Menu

La gioia di essere onesti: una parrucchiera ritrova la strada verso la rettitudine

Seguo la corrente per guadagnarmi da vivere

L’attività di parrucchiera può essere considerata un’occupazione con margini di profitto ridicoli. Tante proprietarie di attività commerciali vendono prodotti a buon mercato per la cura dei capelli a prezzi più di dieci volte maggiori del loro costo effettivo e raccomandano anche alle loro clienti di richiedere le carte fedeltà, in apparenza per ottenere sconti, il che garantisce loro un flusso di habitué. Alcune parrucchiere aggiungono anche servizi supplementari, come prestazioni sessuali fatte passare per “massaggi”, ottenendo guadagni illeciti. Tale tipo di tattiche per ingannare i clienti permette davvero che i soldi continuino a riversarsi nelle casse del negozio. Tuttavia, io gestivo la mia attività secondo la mia coscienza e, sin dal primo giorno in cui avevo aperto il salone, conducevo i miei affari con onestà, attenendomi al principio di trattare ogni singola persona con moralità e di vendere i prodotti a prezzi fissi. Non ho mai truffato i miei clienti. Mettevo anche molto impegno in ogni singolo taglio di capelli che facevo e, inoltre, i miei prezzi erano inferiori a quelli di altre parrucchiere. A questo modo, avevo molte clienti che tornavano volentieri da me.

La gioia di essere onesti

Foto di moda creata da freepik - www.freepik.com

Lavoravo giorno e notte, ma, a un anno dall’inizio della mia attività, mi rimanevano solo 2000 yuan, dopo aver pagato l’affitto, le spese di lavoro, le utenze, il riscaldamento, ecc. Mi accorsi anche che c’erano alcuni saloni dall’altra parte della strada che non avevano tanto giro quanto me, ma realizzavano un profitto molto più alto di quello che io conseguivo. Ero davvero invidiosa, ma sapevo molto chiaramente che si trattava di guadagni illeciti. Non volevo ignorare la mia coscienza nel gestire la mia attività. Come dice l’antico proverbio, “Povero, ma orgoglioso”. Indipendentemente da quanto fossi povera, sentivo che non potevo perdere la mia dignità e il mio carattere. Quindi, continuai a gestire la mia attività con rettitudine, come avevo fatto prima. Tre anni dopo, le colleghe che avevano aperto il salone insieme a me avevano ora negozi più grandi e alcune si dedicavano addirittura a importanti affari o avevano comprato un’automobile. Ma per me tutto era come tre anni prima; la mia vita era la stessa e il mio portafoglio non era ingrassato.

Un giorno mia madre si ammalò e dovette essere ricoverata in ospedale: le sole cure erano molto costose. Racimolai e presi in prestito tutti i soldi che potevo, ma tuttavia essi bastavano solo per coprire metà delle sue spese mediche. Pensare a quanti soldi avevo preso in prestito e a come non avevo idea di quando sarei stata in grado di ripagarli mi rendeva alquanto ansiosa. Proprio in quel momento un’amica venne a trovarmi nel mio salone e, quando venne a sapere della mia situazione, mi disse: “Altre proprietarie di saloni si studiano le loro clienti, le corteggiano e le adulano. Loro si fanno imbrogliare e, quindi, sono felici di spendere di più. In questo modo possono guadagnare decine di migliaia di yuan in solo un anno. Ma tutto quello che tu guadagni è qualcosina per i tuoi servizi e, inoltre, non dici alle tue clienti cose carine e poi aumenti i prezzi dei prodotti. A guadagnare soldi in questo modo, chissà quando sarai in grado di ripagare i tuoi debiti…”. Sentirla parlare così agitò qualcosa dentro di me. Subito dopo che la vidi uscire, fece un salto nel negozio una collega che stava dall’altra parte della strada, la quale, nel momento stesso in cui entrò, disse sarcasticamente: “Sei davvero brava a gestire questo salone! Gli affari vanno bene e la tua reputazione è buona, è solo che la tua attività non è molto redditizia. Sembra che tu voglia diventare una moderna Madre Teresa. Hai veramente tante clienti: se fosse per me, sarei diventata ricca da un pezzo. Quante volte te l’ho detto? Negli affari devi pensare a metodi speciali, ad alcune tattiche. Quando lo capirai? Se gestisci la tua attività a questo modo, morirai di sfinimento prima di guadagnare davvero soldi!”. Detto ciò, se ne andò. Dopo aver ascoltato quello che lei e la mia amica avevano da dire, mi sentii come se fossi stata presa a pugni nello stomaco.

Quella notte nel letto mi girai e rigirai, incapace di prendere sonno. Le parole della mia amica e della mia collega riecheggiavano nella mia testa e io ero bloccata in una battaglia interiore. “È vero, gestisco la mia attività con onestà, per cui, quando mai guadagnerò qualcosa? Come si dice: ‘Il denaro non è tutto, ma senza non si fa nulla’. Non importa quanto sei brava, se proprio non hai soldi! E ora devo pagare per le cure di mia madre e devo rimborsare i miei debiti: tutto ciò richiede denaro. Forse dovrei alzare un po’ i miei prezzi e ogni volta che qualcuno che ha soldi entra, posso far pagare una cifra più elevata. A ogni modo, alcune delle mie clienti spendono senza grossi problemi e non prestano molta attenzione a quanto sborsano, se sono contente della loro acconciatura. Inoltre, non è quello che stanno facendo tutte le altre? Comportarsi a questo modo sarebbe totalmente comprensibile…”. Pensai e ripensai, e decisi di lasciar perdere l’onestà che avevo difeso per tre anni e di iniziare a provarci con le clienti più ricche.

