Testimonianze di fede – Con la Grazia di Dio, ottengo la Vera Felicità

Traduzione di Barbara Barozzi

Tutti desiderano la felicità, ma la felicità, nella vita reale è sempre lontana da noi, e raggiungere la vera felicità è anche un desiderio straordinario per noi.

Da ragazza mi auguravo un matrimonio felice. Quando ho raggiunto l’età da matrimonio, molti ragazzi mi hanno seguito. Ho scelto il mio compagno di classe che viveva nel mio villaggio. Perché ero attratta dalla sua grande umanità quando ero a scuola. Siccome lo conoscevo abbastanza bene, mi sentivo fiduciosa sul nostro futuro. Anche se nessuno, tranne mio padre, voleva che fossimo insieme, lo sposai comunque.

Inaspettatamente, dopo il matrimonio, mia suocera non mi piaceva perché ero magra e ho avuto difficoltà nel lavoro sul campo e negli affari. Lei non mi trattava affatto come parte della famiglia, e a volte è stata addirittura sarcastica con me. Spesso mi sentivo così aggredita da nascondermi sotto al piumino e piangevo. Inoltre, mio marito, che era stato molto bravo per me, gradualmente era cambiato. Spesso usciva presto e tornava tardi, e quando gli ho parlato lui mi ha sempre detto: “Silenzio! Sono molto stanco”. Dopo aver avuto un bambino, mia suocera non mi ha permesso di prendermi cura di mio figlio e mi ha chiesto di fare i lavori domestici. Ero restia ad allontanarmi da mio figlio, ma l’ho fatto affinché la mia famiglia potesse vivere felicemente, sentivo che ne valesse la pena il sopportare alcune difficoltà.

In seguito, mio marito tornava a casa sempre più tardi. Quando gli ho chiesto dove andava, mi ha semplicemente mandato via dicendomi che erano affari, ma non mi ha mai parlato di questi nel dettaglio. Non sapevo che fosse in debito per più di 100.000 yuan fino a quando il creditore non è venuto a casa mia. Una volta, ho sollecitato mio marito a smettere di ingannare perché non avevo idea di come trattare con il creditore. Ma io avevo appena detto qualche parola quando aveva avuto una disputa con me, e mi ha anche picchiata, il che mi ha fatto molto triste. Quando l’ho detto ai miei suoceri, hanno scelto di prendere le parti di mio marito e incolparmi. Per evitare che i miei genitori si preoccupassero, non ho detto loro nulla. Spesso mi buttavo nel letto e piangevo incessantemente, e ho pensato persino alla morte. Ma al pensiero di mio figlio piccolo e dei genitori anziani, non ho avuto il coraggio di morire. Per il bene dei miei genitori e di mio figlio, ho sopportato silenziosamente tutte le sofferenze e mi sono detta: devo riprendermi e vivere con tenacia.

Tuttavia, la realtà era più cruda di quanto pensassi. Quando avevo trent’anni, i miei genitori morirono a 7 giorni di distanza l’uno dall’altro, cosa che mi colpì duramente e mi causò molto dolore. Pensando ai miei genitori morti, a mio marito dedito all’ozio e ai miei suoceri crudeli, non sapevo come affrontare la mia vita futura. Ero immersa nelle lacrime e mio figlio era la mia unica speranza di vita.

Non molto tempo dopo, ho aperto un negozio di parrucchiera per guadagnarmi da vivere. Da allora, il creditore è venuto spesso nel mio negozio per chiedere il pagamento dei debiti di mio marito. Per mantenere la mia famiglia in pace, ho preso in prestito un po’ di denaro da mio fratello maggiore e ho rimborsato tutti i debiti. Nonostante il mio sacrificio, mio marito non ha avuto il minimo cambiamento, ma invece è diventato sempre peggio. Non ha fatto nulla di buono, ma ha sempre solo ingannata e spesso è venuto al mio negozio chiedendomi soldi. Lavoravo tanto duramente per guadagnare soldi, mentre lui spendeva soldi come l’acqua. Quando sarebbe finita questa vita così difficile? In seguito, ho deciso di non dargli più soldi. Inaspettatamente, dato che non gli davo soldi, ha esortato mio figlio a trattarmi con freddezza e buttare i vestiti che avevo comprato per lui sul pavimento. Di fronte all’incomprensione di mio figlio e alla spudoratezza di mio marito, ero straziata e senza lacrime. Tutti i miei sforzi per il matrimonio e la famiglia erano stati ripagati con ferite e dolori invece di una vita serena. Non volevo più vivere in questo modo e alla fine ho divorziato con mio marito.

