Come potranno tutte le denominazioni diventare una

Zongpan: Nel 2016 guardavo e aspettavo. Nel 2017 sono quasi stato rapito! Nel 2018, quando il Signore ritornerà, mi porterà nel Regno dei Cieli!

Chuanyin: Lo dici tanto per dire.

Zongpan: Come? Senti, nel mondo stanno accadendo disastri sempre più grossi. Le profezie sul ritorno del Signore praticamente si sono avverate. Se non me ne preoccupo ora, potrò mai essere rapito?

Chuanyin: Che senso ha preoccuparsi? Sai come avviene il rapimento? E poi ci sono talmente tante ramificazioni… quale verrà rapita per prima?

Zongpan: Io ci ho già riflettuto. Penso che dovrebbe essere la nostra Chiesa Locale ad essere rapita per prima.

Chuanyin: Perché? Perché dovreste essere voi ad essere rapiti per primi?

Zongpan: Perché la nostra Chiesa è ortodossa e noi siamo quelli che più amano il Signore. E un’altra ragione è che io sono della Chiesa Locale!

Chuanyin: Okay, la tua Chiesa verrà rapita per prima, e le altre?

La chiesa è dove il credente adora Dio.

Zongpan: Dio è onnipotente. Al massimo verranno rapite tutte nello stesso momento. Lol. A proposito, mi sono ricordato di una cosa. Le persone che credono nel Signore Gesù sono tantissime: il mondo religioso conta più di duemila denominazioni e molti fratelli e sorelle sostengono che il proprio ramo sia il più ortodosso e il più approvato dal Signore. Non capisco. La Bibbia dice: “V’è un corpo unico ed un unico Spirito, come pure siete stati chiamati ad un’unica speranza, quella della vostra vocazione. V’è un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo, un Dio unico e Padre di tutti, che è sopra tutti, fra tutti ed in tutti” (Efesini 4:4-6). Crediamo tutti nel Signore Gesù e preghiamo nel Suo nome, inoltre leggiamo tutti la stessa Bibbia, ma allora perché siamo così divisi?

Chuanyin: Molti fratelli e sorelle sono confusi a riguardo. Alla fine dell’Età della Legge, prima che iniziasse l’opera del Signore Gesù, il mondo religioso era nel caos e dall’ebraismo si formò una moltitudine di denominazioni. C’erano i farisei, che sostenevano di essere i più rigidi; rispettavano ogni tipo di cerimonia e proibizione, tipo il non mangiare alla stessa tavola con i peccatori, lavarsi le mani prima dei pasti e così via. Poi c’erano i sadducei, gli zeloti e anche altri: si attenevano tutti alle proprie teorie. Proprio come dice la Bibbia: “Poiché i Sadducei dicono che non v’è risurrezione, né angelo, né spirito; mentre i Farisei affermano l’una e l’altra cosa” (Atti 23:8).

Zongpan: Hai ragione.

Chuanyin: Prima della venuta del Signore, le denominazioni in Giudea erano sempre in disputa tra di loro. Ciascuna sosteneva che la propria fede fosse quella giusta e rifiutava di cedere e obbedire ad altri. Eppure, quando il Signore Gesù apparve per compiere la Sua opera di redenzione, formarono un’alleanza per resisterGli e condannarLo. Alla fine cospirarono col governo romano per inchiodare il Signore Gesù alla croce, commettendo così un crimine orribile e meritandosi la punizione e la maledizione di Dio.

Zongpan: Già, per anni lessero la Bibbia invano perché in realtà non avevano alcuna conoscenza del Signore!

Chuanyin: Esatto. Il Signore Gesù rimproverò i farisei: “E voi, perché trasgredite il comandamento di Dio a motivo della vostra tradizione?” (Matteo 15:3). “Questo popolo mi onora con le labbra, ma il cuor loro e lontano da me. Ma invano mi rendono il loro culto, insegnando dottrine che son precetti d’uomini” (Matteo 15:8-9). Le parole del Signore sono chiare. In superficie i farisei e i sadducei credevano in Dio e Lo adoravano, ma osservavano le tradizioni umane e violavano i comandamenti. A parole credevano in Dio, ma in pratica conservavano i propri riti religiosi e difendevano le loro regole, nessuno obbediva sinceramente alle parole di Dio. Credevano in Lui ma non Lo glorificavano e non ne portavano testimonianza. Facevano di tutto per farsi vedere, per far sì che le persone li tenessero in gran considerazione e li adorassero; allargarono risvolti delle loro vesti e vi scrissero sopra dei versi per sembrare più pii; quando facevano carità si assicuravano che ci fosse qualcuno a guardarli; pregavano apposta alla sinagoga e agli incroci, e nel fare ciò mantenevano un’espressione triste. E le persone, mancando di discernimento, furono ingannate dalle apparenze e li seguirono. Il loro vero fine erano status e averi. Portarono la gente davanti a sé, trasformarono Dio in una mera polena e trasformarono le chiese in organizzazioni religiose capitanate da uomini. Erano una specie di anticristo che combatteva contro Dio per aggiudicarsi le riverenze degli uomini. Di conseguenza il Signore Gesù esortò i propri discepoli: “Vedete di guardarvi dal lievito de’ Farisei e de’ Sadducei” (Matteo 16:6).

