Testimonianze di fede – Guadagni ottenuti dalle consegne a domicilio

Traduzione di Barbara Barozzi

In un ristorante di fast food occidentale chiamato Pazzia, c’erano solo due fattorini: Yangguang e Datou. Un giorno, Yangguang stava pazientemente aspettando gli ordini, mentre Datou giocava pigramente con il suo telefono, e si grattava la testa con la mano.

Yangguang sperava che anche quella sera più persone potessero fare ordini, in quanto in questo modo avrebbe potuto guadagnare più provvigioni facendo più consegne. Ma un’ora dopo, non erano ancora pervenuti degli ordini e nel ristorante regnava ancora il silenzio. Yangguang continuava a guardare al telefono, in attesa di ricevere il messaggio con gli ordini.

Finalmente, il suo telefono squillò per tre volte di seguito per ricordargli tre ordini. Lesse gli indirizzi, scoprendo che erano nella stesa direzione e nel raggio di un chilometro. Il cassiere aveva ricevuto in fretta gli ordini, mentre gli chef si furono subito pronti a dar prova delle loro capacità culinarie. Molto presto, sul bancone erano posizionati le confezioni con hamburger, patatine fritte, sushi, cosce di pollo fritte e bevande. Datou sorrise da un orecchio all’altro e poi uscì di buon umore con i tre pasti da asporto. Yangguang pensò a sé: Questi tre ordini sono nella stessa direzione e a portata di mano. Che peccato che non sia riuscito a recuperare il ritardo! Se solo avessi due o tre ordini da consegnare alla volta.

Non molto tempo dopo fu emesso un altro ordine. Yangguang si affrettò a leggere l’indirizzo, nella zona della piazza est. Parlò con sé: è a quattro chilometri da qui. Il corrispettivo per il servizio di consegna per ogni ordine è lo stesso, indipendentemente dalla distanza. Perché ho tanta sfortuna mentre Datou ha una buona fortuna? Non importa. Forse più tardi avrò alcuni ordini su un unico percorso. In questo modo, Yangguang si rallegrava nel suo cuore. Poi, arrivarono due ordini consecutivi come si aspettava. Tuttavia, abbassando la testa con piacere per leggere l’indirizzo, la gioia sul suo viso fu immediatamente travolta dalla tristezza. Questi due indirizzi erano esattamente nella direzione contraria a quella della piazza est. Yangguang scosse la testa impotente. Dopo poco tempo, con il suono di una moto che si avvicinava, la figura grassa di Datou apparve davanti al ristorante. Era tornato dalla consegna dei tre ordini di cibo da asporto ai clienti.

Quando Yangguang stava per uscire con il pasto da asporto per andare alla piazza est, arrivò un nuovo messaggio di consegna. Egli guardò l’indirizzo: era ancora in direzione ovest. Prima di poter tornare dalla piazza est, Datou avrebbe finito questi tre. Yangguang continuava a sentirsi perplesso durante il suo viaggio verso piazza est: sfortunatamente, ho percorso tante strade ma non ho guadagnato. Che cosa posso fare?

Si aspettava una svolta in meglio la volta successiva.

Ma le cose che seguirono non andarono meglio. Mentre ogni volta che Datou riusciva a prendere due o tre pasti da asporto da consegnare, poteva ricevere un solo ordine e questo gli richiedeva di percorrere una lunga distanza. Con la fronte aggrottata, sospirava silenzioso: “Ahimè, inizialmente avevo intenzione di guadagnare di più per vivere una vita benestante. Così ho cambiato parecchi lavori in un periodo di tempo per lasciare un lavoro a favore di un altro fino a quando non ho trovato questo lavoro di consegna a domicilio. Pensavo di poter guadagnare di più. Pertanto, ho speso molti soldi per comprare uno scooter, ma non l’ho usato molto tempo poi è stata rubata la batteria. Poi ho dovuto comprare una moto. Tuttavia, da quando ho avuto la moto, la buona sorte non mi ha mai favorito. Non solo non ho fatto soldi, ma ho perso molto. Cosa è accaduto davvero? Si sentiva come soffocato dentro di sé come se il suo cuore fosse bloccato. Proprio in quel momento, Yangguang si ricordò improvvisamente delle parole di Dio: “La sorte dell’uomo è nelle mani di Dio. Non sei in grado di governarti: sebbene si affretti e si occupi di se stesso, l’uomo rimane incapace di controllarsi. Se potessi conoscere le tue prospettive e governare la tua sorte, saresti ancora una creatura?”. Grazie alle parole di Dio comprese che: “Tutto ciò che mi accade è stato orchestrato dalla mano di Dio, non è qualcosa che io possa controllare. Come credente in Dio, dovrei cercare seriamente la volontà di Dio, che è presente in tutte le cose che ho conosciuto”. Così pregò silenziosamente Dio: “O Dio! So che tutto ciò che mi succede è per il Tuo volere. Ma oggi non posso accettare con piacere ciò che hai predisposto. Per favore aiutami a capire la mia disobbedienza e la Tua volontà, in modo da poter avere un cuore di sottomissione”.

