Il ritorno di Gesù Cristo: in segreto o in pubblico

11 aprile 2017, soleggiato

Ultimamente, mi pare che leggere la Bibbia sia sempre più monotono e noioso, che non mi dia nuova luce. Anche se continuo a pregare tutto il giorno, non percepisco alcun effetto e il mio spirito non ne è mosso; mi sento come se il Signore mi stesse nascondendo il Suo volto e non mi prestasse alcuna attenzione. Però, quando penso di smettere di leggere la Bibbia, mi prende la paura. Da oltre dieci anni, il mio più grande desiderio è di essere rapita dal Signore al Suo ritorno e portata nel Regno dei Cieli: se non continuo a leggere la Bibbia, temo che il mio rapporto col Signore potrebbe deteriorarsi del tutto, causando il mio abbandono quando Egli ritornerà.

Tempo fa ho notato che in Matteo 24:30, 26:64, e in Marco 13:26 si legge che il Signore tornerà su una nuvola. Ed è ancora più chiaro in Apocalisse 1:7: “Ecco, egli viene colle nuvole; ed ogni occhio lo vedrà; lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per lui. Sì, Amen”. Ero certa che, al Suo ritorno, il Signore sarebbe disceso su una nuvola e che tutti gli uomini L’avrebbero visto. Perciò, spesso pregavo per questo, chiedendo al Signore di non abbandonarmi quando fosse tornato su di una nuvola a prendere i Suoi fedeli. Parecchi giorni fa, ho letto in Matteo 25:6, “E sulla mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, uscitegli incontro”. Da questo verso si evince, anche abbastanza palesemente, che il Signore tornerà a mezzanotte. Ero alquanto preoccupata: potremmo essere tutti addormentati a quell’ora, quindi come potremo accorgerci che il Signore è disceso tra le nuvole? Ho provato a chiedere a una sorella che viveva alla porta accanto: “In che modo possiamo stare all’erta, così da non essere abbandonati dal Signore?” “L’unico modo è pregare”, ha risposto. Ero lievemente delusa dalla sua risposta. Ho spiegato: “Vorrei sapere se esistono altri modi, oltre a pregare”. Lei ha sbattuto le palpebre, ma non ha detto altro.

L’altro giorno mi è caduto l’occhio su 2 Tessalonicesi 1:7, in cui si legge: “E a voi che siete afflitti, requie con noi, quando il Signor Gesù apparirà dal cielo con gli angeli della sua potenza, in un fuoco fiammeggiante, […]”. Leggendo questo verso, non ho potuto fare a meno di sentirmi confusa: il Signore non dovrebbe tornare sulle nuvole? Perché questo verso dice che Si rivelerà in un fuoco fiammeggiante? Ma allora, come tornerà il Signore? Questo dubbio mi ha tormentata negli ultimi giorni: per quanto ci pensassi, non riuscivo davvero a trovare una risposta. Ero un po’ scoraggiata. Non solo non ricevo nuova luce dalla lettura della Bibbia, ma trovo anche delle discrepanze. Ho letto e riletto, ma invece di capire meglio, divento sempre più confusa. Volevo accantonare la questione e non pensarci più, ma non ci riesco perché sento che si trattava di un grosso problema. Posso solo pregare il Signore in cuor mio: “Signore, più voglio sapere come tornerai, e più sono confusa. Perché?”

17 aprile 2017, soleggiato

Negli ultimi giorni ho studiato la Bibbia su internet e ho cercato di risolvere il mistero del ritorno del Signore. Quando ho visto quel verso che dice che il Signore tornerà a mezzanotte, mentre altri dicono che Si rivelerà in un fuoco fiammeggiante, la mia immagine del ritorno del Signore su una nuvola è andata in frantumi. Quando ho letto questo verso nella Bibbia, “Ma quant’è a quel giorno ed al quell’ora, nessuno li sa, neppur gli angeli nel cielo, né il Figliuolo, ma solo il Padre” (Marco 13:32), mi sono sentita ancora più confusa: dal momento che l’uomo non può conoscere il momento esatto del ritorno del Signore, cosa dovremmo fare per accogliere il Suo ritorno? Più ci penso, più mi sento confusa. Mi sono anche lamentata del fatto che chi ha compilato la Bibbia non l’ha sistemata e rifinita in modo corretto, e la cosa mi confondeva ancora di più.

Poi, mi sono ricordata che fratello Zheng una volta è stato all’estero, quindi magari poteva saperne di più sull’argomento. Dopo mangiato, ho chiamato fratello Zheng e gli ho chiesto di venire da me. Quando è arrivato, gli ho riversato addosso tutti i miei dubbi. Lui mi ha detto: “Anche io ero confuso riguardo al ritorno del Signore. Poi, però, comunicando con i fratelli e le sorelle che comprendono la verità, ho capito che ci sono due modi in cui il Signore potrebbe tornare: in segreto e pubblicamente. In Matteo 25:6 si legge: ‘E sulla mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, uscitegli incontro’ e Marco 13:32 dice: ‘Ma quant’è a quel giorno ed al quell’ora, nessuno li sa, neppur gli angeli nel cielo, né il Figliuolo, ma solo il Padre’. Questi due versi si riferiscono all’arrivo in segreto del Signore. Invece, in Luca 21:27 leggiamo: ‘E allora vedranno il Figliuol dell’uomo venir sopra le nuvole con potenza e gran gloria’ e in Apocalisse 1:7 è scritto: ‘Ecco, egli viene colle nuvole; ed ogni occhio lo vedrà; lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per lui. Sì, Amen’. Questi si riferiscono a Dio che torna pubblicamente.

