Significato di fede: cos’è la vera fede

Ho creduto nel Signore per così tanti anni. Tuttavia, quando qualcuno mi ha chiesto: “Per quale scopo credi in Dio?” Per un momento, non sapevo esattamente come rispondere. A proposito di questa domanda, avevo chiesto ai miei fratelli e sorelle nel Signore. Mi hanno dato varie risposte. Alcuni dicevano: “Credere in Dio è essere una brava persona e vivere come un vero uomo”; alcuni hanno detto: “Ricevere la protezione di Dio e la pace della carne ed evitare il disastro”; alcuni hanno detto: “Credere in Dio è solo per essere salvato. E inoltre, posso ricevere un centuplo nell’età presente e la vita eterna nell’era a venire. Le benedizioni di Dio sono innumerevoli”; alcuni hanno detto: “Per le mie malattie da guarire”; alcuni hanno detto: “Per ottenere un conforto temporaneo”; alcuni hanno detto: “Per una buona destinazione e una vita eterna”.… In una parola, ognuno di noi ha il nostro punto di vista fede in Dio. Quindi, tali punti di vista sono conformi alla volontà del Signore? Sono i nostri punti di vista sulla ricerca giusta?

LA BIBBIATenendo questa domanda nei miei pensieri, ho studiato le Scritture. Ho visto delle parole del Signore Gesù, “Perciò vi dico: Non siate con ansietà solleciti per la vita vostra di quel che mangerete o di quel che berrete; né per il vostro corpo di che vi vestirete. Non è la vita più del nutrimento, e il corpo più del vestito?” (Matteo 6:25). “Ma cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno sopraggiunte” (Matteo 6:33). Da queste parole, ho imparato che credendo in Dio, dobbiamo prima cercare il Regno di Dio e la Sua giustizia. Non dovremmo perseguire cose per la carne come cibo, vestiti e divertimento, poiché ciò appartiene a ciò che i non credenti perseguono. Come credenti nel Signore, dobbiamo perseguire modi per ottenere la verità e la vita, per sbarazzarci dei peccati e ricevere La salvezza di Dio, e vivere la vera vita di obbedire e adorare Dio. Quanto a me, ho avuto lo stesso punto di vista di credere in Dio come la maggior parte delle persone, solo prendendo in considerazione la mia carne. La nostra credenza in Dio è che la nostra anima sia salvata e la nostra carne abbia pace. Quando siamo malati, chiediamo a Dio di guarirci; quando siamo deboli, chiediamo a Dio di sostenerci; quando ci manca qualcosa, chiediamo a Dio di fornirci; quando siamo nel dolore, chiediamo a Dio di confortarci. Cosa c’è di più, speriamo che dopo la morte, possiamo entrare in paradiso ed evitare la sofferenza dell’inferno… Noi crediamo in Dio solo allo scopo di ottenere da Lui grazia e benedizioni.