Seguendo le tendenze malvagie, persi il mio senso morale

A mezzogiorno del giorno seguente arrivò una cliente che voleva una permanente. Osservai che era vestita molto bene e sembrava piuttosto benestante, quindi pensai di farle un prezzo un po’ più alto. Quando ebbi finito, mi chiese quanto costasse. Normalmente le avrei fatto pagare 120 yuan, ma quella volta dissi che erano 200. Ero davvero nervosa dopo aver pronunciato queste parole, e il mio cuore non smetteva di battere forte. Non osavo guardarla in faccia, temendo che si sarebbe accorta che avevo alzato il prezzo. Ma lei si limitò a consegnare subito i soldi e, mentre se ne andava, disse: “Sei davvero brava. Mi piace il nuovo stile che mi hai dato con questa permanente: vale qualsiasi somma di denaro. Ho intenzione di consigliare alle mie colleghe e alle mie amiche di venire a farsi i capelli qui”. Dopo che se ne fu andata, mi sentii per un bel po’ sottosopra. Pensai a quanto questa cliente si era fidata di me, ma io l’avevo ingannata. Mi sentivo come se avessi violato la mia coscienza. Ma quando vidi che avevo guadagnato più soldi di prima, mi sentii soddisfatta e a quel modo avrei incassato denaro molto più velocemente. Alle prese con tali rimorsi di coscienza, tutto quello che potevo fare era ricacciare quel senso di colpa nel profondo del mio cuore.

Da quel giorno in poi, mi concentrai risolutamente su come guadagnare più soldi. Ogni volta che vedevo entrare una cliente benestante, le davo il benvenuto tutta sorrisi, la salutavo cordialmente e le consigliavo alcuni servizi e prodotti particolari. Una volta una cliente disse che desiderava farsi lavare e acconciare i capelli, e io pensai: “Lavare i capelli costa 10 yuan, non è abbastanza. Devo trovare un trucco per ottenere una cifra più elevata”. Così le dissi: “I suoi capelli sono troppo secchi. Se non inizia a prendersene cura, presto comincerà a perderne tanti e i capelli sono come una seconda faccia per le donne. Se inizierà ad avere problemi con i suoi capelli, sarà troppo tardi per i rimpianti”. Feci alcune raccomandazioni che ebbero un certo effetto su di lei; spese 300 yuan per una serie di prodotti nutrienti contro la perdita di capelli e ne divenne una cliente affezionata. Dopo che se ne fu andata, mi sentii un po’ a disagio e pensai: “Ho i soldi nelle mie mani, ma non so nemmeno quanto sia efficace quel prodotto. Se faccio pubblicità ai cosmetici a questo modo, cosa farò se la cliente non ottiene un buon risultato e torna per protestare?”. Ma preoccuparsi non serviva a nulla e il prodotto era già stato venduto, quindi non c’era niente da fare al riguardo.

Poi, pochi giorni dopo, vendetti a 68 yuan una bottiglia di shampoo da 25 yuan a una cliente che voleva qualcosa contro la forfora, e lei non smetteva di ringraziarmi. Non avrei mai immaginato che fosse così facile guadagnare soldi: non c’era da stupirsi che le mie colleghe si fossero arricchite da tanto tempo. Anche se pensavo che gestire un’attività con bugie e imbrogli non fosse moralmente corretto, i soldi arrivavano in fretta e in breve tempo sarei diventata una persona ricca. Inoltre, ora c’era una fonte di denaro per le spese mediche di mia madre. Quando pensai a tutto ciò, il disagio che sentivo nel mio cuore scomparve gradualmente e io mi convinsi ancora di più che negli affari si potevano guadagnare soldi solo basandosi su bugie e imbrogli.

Con mia sorpresa, la cliente a cui avevo consigliato una cura regolare per i capelli tornò al negozio per lamentarsi. Disse che stava usando il prodotto da più di un mese, ma i suoi capelli non erano diventati più spessi, al contrario, avevano continuato a farsi più sottili. Avevo paura che chiedesse di essere rimborsata e che non si sottoponesse più ad alcuna cura, e che il denaro che avevo ricavato sarebbe andato perso. Inoltre, il fatto che dicesse quelle cose avrebbe potuto avere un impatto negativo su altre clienti che utilizzavano quel prodotto. Mi precipitai a dire qualcosa per appianare la situazione. “Vedo che i suoi capelli sembrano essere molto migliorati negli ultimi tempi. Ad ogni modo, ci vuole un bel po’ prima che i capelli ricrescano. Ci sono clienti che continuano a usare questo prodotto per un anno o più, prima che la loro chioma inizi lentamente a diventare più folta. È come curare una malattia, deve fare le cose con calma”. Sentendomi dire ciò, la cliente non si lamentò più e continuò a frequentare il salone come al solito per i trattamenti ai capelli.