Tutto ciò significa che il Signore scenderà prima in segreto, poi lo farà pubblicamente. Scendere in segreto significa che Dio Si farà carne come Figlio dell’uomo per compiere l’opera di giudizio e castigo degli ultimi giorni. La Bibbia dice: ‘Ma prima bisogna ch’e’ soffra molte cose, […]’, e anche che il Figlio dell’uomo camminerà per le Chiese tra i candelabri d’oro. Queste due profezie si riferiscono al periodo in cui il Figlio dell’uomo compirà l’opera di giudizio in seguito al Suo arrivo segreto. Il Figlio dell’uomo nasce umano e non appare diverso da una persona normale. Il fatto che possegga sostanza divina non può essere compreso o saputo da chiunque. Perciò, il periodo in cui Dio opera in carne è il periodo della Sua venuta in segreto. Ad esempio, prima che il Signore Gesù fosse crocefisso, nemmeno i Suoi discepoli L’avevano riconosciuto. E fu grazie alla rivelazione del Padre celeste che Pietro fu in grado di riconoscere il Signore Gesù come Cristo, il Figlio del Dio vivente. Mentre Dio è incarnato per operare come Figlio dell’uomo, noi non siamo in grado di riconoscerLo o di comprendere le Sue parole senza lo Spirito Santo, perché i nostri occhi non sono in grado di vedere nel regno spirituale. Quindi, il periodo in cui il Figlio dell’uomo discende per operare corrisponde alla fase dell’avvento segreto di Dio nel mondo.

In quella fase, Dio esprime parole e compie l’opera di giudizio per salvare l’umanità. Dopo aver sperimentato le parole e l’opera di Dio, gli uomini comprenderanno la realtà sulla propria corruzione, vedranno che la loro natura satanica è radicata e difficile da modificare, e che per farlo devono sperimentare e mettere in pratica le parole di Dio, nonché accettare e sottostare al Suo giudizio, perché solo così potranno accantonare via via la loro natura peccaminosa ed essere purificati e salvati. Quando gli uomini entreranno in questa fase, essi vedranno davvero che la parola di Dio ha prodotto dei risultati in loro e che il piano di gestione di Dio per salvare l’umanità in modo definitivo si è compiuto. Allora, l’opera segreta di Dio giungerà al termine e tutti gli uomini si sottometteranno a Dio, ringraziandoLo per la Sua salvezza e lodando la Sua onnipotenza, la Sua saggezza e le Sue meravigliose azioni. Poi, Dio cambierà in forma e apparirà pubblicamente all’umanità per ricompensare i buoni e punire i malvagi. Allora, sarà rivelata la fine di ogni tipo di uomo. I vincitori, coloro che avranno portato testimonianza di Dio nelle difficoltà e nelle tribolazioni, saranno purificati tramite il Suo giudizio e il Suo castigo e saranno portati nel Regno dei Cieli. Allo stesso tempo, Dio manderà sulla terra grandi disastri per punire e distruggere tutte le specie di Satana che Gli resistono. Questa opera di Dio rispecchia esattamente la profezia contenuta nel Libro dell’Apocalisse: ‘Ecco, egli viene colle nuvole; ed ogni occhio lo vedrà; lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per lui. Sì, Amen’ (Apocalisse 1:7)”.

Quel giorno, fratello Zheng mi ha anche svelato molte altre verità riguardo al ritorno di Gesù Cristo negli ultimi giorni. Non mi aspettavo che fratello Zheng fosse in grado di spiegarmi le modalità del ritorno del Signore e la Sua opera così chiaramente, e in maniera così convincente. Non avevo mai assistito a tanta conoscenza prima d’ora. Gli ho chiesto dove avesse letto queste cose e perché io non ne avevo mai sentito parlare. Lui, con un sorriso, ha risposto: “Prima di andare all’estero, spesso riuscivo ad evitare il great firewall1 per cercare i messaggi riguardanti la venuta del Signore: quando poi sono andato all’estero, cercavo in internet ogni giorno. Anche tu puoi fare ricerche in internet. Ci sono tantissimi film e video che parlano del ritorno del Signore! Ne troverai tantissimi su Facebook”.

Ero davvero emozionata. Fratello Zheng non aveva solo posto fine alla mia confusione, ma mi aveva anche indicato un modo per saperne di più su come il Signore compirà la Sua opera di purificazione e salvezza dell’umanità. Sono cerca che tutto ciò è merito della guida del Signore. Sia ringraziato il Signore! Alleluia!


Condividere i più misteri della Bibbia, studi biblici insieme:

Un passo importante per accogliere il ritorno del Signore

Qualcuno sa della venuta del Signore Gesù?