Menu

La Parola quotidiana di Dio | “Dio Stesso, l’Unico III” | Estratto 132

265 |12 Aprile 2021

Le ricerche e le conquiste di Giobbe nella vita gli consentono di affrontare serenamente la morte
Nelle Scritture si dice di Giobbe: “Poi Giobbe morì vecchio e sazio di giorni” (Giobbe 42:17). Ciò significa che quando morì, non aveva alcun rimpianto e non provò alcun dolore, bensì abbandonò questo mondo con naturalezza. Come tutti sanno, era un uomo che, in vita, temeva Dio e fuggiva il male; Dio elogiava le sue azioni giuste, le persone le ricordavano e la sua vita, più di quella di chiunque altro, ebbe valore e significato. Giobbe ricevette le benedizioni di Dio, fu chiamato giusto da Lui sulla terra e fu anche messo alla prova da Dio e tentato da Satana; rese testimonianza a Dio e meritò di essere definito un uomo giusto. Nei diversi decenni dopo che Egli l’aveva messo alla prova, visse una vita ancora più preziosa, più significativa, più solida e più tranquilla di prima. Per via delle sue azioni giuste, Dio lo mise alla prova; per via delle sue azioni giuste, gli apparve e gli parlò direttamente. Così, negli anni dopo essere stato messo alla prova, Giobbe comprese e apprezzò il valore dell’esistenza in modo più concreto, raggiunse una comprensione più profonda della sovranità del Creatore e ottenne una conoscenza più precisa e più certa di come Egli dia e tolga le Sue benedizioni. La Bibbia documenta che Jahvè Dio concesse a Giobbe ancora più benedizioni di quanto avesse fatto in passato, mettendolo in una posizione ancora migliore per conoscere la sovranità del Creatore e per affrontare serenamente la morte. Così Giobbe, quando invecchiò e affrontò la morte, certamente non si preoccupò delle sue proprietà. Non aveva alcuna preoccupazione, nulla di cui pentirsi e, naturalmente, non aveva paura della morte; infatti passò tutta la vita temendo Dio e fuggendo il male, e non aveva motivo di angosciarsi per la propria fine. Quante persone oggi potrebbero agire in tutti i modi in cui agì Giobbe quando affrontò la morte? Perché nessuno è in grado di mantenere un comportamento esteriore così semplice? C’è soltanto un motivo: egli visse la vita nella ricerca soggettiva della fede, del riconoscimento e della sottomissione alla sovranità di Dio, e fu con questa fede, con questo riconoscimento e con questa sottomissione che superò i momenti importanti dell’esistenza, che visse i suoi ultimi anni e accolse l’ultimo momento decisivo della vita. A prescindere da ciò che sperimentò, le sue ricerche e i suoi obiettivi esistenziali furono felici, non dolorosi. Era felice non solo per le benedizioni o gli elogi concessi dal Creatore, ma soprattutto per le proprie ricerche e i propri obiettivi di vita, per la conoscenza graduale e la comprensione vera della sovranità del Creatore che raggiunse temendo Dio e fuggendo il male, e inoltre per le Sue azioni meravigliose, che sperimentò personalmente mentre era soggetto alla sovranità del Creatore, e per le esperienze e i ricordi calorosi e indimenticabili della coesistenza, della conoscenza e della comprensione reciproca tra l’uomo e Dio; per il conforto e la felicità che gli derivavano dal conoscere la volontà del Creatore; per la riverenza che scaturì dopo che ebbe visto quanto Egli fosse grande, meraviglioso, amorevole e fedele. La ragione per cui Giobbe riuscì ad affrontare la morte senza alcuna sofferenza era la consapevolezza che, morendo, sarebbe tornato accanto al Creatore. Furono le sue ricerche e le sue conquiste esistenziali a permettergli di affrontare la morte, la prospettiva che il Creatore Si sarebbe ripreso la sua vita, con un cuore calmo e sereno e, inoltre, di ergersi dinanzi a Lui immacolato e libero dalle preoccupazioni. Al giorno d’oggi, le persone possono conquistare il genere di felicità che possedeva Giobbe? Siete nella posizione di farlo? Dato che la risposta è sì, perché oggi gli uomini non sono in grado di vivere felicemente, come fece Giobbe? Perché non sono in grado di sfuggire alla sofferenza derivante dal timore della morte? Quando alcune persone affrontano la morte, se la fanno sotto per la paura; altre tremano, svengono, si scagliano contro il Cielo e contro l’uomo, addirittura gemono e piangono. Queste non sono affatto le reazioni improvvise che si verificano quando la morte si avvicina. Gli uomini si comportano in questi modi imbarazzanti principalmente perché, nel profondo del cuore, temono la morte, perché non hanno una conoscenza chiara e un apprezzamento della sovranità di Dio e delle Sue disposizioni, né tantomeno vi si sottomettono; perché vogliono soltanto organizzare e governare ogni cosa da soli, controllare il proprio destino, la propria vita e la propria morte. Non c’è da stupirsi, dunque, che non riescano mai a sfuggire al timore della dipartita.

Tratto da “La Parola appare nella carne”

Solo quelli che riveriscono Dio sono felici


Viveva un uomo giusto di nome Giobbe che aveva sempre temuto Dio ed evitato il male. Dio aveva elogiato le sue azioni, che l'uomo ricorda. La vita di Giobbe aveva significato e valore. Egli era benedetto da Dio, ma anche tentato da Satana e messo alla prova da Dio. Poiché testimoniò Dio, che temeva, meritò di essere considerato un uomo giusto. Nonostante quello che Giobbe aveva passato, egli ebbe una vita senza dolore, una vita felice. Giobbe era felice non solo perché Dio lo aveva benedetto e lodato, ma anche per la sua ricerca, perché perseguì la riverenza per Dio. Giobbe era felice!


Nei pochi decenni dopo essere stato messo alla prova, la vita di Giobbe ebbe più significato. Egli cercò la fede, il riconoscimento e la sottomissione alla sovranità di Dio. Questa ricerca segnò i momenti più importanti della sua vita. Con essi visse gli ultimi anni in pace e accolse la sua fine con gioia. Nonostante quello che Giobbe aveva passato, egli ebbe una vita senza dolore, una vita felice. Giobbe era felice non solo perché Dio lo aveva benedetto e lodato, ma anche per la sua ricerca, perché perseguì la riverenza per Dio. Giobbe era felice!


Cercando di temere Dio e fuggire dal male, Giobbe arrivò a conoscere la sovranità di Dio. E, vivendola, realizzò quanto meravigliosi fossero gli atti del Creatore. Giobbe era felice della sua esperienza con Dio, di conoscerLo davvero, dell'intesa tra uomo e Dio. Giobbe era felice non solo perché Dio lo aveva benedetto e lodato, ma anche per la sua ricerca, perché perseguì la riverenza per Dio. Giobbe era felice!


Giobbe era felice per il conforto e la gioia di conoscere la volontà del Creatore, e per la sua riverenza dopo aver visto quanto grande, amabile e fedele sia Dio. Giobbe era felice!

da "Seguire l'Agnello e cantare dei canti nuovi"

Mostra di più

La fine di ogni cosa è vicina. Sai come il Signore determina il destino delle persone al Suo ritorno? Partecipa al catechismo online: riceverai la risposta.