Lettura del giorno: il 26 aprile 2018 – Matteo 5:8

Beati i puri di cuore, perché essi vedranno Iddio.

-Matteo 5:8

Riflessioni sul versetto di oggi…

Da questo versetto, possiamo vedere che il Signore spera di liberarci e rinunciare alle nostre vecchie conoscenze, di essere una persona con un’obbedienza autentica, perché solo chi ha un cuore puro può ascoltare la voce di Dio e seguire le orme di Dio. Pensate a 2000 anni fa, il Signore Gesù predicò il Vangelo del paradiso e fece opera di redenzione. In quel tempo, anche se il modo di pentirsi predicato dal Signore Gesù era al di fuori della Legge, tutti coloro che sinceramente credevano in Dio e aspettavano la venuta del Messia, come Pietro, Giovanni, Giacomo e altri discepoli, ascoltavano la predicazione del Signore Gesù con spirito sincero, ed erano inflessibili nel seguire il Signore Gesù. Perché hanno visto che le parole del Signore Gesù possono far camminare gli zoppi e far risorgere i morti, e che le Sue parole hanno la stessa potenza e autorità che il Creatore ha usato per creare i cieli, la terra e tutte le cose. Anche perché hanno visto che il Signore Gesù era pieno di benevolenza e misericordia, perdonando i peccati dell’uomo e insegnando anche ai Suoi seguaci ad amare il prossimo come sé stessi, amare i nemici, e di essere paziente e sopportante, che hanno portato le persone a fare pratica. Al contrario, i farisei e i leader dell’ebraismo che si aggrapparono alle lettere dell’Antico Testamento della Bibbia per condannare e resistere al Signore Gesù, e quegli ebrei che sono stati ingannati per mancanza di proprie opinioni e discernimento, collusi con il governo romano per crocifiggere il Signore Gesù, commettevano un crimine odioso, furono puniti da Dio e non avrebbero mai più ricevuto il perdono o il perdono del Signore Gesù. Il Signore Gesù non ha mai profetizzato: “perché com’è il lampo che balenando risplende da un’estremità all’altra del cielo, così sarà il Figliuol dell’uomo nel suo giorno. Ma prima bisogna ch’e’ soffra molte cose, e sia reietto da questa generazione”. Il Signore ha predetto che sarebbe stato rifiutato di nuovo dal mondo quando ritornerà negli ultimi giorni. Racconta la ricorrenza della tragedia che gli uomini degli ultimi giorni condanneranno e resisteranno alla seconda venuta del Signore Gesù. Per noi accogliere il ritorno del Signore Gesù, per quelle cose che non possiamo vedere attraverso, dobbiamo essere con cuore puro a metterci da parte, pregare e cercare la verità per ottenere l’ispirazione e la guida di Dio in modo da non perdere la salvezza di Dio?

Related Post

Lettura del giorno: il 22 febbraio 2018 – Ge... Questa è la posterità di Noè. Noè fu uomo giusto, integro, ai suoi tempi; Noè camminò con Dio. -Genesi 6:9 Riflessioni sul versetto di oggi…...
Lettura del giorno: il 31 marzo 2018 – Danie... Se no, sappi o re, che noi non serviremo i tuoi dèi e non adoreremo la statua d'oro che tu hai eretto’. -Daniele 3:18 Riflessioni sul verset...
Lettura del giorno: il 30 marzo 2018 – Danie... Daniele prese a dire: ‘Sia benedetto il nome di Dio, d'eternità in eternità! poiché a lui appartengono la sapienza e la forza. -Daniele 2:20 ...
Lettura del giorno: il 14 aprile 2018 – Matt... Ed ecco una voce dai cieli che disse: Questo è il mio diletto Figliuolo nel quale mi son compiaciuto. -Matteo 3:17 Riflessioni sul versetto ...