Poi, una leggera brezza calmò un po’ Yangguang. Successivamente, un passaggio delle parole di Dio apparve nella sua mente: “Poiché la gente non riconosce le disposizioni e la sovranità di Dio, affronta sempre il destino con aria di sfida, con un atteggiamento ribelle, e desidera sempre scavalcare l’autorità e la sovranità di Dio e le cose che il destino ha in serbo, sperando invano di cambiare le circostanze e di modificare il destino stesso. Ma non potrà mai riuscirci; sarà sconfitta in ogni momento. Questa lotta, che avviene nel profondo della propria anima, è dolorosa; il dolore è indimenticabile; e la persona non fa che sprecare la sua vita. Qual è la causa di questo dolore? È dovuto alla sovranità di Dio, o perché una persona è nata sfortunata? Ovviamente nessuna delle due risposte è quella giusta. In realtà, dipende tutto dalle strade che le persone prendono, dal modo in cui scelgono di vivere la propria esistenza. Alcuni potrebbero non essersi resi conto di queste cose. Ma quando le conosci veramente, quando riconosci sinceramente che Dio ha l’autorità sul destino umano, quando capisci autenticamente che tutto quello che Dio ha progettato e deciso per te è un grande beneficio e ti protegge, allora senti che il dolore si alleggerisce gradualmente e che tutto il corpo diventa rilassato, libero e leggero”.

Di colpo Yangguang realizzò che: “Sì. Le persone, le questioni e le cose che incontro ogni giorno sono tutte orchestrate dalla mano di Dio. Dio conosce il mio stato interiore, e sa anche che tipo di contesto è più vantaggioso per me. Ciò che Dio fa è per purificarmi e trasformarmi. Tuttavia, non conoscevo la sovranità di Dio, e nemmeno comprendevo la volontà di Dio. Sapevo solo perseguire ostinatamente il denaro o qualcosa che potesse soddisfare la mia carne. Se il mio scopo non poteva essere raggiunto, sarei vissuto nel dolore. Questo dolore nel profondo del mio cuore non è il risultato della sovranità di Dio, o il destino che Dio ha progettato per me, ma il risultato del percorso che ho preso, la mia natura avida, e il mio modo sbagliato di vivere. Dio mi ha predestinato a percorrere la via della ricerca della verità per essere salvato. Non sapevo come apprezzare i favori, ma ho seguito la via del male nel mondo. Solo Dio mi ama di più: per il bene della mia trasformazione nell’indole della vita, ha creato dei contesti che mi permettessero di affrontare la mia natura avida, e mi ha esortato ad esaminare me stesso e a tornare indietro, e a conoscere la pericolosa conseguenza della mia perseveranza in questa ricerca. Altrimenti, facendo leva sulla mia attitudine a perseguire il piacere carnale, sarei andato sempre più lontano da Dio e, alla fine, avrei perso l’opportunità di essere salvato a causa della nostalgia del denaro. Un tale contesto che mi viene in mente è proprio la più grande protezione e salvezza di Dio per me.

A questo pensiero, Yangguang non poteva fare a meno di lodare Dio nel suo cuore: “O Dio! Ti sono grato per aver creato un contesto tale da salvarmi e risvegliare il mio spirito intorpidito. Sono disposto a mettere da parte i miei desideri stravaganti, a rinunciare alla mia natura avida, a perseguire la verità e ad obbedire alla Tua volontà e alla Tua autorità”.