Diversi anni trascorsero in un batter d’occhio. Avevo guadagnato un po’ di soldi, tutti i miei debiti erano stati ripagati e avevo persino comprato una casa e un’auto. Non sapevo perché, ma non ero mai felice. Mi sentivo sempre in colpa verso le mie clienti e non avevo mai il cuore in pace. L’antico proverbio dice: “Dio può vedere ogni piccola cosa che facciamo”. Come era possibile che la mia coscienza fosse tranquilla quando ingannavo così le clienti? Volevo davvero tornare al modo in cui le cose erano prima, affrontando ogni singola cliente con sincera onestà, senza bisogno di dire bugie o di imbrogliare e, in particolare, senza dovermi scervellare per insabbiare tutto e mentire. Anche se non guadagnavo molti soldi, allora ero tranquilla, in pace e vivere non era così faticoso. Ma, a quel punto, era come se avessi una dipendenza dal gioco d’azzardo: vivevo in un mondo di bugie, volevo fermarmi, ma non ero in grado di farlo. Il vuoto nel mio cuore e il disagio nella mia coscienza mi lasciavano spesso insonne, ma non ero nemmeno disposta a tornare al mio vecchio modo di gestire gli affari. Mi sentivo molto in conflitto e davvero non sapevo come sfuggire a quella vita di sofferenza.

Accettare il Vangelo e assaggiare per la prima volta la dolcezza delle parole di Dio

Dove l’uomo finisce, lì inizia Dio. Proprio mentre stavo lottando dolorosamente, coinvolta in un pantano di peccato, un’amica condivise con me il Vangelo di Dio degli ultimi giorni. Mi disse che tutte le parole di Dio sono la verità e che possono risolvere tutte le nostre difficoltà, che riescono a curare la sofferenza delle nostre anime. Più tardi la mia amica mi portò in Chiesa, dove vidi che i fratelli e le sorelle erano tutti veramente sinceri, e indipendentemente da chi provasse confusione o difficoltà, loro avrebbero trovato parole di Dio per condividere e risolvere i problemi. E quando c’erano attriti tra le persone, tutti erano molto semplici e aperti; comunicavano fra loro e nessuno nascondeva alcunché. Non c’erano pregiudizi o barriere tra le persone. Tutti i fratelli e le sorelle della Chiesa si comportavano secondo le parole di Dio: possedevano l’opera e la guida dello Spirito Santo, e si trovavano in condizioni completamente diverse rispetto alle persone del mondo esterno. Mi integrai molto rapidamente nella vita della Chiesa, partecipando agli incontri e leggendo le parole di Dio con tutti, cantando inni e lodando Dio. Mi sentivo incredibilmente tranquilla e in pace: quel tipo di pace spirituale è qualcosa che il denaro non può assolutamente comprare. Vidi la speranza nella vita e decisi di praticare bene la mia fede.In

un incontro, lessi il seguente passo: “Dovete sapere che Dio vuole l’uomo sincero. Lui possiede l’essenza della lealtà, perciò ci si può sempre fidare della Sua parola. Inoltre, le Sue azioni sono irreprensibili e indiscutibili. Ecco perché Dio apprezza coloro che sono del tutto sinceri con Lui. Sincerità significa donare il vostro cuore a Dio, mai imbrogliarLo; essere franchi con Lui in ogni cosa, senza mai nascondere la verità; mai fare ciò che inganna i superiori e illude i subordinati e mai fare ciò che serve soltanto a ingraziarsi Dio. In breve, essere sinceri vuol dire astenersi dall’impurità nelle vostre azioni e parole, e non ingannare né Dio né gli uomini” (“Tre ammonimenti”). Riflettendo sulle parole di Dio, compresi che Egli è leale; Gli piacciono le persone oneste e detesta coloro che ingannano. Dobbiamo essere persone integre secondo le prescrizioni di Dio: dobbiamo chiamare le cose col loro nome, non imbrogliare o ingannare, ed essere completamente sinceri. Questo è l’unico modo per ottenere l’approvazione di Dio. Riflettei, poi, sul fatto che i fratelli e le sorelle sono generalmente semplici, aperti e lavorano per essere persone oneste; sono concreti e realisti nelle loro parole e nelle loro azioni, e non si fanno coinvolgere in imbrogli. Anche se ci sono volte in cui cercano di salvarsi la faccia o la posizione, o dicono una bugia, sono tutti capaci di riflettere su sé stessi e di conoscersi e, successivamente, praticano nell’essere chiari e nell’aprirsi secondo le parole di Dio. Le loro vite sono veramente libere e rilassanti, e i loro volti sono spesso ornati da sorrisi felici. È una situazione davvero invidiabile. Dopo aver compreso tutto ciò, desiderai anch’io diventare una persona onesta, essere qualcuno che reca gioia a Dio e vivere con una coscienza tranquilla e in pace. Ma poi pensai al fatto che sono un’imprenditrice e che in questa società materialista dove il denaro vale più di ogni altra cosa, fare affari onestamente non solo significa non poter guadagnare denaro, ma indica anche essere preso in giro dagli altri: non c’è proprio modo di affermarsi in una società così. Ma sapevo che se avessi continuato a mentire e a imbrogliare, anche se riuscivo a ingannare la gente, non avrei mai potuto raggirare Dio: Egli vede nel profondo dei nostri cuori e conosce tutti i nostri pensieri. Avevo già accettato la salvezza di Dio, per cui, se non fossi diventata una persona onesta sulla base di ciò che Egli richiede, ma avessi continuato a imbrogliare nei miei affari, non sarebbe forse ciò stato disgustoso per Lui? Ci pensai e ripensai, e alla fine decisi che nei miei futuri rapporti d’affari avrei agito secondo le parole di Dio e avrei praticato per essere una persona onesta.