Dopo il mio divorzio non ho più desiderato un matrimonio felice, ma ho investito tutto il mio cuore in denaro e divertimento. Nel 2012 sono arrivata in Francia. Ho pensato che avrei vissuto una vita felice in questo paese ricco di risorse e democratico. Tuttavia, quando un mio connazionale mi ha condotta nella sua casa, ho sentito a tavola che alcune persone guadagnavano soldi grazie alla prostituzione. Odio guadagnare soldi in questo modo, e quindi ho chiesto al mio connazionale di trovarmi un lavoro adeguato. Più tardi, mi trovò un lavoro in paese. Le condizioni di lavoro in quel paese erano terribili, e spesso fui vittima di bullismo e di abusi per alcuni piccoli errori, che ferivano mio orgoglio. Poiché non conoscevo nessuno in questo paese, avevo solo l’amaro in bocca. Una volta ho visto una donna dai capelli neri come una cinese, e poi le ho parlato affrettatamente, ma lei non capiva affatto. Scoprì che lei era una thailandese. Che si trattasse della lingua, dell’ambiente o addirittura del profumo nell’aria, secondo me erano tutti strani e mi facevano sentire incapace di adattarmi alla vita qui, ma per sopravvivere mi costrinsi a sopportare tutte le sofferenze.

Tante volte mi sono sentita sola e triste, ma non ho potevo dirlo. Una volta ho trovato un albero che sembrava una sophora, e mi ha trasmesso una sensazione di calore. Da allora, quando ero triste mi andavo a quell’albero e vi riversavo il mio dolore. Più tardi, ho viaggiato di città in città, cambiando un lavoro dopo l’altro. Dopo diversi anni di duro lavoro, ho guadagnato un po’ di soldi e ho comprato una casa in città, ma la solitudine, il vuoto e l’impotenza dentro di me non solo non erano scomparsi ma erano aumentati. Sentivo di non avere nessun obiettivo o direzione nella mia vita. Talvolta, pensando alla prospettiva del mio futuro, non riuscivo a dormire la notte.

Alla fine del 2016, quando ho avuto un video chat con una mia amica, che mi ha detto che soffriva di diabete e che si sentiva male, le ho detto di andare immediatamente in ospedale. Il giorno dopo, quando ha visto il medico, le fu consigliato di recarsi in un grande ospedale. Purtroppo, prima di essere trasferita, è morta. Poco dopo sentii che mia cognata era diventata un vegetale. Dopo aver ascoltato e saputo tutte queste cose, sono rimasta sconvolta e mi sono resa conto che: gli uomini sono troppo piccoli e deboli per resistere alla morte. Anche se sono ancora viva, a cosa serve vivere? Queste disgrazie si sono aggiunte alla solitudine e al vuoto nel mio cuore.

Pages: 1 2

Se ha nuove conoscenze sul contenuto del nostro sito web o quali sono le Sue perplessità e difficoltà nella fede,sia il benvenuto a condividerli con noi, perché il Signore Gesù disse: “Che vi amiate gli uni gli altri, come io ho amato voi” (Giovanni 15:12),desideriamo che ci aiutiamo e ci sosteniamo nel Cristo,la vita cresce. Può contattarci attraverso i seguenti modi:
1. Chiacchiera online con noi attraverso la finestra di online sotto il sito.
2. Manda l’email a [email protected]