Durante il suo viaggio verso il luogo della consegna, sentiva la brezza sul viso e gli procurava piacere. In quel momento, pensò a Giobbe. Giobbe avrebbe potuto tenere in giusta considerazione la benedizione o la privazione di Dio e pronunciare le parole: “l’Eterno ha dato, l’Eterno ha tolto; sia benedetto il nome dell’Eterno”, che per le generazioni future è stato un esempio di obbedienza a Dio. Giobbe ottenne più benedizioni da parte di Dio dopo le prove, e visse nella beatitudine e nella gioia che Dio gli aveva donato. Più Yangguang pensava, più si vergognava. Era chiaro che queste prove e opportunità che Dio gli aveva donato erano per cambiarlo e purificarlo, per permettergli di liberarsi dalla schiavitù e dall’afflizione dei suoi desideri carnali, e camminare sulla via della salvezza e della perfezione il più presto possibile. Nella prova di Dio, egli vide la salvezza di Dio e il Suo amore. A quel tempo, nel suo cuore la colpa si moltiplicò molte volte. Pregava Dio interiormente: “Indipendentemente da qualsiasi cosa che sia contraria alla mia volontà, sono disposto ad affrontarla adeguatamente e ad obbedire a quanto Dio ha orchestrato e disposto”.

Dopo aver pregato, Yangguang si calmò molto. E il sentimento di fastidio nel cuore svanì.

Quando si calmò e avrebbe obbedito alla sovranità di Dio, era la prova che Dio gli era di nuovo venuto incontro. Quando fu il suo turno di consegnare gli ordini, ricevette tre ordini che erano vicini e su un unico percorso. Yangguang pensò con gioia: “Bene! La mia fortuna è arrivata”. Ma in poco tempo non pensava che, non appena gli ordini di ritiro fossero stati pronti, Datou si precipitasse al bancone e li portasse via immediatamente. Vedendo la figura alta e grassa di Datou, Yangguang ribolliva di rabbia. Quando voleva ragionare con lui, ricordò le parole di Dio: “Tutte le cose sono governate dalle Mie mani, tanto più una sola persona!”. Pensò: “Sì. I pensieri di Datou non sono in mano a Dio? Sia che abbia preso i tre ordini di proposito o involontariamente, questo è un messaggio che conferma la benevolenza di Dio. Dio lo sta usando per mettermi alla prova di nuovo per vedere se posso obbedire alla Sua sovranità. Se avrò una controversia con lui, è una cosa piccola per cui il nostro rapporto sarà danneggiato, ma è una cosa seria per un cristiano perché ricambierò Dio con vergogna e dolore. No, non posso più rattristare Dio. Devo cogliere questa occasione per mettere Satana nella condizione di vergognarsi e di dare conforto a Dio”. Pensando a questo, Yangguang si calmò progressivamente.

In seguito, ogni volta che Yangguang riceveva ordini che lo portavano a viaggiare più a lungo, ma a guadagnare meno degli altri, pregava Dio e imparava a prendere le cose come venivano, invece di “mettere i puntini sulle I” riguardo a Datou e sentirsi stressato. Sapeva chiaramente che questo suo atteggiamento era il risultato raggiunto grazie alle parole di Dio. Le parole di Dio gli permisero di non soffermarsi sui guadagni e sulle perdite personali, ma di cercare la volontà di Dio e di obbedire alla Sua sovranità, dal punto di vista delle parole di Dio per ottenere la liberazione e la libertà.

Yangguang vide anche che obbedendo alla sovranità di Dio, non solo non subì perdite di denaro, ma ottenne più di quanto si aspettasse. In effetti il giorno di paga percepì il salario più alto tra tutti i suoi colleghi, per cui gli altri lo guardarono con invidia. Ma lui sapeva che: il denaro non è la vera ricompensa; il suo più grande guadagno consiste nel fatto che, attraverso queste esperienze, ha imparato a rinunciare alla sua natura corrotta, a obbedire alla sovranità di Dio, alleviando così il dolore e ottenendo la liberazione.

Da questa esperienza, Yangguang ha ottenuto la protezione di Dio, mentre trovava il segreto per scacciare il dolore e ottenere gioia cercando la volontà di Dio e obbedendo alla Sua sovranità in tutte le cose.

Yangguang pensò: “Nel vasto oceano delle persone, indipendentemente dai nobili o dagli umili, dai colletti bianchi o dagli operai, se riusciamo a conoscere la nostra natura corrotta, se possiamo rinunciare ai nostri vari desideri e sottometterci all’orchestrazione di Dio, allora il nostro dolore interiore diminuirà significativamente e alla fine svanirà. Al contrario, otterremo la gioia e la pace, la libertà e la liberazione che Dio dona all’uomo”.

Yangguang continua a pregare nel suo cuore…