Un giorno, mentre stavo tagliando i capelli a una cliente, questa mi chiese: “Pensa che la mia chioma sia secca? Se è così, mi faccia un trattamento nutriente con olio caldo, mentre sono qui”. Pensai: “Da un taglio di capelli posso guadagnare solo dieci yuan, ma un trattamento con l’olio significherebbe riceverne almeno un altro centinaio. È la stessa cliente che lo ha richiesto: non sono certo stata io a farle pressione per ottenere più soldi. Questo non conta come ingannare, giusto?” Diedi un’altra occhiata ai suoi capelli e vidi che non erano affatto secchi e non avevano bisogno di un trattamento all’olio, ma se fossi stata onesta e le avessi detto la verità, lei sicuramente non avrebbe voluto farlo, questo trattamento, e io non ci avrei guadagnato quasi niente. Proprio mentre mi sentivo in crisi, mi vennero in mente queste parole di Dio: “Essere sinceri vuol dire astenersi dall’impurità nelle vostre azioni e parole, e non ingannare né Dio né gli uomini” (“Tre ammonimenti”). Le parole di Dio mi ricordarono in modo tempestivo che le persone oneste nelle loro parole e nelle loro azioni cercano la verità dai fatti: uno è uno e due è due. Che sia davanti a Dio o davanti al prossimo, costoro non ingannano o imbrogliano, e solo quel tipo di comportamento è in linea con la volontà di Dio. Poiché volevo essere una persona onesta, dovevo accettare l’esame approfondito di Dio e dire la verità. Quindi, risposi con franchezza alla cliente: “I suoi capelli non sono secchi. Non sprechi il suo denaro”. Lei replicò, sorpresa: “Non avrei mai pensato che il proprietario di un’attività commerciale avrebbe avuto una tale cortesia professionale. Davvero non ci sono più abbastanza persone come lei. Ho assolutamente intenzione di mandare qui tutti i miei familiari a farsi i capelli”. Ascoltare queste parole fu davvero emozionante per me: continuai a ringraziare Dio. Fui sorpresa dal fatto che la prima volta che avevo agito come una persona onesta, avevo ricevuto quel riconoscimento da una cliente. Essere integri è veramente gratificante.

Nei giorni che seguirono, feci del mio meglio per essere una persona onesta in accordo con le prescrizioni di Dio e, prima che me ne accorgessi, la mia sensazione di disagio andava progressivamente diminuendo, e non ero più preoccupata che qualcuno sarebbe tornato al negozio, sconvolto. Ogni notte dormivo profondamente.

Tornare ai miei vecchi metodi e rendermi conto di quanto profondamente Satana mi aveva corrotto

Dopo un po’ di tempo che mi comportavo a questo modo, cominciai a pensare che stavo gestendo la mia attività in linea con le prescrizioni di Dio e che ero già diventata una persona onesta. Ma di fronte alla tentazione di ottenere maggiori guadagni, tornai ai miei vecchi metodi…

Un pomeriggio, cinque donne entrarono nel salone. Erano appena tornate da un viaggio e avevano sentito dal loro tassista che ero una brava parrucchiera, per cui erano venute subito da me. Una di loro disse esplicitamente: “Non importa quanti soldi spendiamo, se fa in modo di farci delle belle permanenti!” Sentendola parlare così, pensai tra me: “Sembrano tutte piuttosto benestanti. Se saranno contente di come farò loro i capelli, non sarà un problema se chiederò un po’ di soldi in più. Non c’è motivo di rifiutare denaro che posso mettermi in tasca”. Ma poi ci ripensai meglio. “Non sarebbe forse questo di nuovo un inganno? Ma quando le metti tutte e cinque insieme, non si tratta di una piccola somma. Un’opportunità così non si presenta tanto spesso! Inoltre, a loro non importa di una cifra modesta, per cui farò un’eccezione solo una volta e le farò pagare un po’ di più. Dio non mi biasimerà per questo”. Dopo che ebbi terminato con le loro permanenti, vidi che ne erano tutte davvero contente, così alzai il compenso di 160 yuan fino a 260, e loro non dissero una parola. A quel modo avevo tirato su altri 500 yuan: ero elettrizzata.

La gioia di essere onesti

Foto di moda creata da freepik - www.freepik.com

Ma quella notte a letto, mi giravo e rigiravo, e non riuscivo a prendere sonno. Mi sentivo davvero turbata e non ne conoscevo il motivo, per cui mi inginocchiai per pregare. Mentre pregavo, improvvisamente mi venne in mente che avevo mentito quel giorno e, altrettanto improvvisamente, sentii un dolore nel mio cuore come se fosse stato trafitto da un coltello. Capivo di essere una vera truffatrice, che potevo forzarmi a essere onesta quando c’erano in gioco piccoli profitti, ma di fronte a un guadagno più grande avevo ceduto. Sapevo che fare ciò non era in linea con la volontà di Dio, ma continuavo a mentire e ingannare. Non stavo forse commettendo consapevolmente una colpa? Dopo aver riflettuto ed essermi resa conto di tutto ciò, mi pentii delle mie azioni e pregai in lacrime Dio. “Dio, di fronte a un grande guadagno, anche se avevo capito bene le Tue parole, tuttavia non le ho messe in pratica. Sembra che io non possa essere una persona onesta: è così frustrante. Oh Dio, non voglio violare le tue prescrizioni mentendo e imbrogliando, ma per quale motivo non riesco a resistere alla tentazione del denaro? Dio, ti prego, guidami a capire questo aspetto della verità”.