Un giorno, ho visto le parole di Dio in un libro, “Sebbene molte persone credano in Dio, poche capiscono cosa significhi avere fede in Lui e cosa debbano fare per seguire il Suo cuore. Questo perché, sebbene le persone conoscano la parola ‘Dio’ e le espressioni ‘l’opera di Dio’, non conoscono Dio, né tantomeno la Sua opera. Non c’è da meravigliarsi, quindi, che tutti coloro che non conoscono Dio credano in modo confuso. Le persone non prendono seriamente la fede in Dio, perché credere in Lui è del tutto insolito, del tutto strano per loro. Di conseguenza, non sono all’altezza delle richieste di Dio. In altre parole, se la gente non conosce Dio e non conosce la Sua opera, non è adatta a essere usata da Dio, e tantomeno può realizzare il Suo desiderio. ‘Fede in Dio’ significa credere che Egli esiste; questo è il concetto più semplice della fede in Dio. Inoltre, credere che Dio esiste non è la stessa cosa di credere veramente in Lui; piuttosto, è un genere di fede semplice con forti implicazioni religiose. La vera fede in Dio significa fare esperienza delle Sue parole e della Sua opera nella convinzione che Egli ha la sovranità su tutte le cose. In tal modo sarai liberato dalla tua indole corrotta, realizzerai il desiderio di Dio e giungerai a conoscerLo. Solo mediante un percorso simile puoi affermare di credere in Dio”. Queste parole improvvisamente mi ha illuminato L’esatta definizione di fede in Dio è chiarita qui. Confrontando il nostro I punti di vista precedenti della fede in Dio che avevamo tenuto con queste parole nel libro, ho trovato che eravamo confusi nella nostra fede. Mi ha ricordato Giobbe registrato nella Bibbia. Nella sua vita, lui ha cercato di capire il fatto che Dio è il Sovrano onnipotente nelle leggi di tutte le cose, seguito il modo di temere Dio e di evitare il male, e di godere di un’abbondanza di benedizioni materiali donato da Dio In seguito, un processo lo ha colpito. Non ha abbandonato Dio anche se ha perso la sua proprietà e i suoi figli. Invece, in un simile processo, ha detto queste parole “Jahvè ha dato, Jahvè ha tolto; sia benedetto il nome di Jahvè” (Giobbe 1:21). Rimase fermo nella sua testimonianza, ottenne l’approvazione di Dio e ricevette le doppie benedizioni da Dio. Anzi, sua moglie ha rifiutato Dio a causa delle calamità che le erano capitate. Giobbe la definì una sciocca donna. Qui possiamo vedere due diverse credenze in Dio.

vita spirituale cristiana

Un altro giorno, ho visto il seguente passaggio delle parole di Dio in un libro, “Un’autentica fede in Dio non consiste nel credere in Lui al fine di essere salvato e ancor meno nell’essere una brava persona. Non si tratta neppure di credere in Dio al fine di avere sembianze umane. In effetti, le persone non dovrebbero considerare la propria fede in Dio come una semplice fede nel fatto che ci sia un Dio, e nulla più; non è che dovresti semplicemente credere che Dio sia la verità, la via, la vita e nient’altro. Né si tratta semplicemente del fatto che tu riconosca Dio, tanto meno semplicemente credere che Dio sia il Sovrano sopra tutte le cose, che Dio sia onnipotente, che Dio abbia creato tutte le cose esistenti nel mondo, che Dio sia unico e che Dio sia supremo. Piuttosto si tratta del fatto che tu—il tuo intero essere e tutto il tuo cuore—dovresti seguire Dio, permettere a Dio di usarti, permettere a Dio di utilizzarti al Suo servizio, e che dovresti fare qualcosa per Dio. Non è che Dio predisponga e scelga queste persone perché credano in Lui. In effetti, tutto il genere umano dovrebbe venerare Dio, prestarGli attenzione e obbedirGli, perché il genere umano è stato creato da Dio. Questo ora va a toccare la questione dell’essenza. Se parli continuamente dei motivi per cui credi in Dio, dicendo che credi in Dio al fine di ottenere la vita eterna o al fine di essere salvato, allora la tua fede in Dio assomiglia a un certo tipo di questione marginale, di credere solamente al fine di ottenere qualcosa—questo non è il punto di vista che dovresti avere circa la tua fede in Dio”. Da queste parole, ho capito che tutta l’umanità in realtà dovrebbe credere Dio senza condizioni, perché l’uomo è stato creato da Lui. Eppure oggi sembra che tutti noi crediamo in Dio con requisiti aggiuntivi. Se Dio ci benedice, noi crederemo in Lui; se no, noi non lo faranno. Il nostro credere in Dio è tutto per concludere una transazione con Lui, e diventa un percorso per noi ottenere l’accesso al cielo e ricevere benedizioni. Pensa: potrebbe essere detto che Dio gradisce la nostra fede in Lui, che è piena di impurità e transazioni? Arriviamo a credere in Dio per essere benedetto; e se ricevessimo il male anziché il bene un giorno? Seguiremo ancora e adorare Dio, e ringraziarLo nel nostro cuore? Questo è un problema molto reale sulla credenza in Dio. Inoltre, ciò implica l’importante questione se possiamo essere approvati o meno da Dio. Mentre stavo contemplando questo, mi sono reso conto che la cosa più importante della fede in Dio è tenendo un punto di vista giusto. Camminare nel modo giusto può portarci successo nella nostra fede in Dio.