Zongpan: Ciò che dici ha senso. Non avevo mai sentito un tale discorso.

Chuanyin: L’apparizione e l’operato del Signore Gesù ruppero le varie concezioni dell’uomo, le Sue regole e dottrine, e mostrarono alla gente un nuovo modo di praticare. Solo così le persone poterono liberarsi delle restrizioni di leggi, regole e tradizioni ottenendo la salvezza di Dio. A quel tempo, seguire il Signore Gesù corrispondeva davvero a credere in Lui e seguirLo, mentre gli ebrei che erano stati ingannati dai farisei continuavano a vivere vincolati dalle loro leggi ed erano controllati dai capi religiosi, che li confondevano e li portavano a credere in Dio superficialmente.

Zongpan: Da ciò che dici pare che le organizzazioni religiose si siano formate dall’ebraismo durante l’Età della Legge. I capi ebraici controllavano i credenti per proteggere il proprio status e i propri averi, e così nacquero quelle organizzazioni con i capi dei semplici uomini. Oggigiorno ci sono migliaia di denominazioni nel mondo religioso, ma come si sono formate? Non leggono tutti la stessa Bibbia?

Chuanyin: Dovremmo ricercare le radici del fenomeno. Dopo essere stati corrotti da Satana, gli uomini avevano quella natura satanica che resiste a Dio e Lo tradisce. Sono tutti arroganti, pieni di sé e presuntuosi, e amano essere ammirati dagli altri. Poiché abbiamo creduto in Dio per molto tempo, acquisito conoscenza della Bibbia e lavorato per il Signore, siamo in grado di discutere di tutte le teorie spirituali, le parole profonde e le dottrine che possono attirare le masse. Così apparvero le varie ramificazioni, una dopo l’altra. Una volta ho visto un passaggio in un libro che lo rivela così accuratamente; l’ho copiato così che tu possa leggerlo: “Guarda ai capi di ogni denominazione e setta. Sono tutti arroganti e presuntuosi e interpretano la Bibbia fuori contesto e secondo la loro personale immaginazione. Fanno tutti affidamento su doni e cultura per fare il loro lavoro. Se non fossero capaci di predicare alcunché, quelle persone li seguirebbero? Essi possiedono, dopo tutto, una certa conoscenza, e possono parlare di un po’ di dottrina, o sapere come persuadere altri o come usare certi stratagemmi, mediante i quali hanno portato le persone al proprio cospetto e le hanno ingannate. Di nome, queste persone credono in Dio – ma in realtà seguono le loro guide”. Sebbene i capi delle varie denominazioni leggano la stessa Bibbia, si rifanno tutti a dottrine e teorie diverse. Gli esseri umani per natura sono attratti dalle persone d’animo nobile ed eloquenti. Man mano che si forma di un gruppo religioso guidato da semplici persone, si reduce sempre più il posto dedicato a Dio nei cuori dei membri. A parole si crede in Dio, ma in realtà ci si sottomette alle parole di pastori e anziani. Hai mai sentito la storia degli uomini ciechi che toccarono un elefante?

Zongpan: Sì. Racconta di alcuni uomini ciechi che incontrarono un elefante. Uno gli toccò l’orecchio, un altro una zampa e un altro ancora la proboscide. Quando fu loro chiesto di descrivere che tipo di animale fosse un elefante, l’uomo che aveva toccato l’orecchio disse che sembrava una grossa paletta, quello che aveva toccato la zampa disse invece che era simile a una colonna, e l’uomo che aveva toccato la proboscide lo paragonò a una corda. Ognuno di loro descrisse solo ciò che stava toccando.

Chuanyin: Giusto. Proprio come gli uomini della storia, noi crediamo in Dio ma non Lo conosciamo. Attraverso le nostre riflessioni acquisiamo un po’ di conoscenza – a senso unico – della Bibbia e di alcune dottrine spirituali, e per questo crediamo di conoscere Dio e predichiamo le nostre teorie teologiche. Non siamo forse come i ciechi che toccarono l’elefante?

Zongpan: I ciechi erano sciocchi. I capi religiosi erano intelligenti e capaci, perché, anche dopo aver letto la Bibbia non solo non conoscevano Dio, ma si sono anche separati in gruppi, predicando le proprie dottrine religiose e causando la formazione di molte denominazioni?

Chuanyin: Non importa quanto superiori le persone possano sembrare: il loro spirito è comunque cieco. La nostra natura corrotta è arrogante e presuntuosa, e brama un certo status. Se appena qualcuno comprende qualcosa dalla Bibbia, tratterà quella dottrina come un tesoro di famiglia e penserà sempre che sia la migliore. Ne parleranno ad altri, ovunque, e qualcuno li seguirà e adorerà, ed essi fonderanno così il proprio regno indipendente. Anche se pregano nel nome del Signore e leggono la Bibbia, in realtà credono solo nelle proprie idee e fantasie; ciò che predicano è la propria conoscenza della Bibbia e la propria teoria teologica, non diffondono l’illuminazione dello Spirito Santo. Ciò non può portare beneficio e alcun contributo alla vita dei credenti, i credenti non possono trarre niente da loro, invece, hanno piantato molte teorie assurde su Dio in loro, che è una barriera seria per noi per credere e cercare di conoscere Dio.

Zongpan: Capisco. Sembra che questi capi religiosi non aiutino le persone a seguire Dio ma le attirino semplicemente a sé le controllano. Ostentano agitano la bandiera della fede in Dio solo per poi stabilire il proprio regno indipendente. Non mi meraviglia che siano apparse così tante denominazioni nel mondo religioso.

Chuanyin: Esatto! Sulla carta le persone seguono Dio, ma in realtà stanno solo seguendo un uomo. Ma questi capi religiosi non sono guide cieche? La saggezza di Dio supera i cieli, tutte le cose sono in mano Sua e la Sua opera è basata su un piano e delle fasi: Dio si incarnò e assunse la forma di Gesù per porre fine all’Età della Legge e avviare l’Età della Grazia. Egli profetizzò che sarebbe tornato negli ultimi giorni. La Bibbia dice: “Avverrà, negli ultimi giorni, che il monte della casa di Jahvè si ergerà sulla vetta dei monti, e sarà elevato al disopra dei colli; e tutte le nazioni affluiranno ad esso” (Isaia 2:2).

Zongpan (interrompendolo): Ho capito. Solo l’apparizione e l’opera di Dio negli ultimi giorni potranno mettere fine alla confusione di denominazioni esistenti e farle confluire in una sola.

Chuanyin: Sì. Dio è l’Inizio e la Fine. Egli è il Seminatore e il Mietitore. L’Età della Grazia è durata per più di duemila anni, il Vangelo è stato diffuso in ogni angolo della terra e le profezie legate al ritorno del Signore si sono avverate. Questa è l’epoca della nuova apparizione di Dio e della sua prossima opera. Noi credenti dobbiamo tenere gli occhi aperti e gli spiriti all’erta.

Zongpan: Sì? Allora cosa significa “avere uno spirito acuto e all’erta”?

Chuanyin: Il Signore Gesù disse: “E sulla mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, uscitegli incontro!” (Matteo 25:6). “Ecco, io sto alla porta e picchio: se uno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli meco.” (Apocalisse 3:20). “Chi ha orecchio ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese. […]” (Apocalisse 2:7). Dalle parole del Signore capiamo che Egli parlerà quando tornerà per compiere la Sua opera negli ultimi giorni. Dovremmo essere come le vergini sagge, prestare attenzione alla voce di Dio e andare fuori a cercare, attivamente, dove si trova “ciò che lo Spirito dice alle chiese,” vedere quale chiesa ha il dono dell’opera dello Spirito Santo e possiede l’espressione di verità, poiché lì apparirà di sicuro Dio per operare.

Zongpan: Credo di capire cosa stai dicendo. Se vogliamo accogliere il ritorno del Signore Gesù dobbiamo concentrarci e ascoltare la voce di Dio. Proprio come quando il Signore Gesù venne per operare, coloro che erano assetati di verità udirono la voce di Dio, Lo seguirono e ricevettero la Sua salvezza. Oggigiorno, solo ascoltando la voce di Dio e ricercando l’opera dello Spirito Santo potremo accogliere la seconda venuta del Signore e tornare al cospetto di Dio. Solo così tutte le denominazioni diverranno finalmente una sola. Proprio come ha detto il Signore Gesù: “Le mie pecore ascoltano la mia voce, e io le conosco, ed esse mi seguono” (Giovanni 10:27). “e vi sarà un solo gregge, un solo pastore” (Giovanni 10:16).

Chuanyin: Ma guarda, finalmente hai capito!