Cercai le risposte nelle parole di Dio: “‘I soldi fanno girare il mondo’ è la filosofia di Satana e prevale nell’intera umanità, in ogni società umana. Potreste dire che è una tendenza perché è stata inculcata a tutti e ormai è impressa nel loro cuore. Le persone sono passate dal non accettare questo detto al farci così tanto l’abitudine che, quando sono entrate in contatto con la vita reale, a poco a poco l’hanno approvato tacitamente, ne hanno riconosciuta l’esistenza e infine gli hanno dato il loro benestare. Questo processo non è la corruzione dell’uomo da parte di Satana?” (“Dio Stesso, l’Unico V”). “Le persone in passato, conducevano gli affari in modo da non ingannare né vecchi né giovani, vendendo le merci allo stesso prezzo, indipendentemente da chi le acquistava. Non è indice di coscienza e di umanità? Quando le persone usavano questo tipo di convinzione nella conduzione dei propri affari, mostrano di avere ancora una certa coscienza, una certa umanità, a quel tempo. Ma con la domanda dell’uomo di una quantità sempre maggiore di denaro, le persone sono giunte inconsapevolmente ad amare il denaro, il profitto e il divertimento sempre più. Le persone erano quindi giunte a considerare il denaro come più importante? Quando le persone considerano il denaro come più importante, inconsapevolmente trascurano la propria reputazione, il proprio buon nome, prestigio e integrità; trascurano tutti questi aspetti, non è vero? Quando ti metti in affari, vedi qualcun altro usare approcci diversi, utilizzando mezzi diversi per truffare gli altri e arricchirsi. Sebbene il denaro da loro guadagnato rappresenti un guadagno illecito, queste persone si arricchiscono sempre più. Intraprendono la tua stessa attività, ma tutta la famiglia si gode la vita più di quanto tu non faccia; e tu ti senti male e dici: ‘Perché non posso farlo anch’io? Perché non posso guadagnare tanto quanto loro? Devo pensare a un modo per fare più denaro, per rendere i miei affari più vantaggiosi’. Cominci quindi a rifletterci. […] In seguito, una volta che l’uomo è stato contaminato da tale inganno, accade la stessa cosa che si verifica quando qualcuno prende il vizio del gioco e diviene un giocatore d’azzardo. Inconsapevolmente, approva il proprio comportamento disonesto e lo accetta. Inconsapevolmente, comincia a considerare la frode come un comportamento commerciale legittimo, a considerare l’imbroglio come il mezzo più vantaggioso per la propria sopravvivenza e la propria vita; pensa che così facendo può arricchirsi velocemente. All’inizio di questo processo le persone non possono accettare questo tipo di comportamento, disprezzano questo comportamento e questo modo di fare, poi lo sperimentano personalmente, ci provano a loro modo, e il loro cuore comincia gradualmente a trasformarsi. In che consiste dunque tale trasformazione? Si tratta di un’approvazione e un’ammissione di questa tendenza, un’ammissione e un’approvazione di questa idea, instillata in te dalla tendenza sociale. Inconsapevolmente senti che se non imbrogli negli affari subirai delle perdite, che se non imbrogli ti sarai perso qualcosa. Inconsapevolmente, questo imbrogliare diventa la tua stessa anima, il tuo sostegno e anche un tipo di comportamento che è una regola indispensabile per la tua vita. Dopo che l’uomo ha accettato questo tipo di comportamento e di pensiero, non tocca al cuore dell’uomo subire un cambiamento? Il tuo cuore è cambiato, è cambiata la tua integrità? È cambiata la tua umanità? (Sì.) È cambiata la tua coscienza? (Sì.) La totalità dell’uomo subisce un cambiamento qualitativo, dal cuore ai pensieri, di tale portata che si viene cambiati dall’interno all’esterno. Tale cambiamento ti allontana sempre più da Dio e diventi sempre più conforme a Satana, sempre più simile a lui” (“Dio Stesso, l’Unico VI”).