Ho visto un altro passaggio delle parole di Dio in un libro, “Avere fede in Dio non vuol dire solo cercare le benedizioni, ma amarLo e conoscerLo. Attraverso la Sua illuminazione e la propria ricerca, si può nutrirsi e abbeverarsi alla Sua parola, comprendere realmente Dio e provare per Lui un amore vero che proviene dal cuore. In altre parole, l’amore per Dio è del tutto sincero, in modo tale che nessuno possa distruggere oppure ostacolare il tuo amore per Lui. Allora sei sulla strada giusta della fede in Dio, dimostrando che appartieni a Dio, perché il cuore è stato conquistato da Dio e non può quindi appartenere a nessun altro. A seguito della tua esperienza, del prezzo pagato e dell’operato divino, sei in grado di sviluppare un amore spontaneo per Dio. Ti sei dunque liberato dall’influenza di Satana e vivi alla luce della parola di Dio. Solo quando ti sei sottratto all’influenza delle tenebre, puoi ritenere di averLo raggiunto. Devi puntare verso tale obiettivo, nel credere in Dio. Questo è il dovere di ognuno di voi”.

Significato di fede cos’è la vera fede

Dopo aver letto queste parole, ho capito che nella nostra fede in Dio, dovremmo avere ragione punti di vista e un obiettivo nel nostro perseguimento. Questo mi ha ricordato Pietro. Perché ha fatto il Signore Gesù dilettarsi di lui e perfino dargli le chiavi del Regno dei Cieli? Durante anni dopo aver seguito il Signore Gesù, non ha cercato piaceri e benedizioni della carne, ma ha cercato avere conoscenza del Signore Gesù. Ha visto che l’opera del Signore Gesù non può essere imitato o sostituito da qualsiasi persona. Vide anche che il Signore Gesù rimproverava i venti e il mare farli calmare e resuscitare un morto semplicemente dicendo una sola parola, e così via. A partire dal questo, sentiva che le parole del Signore sono piene di autorità e potere. Inoltre, dalla vita quotidiana del Signore Gesù, vide che il Signore Gesù possedeva la normale umanità e che c’era niente di soprannaturale. Di conseguenza, sapeva che il Signore Gesù era l’apparizione di Cristo. Vide che il Signore Gesù amava e soddisfaceva Dio con tutto il cuore per realizzare la volontà del Padre Celeste senza prestare attenzione alla Sua vita o morte. Ha seguito il Signore Gesù tutta la sua vita e alla fine arrivò ad avere una maggiore conoscenza di Dio rispetto a qualsiasi altra attraverso i secoli, e amava soprattutto Dio. Dal suo amore per Dio, fu crocifisso a testa in giù per Lui, e ha ricevuto la Sua approvazione. Pertanto, solo quando perseguiamo la nostra fede in Dio come Pietro possiamo essere approvato da Dio.

In realtà, il nostro scopo nel credere in Dio dovrebbe essere cercare di conoscere Dio, amare Dio, e adora Dio. Dovremmo imitare i mezzi di ricerca di Giobbe e Pietro per credere in Dio: non pensare alle benedizioni o al disastro, o alla cura della gioia e della pace carnale, ma semplicemente temendo Dio e fuggire il male e cercare di amare veramente Dio e conoscerLo. Questa è la vista giusta che a Dio piace in termini di fede. Tutta la gloria sia a Dio!

Traduzione di IKS Translators


Vangelo del giorno” condivide di più: