Testimonianze di fede – Il segreto di accontentarsi di meno

Traduzione di Barbara Barozzi

Nella vita quotidiana, ci sentiamo sempre insoddisfatti. Che si tratti di uomini d’affari o di agricoltori, di ricchi o di poveri, tutti noi abbiamo molte richieste e desideri. Anche se otteniamo quello che vogliamo, nessuno di noi dirà: “Sono abbastanza felice e non mi aspetto più niente”. Questo mi ricorda una storia.

C’era una volta un mendicante che pensava di accontentarsi dei vestiti che gli erano sulla schiena e del cibo che gli veniva servito sul piatto. Una volta, nel sonno, sognò che il “destino” stava mettendo pietre preziose nelle sue tasche, e lo esortò a non desiderare di più, altrimenti non appena una pietra sarebbe caduta a terra, tutte si sarebbero trasformate in polvere. Poi le sue tasche si riempirono, ma lui continuava a chiedere di più. Di conseguenza, poiché le pietre preziose erano troppe, caddero dalle sue tasche e divennero polvere, e poi anche il “destino” scomparve.

Il mendicante della storia disse: “Mi accontenterò di avere cibo e coperte”. Diceva una bugia? Forse aveva detto la verità. Tuttavia, a causa del suo essere insaziabile, il suo destino tornò al punto di partenza. La Bibbia dice: “Chi ama l’argento non è saziato con l’argento; e chi ama le ricchezze non ne trae profitto di sorta. Anche questo è vanità” (Ecclesiaste 5:10). Nella vita reale, non siamo forse proprio come il mendicante insaziabile?

Molte persone non sono contente delle proprie famiglie, per cui i loro matrimoni si spezzano e le loro famiglie si separano. Molte persone non sono contente della loro proprietà e vogliono ottenere una maggiore ricchezza, e poi vanno in bancarotta a causa della cupidigia eccessiva, e alla fine non hanno più nulla. Molte persone non sono semplicemente contente di vivere nell’abbondanza, e di lavorare sempre, e sembra che siano afflitti dalla malattia della stanchezza, e alla fine sono troppo malati per lasciare il letto. Molte persone non si accontentano delle proprie posizioni, quindi conducono transazioni finanziarie l’una con l’altra. Hanno perso la loro integrità e la loro dignità, e anche colleghi e amici possono mettersi gli uni contro gli altri e diventare nemici. L’insaziabilità ci fa vivere nel dolore, così che non possiamo sentirci tranquilli e saldi dentro il nostro spirito.

Infatti, finché saremo bravi ad osservare, scopriremo che il destino umano è pianificato e prestabilito da Dio, che ha misericordia per tutti noi e tratta tutti con equità. Se otteniamo di più o di meno dipende dalla predestinazione del Creatore e non si fondano sul nostro sforzo e la nostra ambizione. Tuttavia, c’è sempre qualcosa che ci fa sentire non completamente soddisfatti, ed è questo senso di mancanza che ci fa sempre combattere contro il destino. Solo alla fine ci rendiamo conto che noi siamo ancora coloro che subiscono perdite, e addirittura ci roviniamo solo per un po’ di insaziabilità.

Dio dice: “Quale professione si intraprende, cosa si fa per guadagnarsi da vivere e quanta ricchezza si accumula nella vita sono aspetti che non vengono decisi dai genitori, dai talenti, dagli sforzi o dalle ambizioni, bensì prestabiliti dal Creatore”. Se riusciamo a capire che tutto è predeterminato dal Creatore, che tutto ci è concesso da Lui, se possiamo sottometterci alla sovranità e alla disposizione di Dio, allora ci sentiremo: siamo veramente soddisfatti, perché tutto ciò che godiamo è frutto delle benedizioni di Dio. La Bibbia dice: “Siate sempre allegri; non cessate mai di pregare; in ogni cosa rendete grazie, poiché tale è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi” (1 Tessalonicesi 5:16-18). Se mettiamo in pratica e utilizziamo queste parole nella vita quotidiana, allora tutte le nostre sofferenze e i nostri fastidi saranno risolti. Inoltre, sentiremo che la gioia ci terrà sempre compagnia.