Le parole di Dio rivelano pienamente la verità della nostra corruzione da parte di Satana. In passato, la stragrande maggioranza delle persone era solita condurre le proprie attività commerciali con onestà, sostenendo la convinzione che non si deve imbrogliare nessuno, non importa chi fosse, e c’era l’abitudine di vendere tutto a un prezzo fisso; la gente facevano affidamento sulla propria coscienza nel fare affari. Ma con la tentazione e la corruzione di Satana, filosofie sataniche come “Il denaro è al primo posto”, “Il denaro non è tutto, ma senza non si fa nulla” e “I soldi fanno girare il mondo”, si sono conficcate in profondità nei cuori delle persone e sono diventate la loro base per la sopravvivenza. Una volta accettato questo tipo di prospettiva, la gente vede il denaro come al di sopra ogni altra cosa e crede che averne molto sia l’unico modo per godere di una fantastica vita materiale, oltre che per essere invidiato e guardato con ammirazione dagli altri. Ma, senza soldi, semplicemente non ci si può affermare o vivere in una società del genere; questo è il motivo per cui tutti adulano il denaro. Sempre meno persone sono disposte a gestire ogni giorno le proprie attività con il dovuto rispetto e a guadagnare solo la giusta mercede, per cui iniziano a usare ogni sorta di altre tattiche. Tutti mentono e imbrogliano per il proprio vantaggio, diventando sempre più egoisti, spregevoli, subdoli, ingannevoli, avidi e malvagi. La gente perde la coscienza morale, la ragione, il carattere e la dignità che un individuo per bene dovrebbe possedere e rinuncia al principio di essere una brava persona. È così che viene condotte da Satana in un abisso di depravazione, passo dopo passo, e si allontana sempre più da Dio. Anch’io sono stata tentata e corrotta da Satana a quel modo, e ho rinunciato gradualmente al valore di essere una brava persona. Ripensai a quando avevo appena avviato la mia attività, a quando mi basavo sulla mia coscienza e operavo con onestà, ma da quando mia madre si era ammalata e avevano cominciato a esserci tante spese mediche da pagare, avevo iniziato a pensare che non avere soldi era davvero una sofferenza. Spinta dalla mia amica e dalla mia collega, avevo cominciato anch’io a seguire le tendenze malvagie della società. Avevo iniziato a basarmi su menzogne e imbrogli e, anche se avevo guadagnato un po’ di soldi, i debiti erano stati ripagati e avevo una vita davvero confortevole, non provavo nessuna felicità. Invece, avvertivo una sensazione sempre più grande di vuoto e di dolore, e spesso mi sentivo veramente in colpa. Dopo aver acquistato la mia fede, grazie agli incontri con i fratelli e le sorelle e alla lettura delle parole di Dio, avevo compreso che a Lui piacciono le persone oneste e che Egli detesta i disonesti che mentono e imbrogliano, per cui avevo deciso di essere integra in linea con le parole di Dio. Tuttavia, quando avevo affrontato la tentazione di una grande somma di denaro, non ero stata capace di mettere in pratica la verità, anche se ero totalmente consapevole di cosa essa fosse. Semplicemente non avevo potuto fare a meno di essere di nuovo disonesta. Solo grazie alle rivelazioni contenute nelle parole di Dio, mi ero resa conto che vivere secondo filosofie e principi satanici era la causa per cui non riuscivo a praticare le Sue parole. Dopo quell’esperienza, sperimentai in modo davvero forte quanto sono profondamente radicate nel mio cuore quelle filosofie e quei principi satanici, e che essi mi avevano resa incredibilmente egoista, spregevole e centrata su me stessa. Ero stata capace di rinunciare alla verità e ai principi morali solo per guadagnare un po’ di soldi e, anche se avevo capito bene la verità, avevo intenzionalmente peccato ed ero andata contro Dio. Mi resi conto che le filosofie e i principi satanici non fanno altro che corrompere e danneggiare l’umanità, che essi sono tutti concetti negativi e che possono solo guidarci a compiere il male e a opporci a Dio. Se avessi vissuto secondo quei principi e avessi continuato a mentire e a imbrogliare per un mio vantaggio personale, mi sarei allontanata sempre di più dalle prescrizioni e dalle norme di Dio e, alla fine, avrei perso la mia possibilità di essere da Lui salvata. Dopo aver compreso tutto ciò, mi prostrai in preghiera al Suo cospetto: “Dio, ho sbagliato! So che ci chiedi di essere persone oneste e sono stata capace di comportarmi in tal modo di fronte a un piccolo guadagno, ma non appena mi sono trovata davanti un grande ricavo, ho scelto ancora una volta di mentire e di imbrogliare. Ho visto che sono stata profondamente corrotta dal concetto satanico di ‘I soldi fanno girare il mondo’, non posso mettere in pratica in modo coerente le Tue parole e non riesco a vivere la giusta umanità. Oh Dio, ho visto quanto sono profondamente corrotta da Satana, che sono tanto disonesta e ribelle. Dio, desidero pentirmi al Tuo cospetto e pregarTi di guidarmi a rifuggire dalle catene della filosofia e dei principi di Satana, in modo da poter mettere in pratica la verità, da poter essere una brava persona e vivere la giusta umanità. Amen!”.

