolore. Lin Min poteva sentire il vero amore e la salvezza di Dio per lei e non riuscì a impedirsi di offrirGli una preghiera di gratitudine: “Oh Dio, voglio rinunciare alla mia passata vita di depravazione e di delusioni, e, da ora in poi, desidero cercare la verità, condurre una vita di significato. Sia ringraziato Dio! Amen!”.


“Testimonianze di fede” condivide di più:

Testimonianze cristiane: come ho ottenuto un matrimonio felice 

Un amore cristiano: come riprendersi da una separazione