Essere una persona onesta, il mio cuore si sente libero

In seguito, lessi questo passaggio della parola di Dio: “Il Mio Regno necessita di persone oneste, non ipocrite e non false. Quelle sincere e oneste non sono impopolari nel mondo? Io sono l’esatto contrario. È accettabile che gli uomini onesti vengano a Me; questo tipo di persone Mi allietano e ne ho anche bisogno. È proprio questa la Mia giustizia” (“Capitolo 33” dei Discorsi di Cristo al principio). Dalle parole di Dio compresi che Egli è leale e giusto, e non permette di entrare nel Suo Regno a coloro che mentono e imbrogliano spesso. Solo quelli che praticano la verità e sono onesti possono ottenere la salvezza di Dio ed entrare nel Suo Regno. Ciò è stabilito dall’indole di giustizia di Dio. Il cuore di una persona onesta è libero da menzogna e inganno. Tali persone non devono scervellarsi per inventare una menzogna ancora più grande per nascondere la bugia che hanno raccontato all’inizio, e di certo non vivono sulle spine, impauriti di essere scoperti da qualcuno per una falsità che hanno raccontato. Non c’è oscurità nei cuori delle persone oneste e non c’è sofferenza. Gli altri possono contare su ciò che loro dicono, sono sinceri; sono aperti e trasparenti. Solo loro vivono la somiglianza di autentici esseri umani. Fu allora che mi resi conto di quanto sia importante, di quanto sia prezioso essere una persona onesta. Sia ringraziato Dio! Dopo aver compreso queste cose, fui ancora più motivata a cercare di essere una persona integra e, così, decisi che assolutamente mi sarei comportata in tal modo.

Il giorno seguente, verso mezzogiorno, mentre stavo tagliando i capelli a una cliente, la donna a cui avevo raccomandato il trattamento di ispessimento dei capelli il mese precedente entrò, con il muso lungo. Pensai: “Sembra che creerà qualche problema. Che cosa succede se si mette a dire che il prodotto non è buono e le altre clienti ascoltano? Non avrà conseguenze sui miei affari? Cosa posso fare per liberarmi di lei?”. Proprio mentre stavo cercando di capire come affrontarla, riflettei sulle parole di Dio che avevo appena letto. Riconobbi che se avessi continuato a imbrogliare e a ingannare le persone per i miei interessi personali, ciò avrebbe semplicemente disgustato Dio. Dovevo essere una persona onesta, amata da Dio; non potevo continuare a mentire o a imbrogliare, e non importava cosa avesse da dire quella donna o cosa le altre clienti avrebbero pensato di me, dovevo essere una persona integra e affrontare correttamente la sua lamentela. Proprio mentre mi passavano per la mente queste riflessioni, la sentii dire irosamente: “Non ha forse sostenuto che con questo trattamento di ispessimento mi sarebbero ricresciuti nuovi capelli? Non mi è ricresciuta neanche una nuova ciocca di capelli. Mi stava imbrogliando, vero?”. Mentre invocavo Dio perché mi guidasse e mi aiutasse a dire la verità, le spiegai con sincerità: “Alcune clienti hanno detto che questo prodotto è alquanto efficace e altre hanno sostenuto che non lo è. Io personalmente non l’ho usato, quindi non posso dire niente. Se ritiene che non funzioni, non lo usi più e io la rimborserò”. Sentendomi parlare a questo modo, realmente la signora non era più arrabbiata e disse con un sorriso: “Volevo solo sapere come stavano davvero le cose. Dal momento che è propensa a essere onesta, un rimborso non è necessario. Comunque, anche se i miei capelli usando questo prodotto non sono diventati più spessi, però sono più morbidi e lucenti di prima”.

Dopo che se ne fu andata, ripensai a quello che era appena successo e giunsi alla conclusione che praticare la verità ed essere una persona onesta non solo conquista il rispetto e la fiducia degli altri, ma fornisce anche pace interiore e tranquillità, e mi aveva permesso di vivere con dignità e carattere. Avevo sperimentato di persona che tesoro è mettere in pratica le parole di Dio. Da quel momento in poi, iniziai a leggere sistematicamente ogni giorno le Sue parole e mi concentrai sulla ricerca della Sua volontà in ogni cosa in cui mi imbattevo nella mia vita, grande o piccola che fosse; cominciai consapevolmente ad abbandonare la mia indole ingannatrice e non mentii o imbrogliai più per amore del denaro. Invece, iniziai a lavorare duro per essere una persona onesta e affidabile, secondo ciò che Dio richiede. Il mio cuore cominciò a sentirsi sempre più libero e leggero, e io acquisii ancora più fiducia nella bontà di essere una persona integra.

Condurre onestamente la propria attività ed essere una persona felice

Un giorno entrò nel mio salone una cliente che desiderava una permanente. In passato, avrei fatto senza dubbio quel che mi aveva richiesto, perché con quel tipo di trattamento potevo guadagnare più soldi, e in più era veloce e facile da eseguire. Anche se alla fine non le sarebbe stata bene, era l’acconciatura che la cliente voleva, quindi non avrebbe potuto rimproverarmi. Ma vidi che questa cliente aveva i capelli molto spessi, era bassa e non era particolarmente magra, per cui ero certa che i capelli ricci non le sarebbero stati bene. Stirarglieli sarebbe stato sicuramente molto meglio che farle la permanente, ma non solo stirare i capelli avrebbe richiesto più tempo, ma non avrei potuto farle pagare altrettanto. Inoltre, se l’acconciatura non le fosse piaciuta, avrebbe fatto storie. Proprio mentre ero coinvolta da questo dilemma, pensai alle parole di Dio: “Ma sia il vostro parlare: Sì, sì; no, no; poiché il di più vien dal maligno” (Matteo 5:37). È vero. Dio ama le persone oneste e ci richiede di dire ciò che è veramente nei nostri cuori. Inoltre, mi occupo di acconciature, di portare più bellezza a ogni singola cliente. La cliente poteva anche volere una permanente, ma il brutto è il brutto e il bello è il bello, e anche se quel giorno non avevo guadagnato molto, dovevo tuttavia essere una persona onesta e sincera. Così, le dissi molto schiettamente: “Signora, ha i capelli piuttosto folti e spessi. Una permanente su di lei sembrerà un’esplosione. Non le starà tanto bene e sarà difficile da gestire. Le sconsiglio di farsi una permanente. La mia opinione è che i suoi capelli vadano assottigliati un po’ e stirati: i capelli le staranno un po’ meglio che con una permanente”. Con mia sorpresa, lei non solo non ne fu dispiaciuta, ma accettò con gioia il mio suggerimento e commentò: “Sono stata in diversi altri saloni prima di venire qui e tutte le altre parrucchiere sostenevano che una permanente mi sarebbe stata bene e, anzi, mi spingevano a farmela fare. Personalmente sentivo che i miei capelli sono troppo spessi e non sarei stata bene con una permanente, ma semplicemente non riuscivo a decidere. Poi una mia amica mi ha riferito che lei è molto brava con i capelli, che è onesta ed economica, perciò ho cercato proprio lei. A quanto pare è proprio come ha detto la mia amica. Non ci sono più tanti commercianti bravi come lei!”. Alle sue parole mi sentii al tempo stesso emozionata e imbarazzata, e pensai a come in passato avevo raggirato e ingannato le persone solo per guadagnare un po’ di soldi in più. Il fatto che ero stata capace di dire qualcosa di onesto, libera dal vincolo del pensiero del denaro, dipendeva interamente dalla forza e dal coraggio che Dio Onnipotente mi aveva dato. Era il frutto delle parole di Dio dentro di me e non c’era nulla di cui vantarmi personalmente. Tutta la gloria sia a Dio!

Un fine settimana una mia sorella più anziana venne al salone per farsi lavare la testa e per caso un’altra cliente stava arrivando per farsi tingere i capelli. Quando glieli guardai, le dissi con franchezza: “I suoi capelli sono stati tinti abbastanza di recente ed è davvero un bel colore. Penso che dovrebbe aspettare un po’ prima di tingerli di nuovo. Le tinture contengono sostanze chimiche di tutti i tipi e colorare i capelli di frequente non va bene non solo per la salute, ma anche per i capelli stessi”. La cliente rispose con una certa sorpresa: “Semplicemente non riesco a credere che ci siano persone come lei che gestiscono attività commerciali nella società di oggi! Non c’è da stupirsi che lei abbia così tanti clienti: con un così buon carattere, è ovvio che la sua attività avrà successo!”. Dopo che se ne fu andata, la sorella mi guardò in modo strano e disse: “Hai la febbre o cosa? Quel denaro era praticamente nelle tue mani, ma tu non l’hai preso. Come hai intenzione di guadagnare qualcosa a questo modo?”. Sapevo che questo era uno dei trucchi di Satana e che Dio usa anche tali situazioni per verificare se sono disposta a praticare la verità e a essere una persona onesta. La confutai, dicendo: “Sai, non siamo solo imprenditori, ma siamo persone. Se non possiamo essere brave persone, come potremmo essere bravi imprenditori? Il fatto di non fermarsi davanti a nulla per guadagnare denaro lo farà arrivare in fretta, ma per quanto riguarda il lungo termine? Preferisco attenermi alla mia etica professionale e avere una certa integrità. Posso essere tranquilla e in pace solo se guadagno di più per la mia coscienza”. Mia sorella sorrise e disse: “Questo non era assolutamente il tuo modo di fare affari prima. Sei davvero cambiata. Sei davvero cambiata!”. Con gioia, risposi: “È grazie a Dio! Sono state le parole di Dio a trasformarmi”.

Dopo di ciò, continuai ad avere sempre più clienti che entravano nel mio salone, ogni giorno era praticamente pieno. Molte di loro erano state mandate da qualcun altro. La mia attività cresceva di giorno in giorno e il mio salone è ora il migliore della strada.

Ripensai alla via che avevo intrapreso e compresi che, con la guida delle parole di Dio, avevo acquisito una certa comprensione della verità sulla corruzione del genere umano da parte di Satana e avevo anche osservato il danno e le conseguenze del vivere secondo le filosofie e i concetti del principe dei demoni. Capii che solo praticando la verità ed essendo una persona onesta potevo ricevere la lode di Dio. Quando baso la mia pratica sulle Sue parole, quando l’integrità è il mio fondamento e nella mia condotta agisco secondo la mia coscienza, posso gradualmente sfuggire a una vita di menzogne e imbrogli perpetrati solo per guadagnare denaro; vivo almeno in parte a somiglianza di un’autentica umanità, e ottengo anche le benedizioni di Dio. Resi grazie a Dio dal mio cuore per avermi salvata e un inno, intitolato “È una tale gioia essere una persona onesta”, sorse in me: “Comprendere la verità libera il mio spirito, mi rende felice. Sono pieno di fiducia, nella parola di Dio non ho dubbi. […] Praticando la verità, obbedisco a Dio da persona onesta. Sincero e retto, senza inganno, vivo nella luce”.

Contattaci!

Ora i disastri si stanno verificando con sempre maggiore frequenza e questo è un momento critico per salutare il ritorno del Signore. Se vuoi accogliere il Signore prima dei grandi disastri ed essere rapito davanti al trono di Dio, non esitare a contattarci. Ne discuteremo insieme!