Parola di Cristo | “L’umanità corrotta ha bisogno della salvezza da parte del Dio incarnato più di ogni altra cosa” | Estratto 122

Visioni 0

L’opera iniziale di Dio in tre fasi è stata compiuta direttamente dallo Spirito e non dalla carne. L’opera finale di Dio in tre fasi, tuttavia, è compiuta dal Dio incarnato, e non direttamente dallo Spirito. Anche l’opera di redenzione della fase intermedia fu compiuta da Dio nella carne. Durante l’intera opera di gestione, la cosa più importante è la salvezza dell’uomo dall’influsso di Satana. L’opera chiave è la conquista completa dell’uomo corrotto, con il ripristino dell’originario timore di Dio nel cuore dell’uomo conquistato, così da permettergli di raggiungere una vita normale, vale a dire, la vita normale di una creatura di Dio. Quest’opera è cruciale ed è il fulcro dell’opera di gestione. Nelle tre fasi dell’opera di salvezza, la prima fase dell’opera dell’Età della Legge era lontana dal fulcro dell’opera di gestione; aveva solo una lievissima apparenza di opera di salvezza e non è stato l’inizio dell’opera di Dio di salvezza dell’uomo dal dominio di Satana. La prima fase dell’opera è stata compiuta direttamente dallo Spirito, poiché, secondo la legge, l’uomo sapeva solo rispettare la legge e non possedeva più verità, e poiché l’opera nell’Età della Legge certamente non comprendeva cambiamenti nell’indole dell’uomo, tanto meno interessava l’opera del modo di salvare l’uomo dal dominio di Satana. Così, lo Spirito di Dio ha completato questa fase estremamente semplice dell’opera, che non riguardava l’indole corrotta dell’uomo. Questa fase dell’opera aveva poco a che fare con il fulcro della gestione e non aveva grande relazione con l’opera ufficiale della salvezza dell’uomo, e quindi non necessitava l’incarnazione di Dio, affinché Egli potesse personalmente compiere la Sua opera. L’opera svolta dallo Spirito è implicita e insondabile ed è spaventosa e inaccessibile all’uomo; lo Spirito non è adatto a compiere direttamente l’opera della salvezza e non è adatto a fornire direttamente la vita all’uomo. Molto più vantaggioso per l’uomo è trasformare l’opera dello Spirito in un approccio che gli sia vicino, vale a dire, ciò che è più vantaggioso per l’uomo è che, per compiere la Sua opera, Dio diventi una persona ordinaria, normale. Ciò richiede che Egli Si incarni per sostituire l’opera dello Spirito e per l’uomo non c’è modo più vantaggioso in cui possa operare. Tra queste tre fasi dell’opera, due vengono eseguite dalla carne, e queste due sono le fasi chiave dell’opera di gestione. Le due incarnazioni sono reciprocamente complementari e si perfezionano a vicenda. La prima fase dell’incarnazione di Dio ha gettato le fondamenta per la seconda e si può dire che le due incarnazioni di Dio formano un tutt’uno, e non sono incompatibili tra loro. Queste due fasi dell’opera di Dio vengono da Lui svolte nella Sua identità incarnata, poiché sono troppo importanti per l’intera opera di gestione. Si potrebbe quasi dire che, senza l’opera delle due incarnazioni di Dio, tutta l’opera di gestione sarebbe arrivata a un punto morto e l’opera della salvezza del genere umano non sarebbe stata altro che un vuoto discorso. Se quest’opera sia importante o meno, dipende dai bisogni del genere umano, dalla realtà della sua depravazione, dalla gravità della disobbedienza di Satana e dal suo disturbo dell’opera. Il giusto, cioè colui che è all’altezza del compito, è stabilito in base alla natura della propria opera e all’importanza di quest’opera. Quando si tratta dell’importanza di quest’opera, in termini di quale metodo di lavoro adottare − opera compiuta direttamente dallo Spirito di Dio, opera compiuta dal Dio incarnato, o opera compiuta attraverso l’uomo − la prima ad essere eliminata è l’opera compiuta attraverso l’uomo e, in base alla natura dell’opera e alla natura dell’opera dello Spirito rispetto a quella della carne, è infine stato stabilito che l’opera compiuta dalla carne è più benefica all’uomo dell’opera compiuta direttamente dallo Spirito, e offre più vantaggi. Questo è il pensiero di Dio, al momento di decidere se l’opera debba essere compiuta dallo Spirito o dalla carne. C’è un significato e un fondamento in ogni fase dell’opera. Non sono fantasie infondate, né sono realizzate in modo arbitrario; vi è una certa saggezza in esse. Questa è la verità dietro tutta l’opera di Dio. In particolare, vi è ancora di più del piano di Dio in una così grande opera, come quella del Dio incarnato che lavora personalmente tra gli uomini. E così, la saggezza di Dio e la totalità del Suo essere si riflettono in ogni Sua azione, pensiero e idea nell’operare; questo è l’essere di Dio, più concreto e sistematico. Questi sottili pensieri e idee sono difficili per l’uomo da immaginare e da credere e, inoltre, difficili per l’uomo da conoscere. L’opera svolta da parte dell’uomo risulta in accordo al principio generale, cosa che, per lui, è molto soddisfacente. Eppure, rispetto all’opera di Dio, vi è semplicemente una disparità troppo grande; sebbene le azioni di Dio siano grandi e la Sua opera sia di una scala maestosa, dietro di loro ci sono molti piani e molte disposizioni minuti e precisi, le cui modalità sono inimmaginabili per l’uomo. Ogni fase della Sua opera non solo è realizzata in base al principio, ma contiene anche molte cose che non possono essere articolate dalla lingua umana, e queste sono le cose che risultano invisibili all’uomo. Indipendentemente dal fatto che essa sia opera dello Spirito o opera di Dio incarnato, ognuna contiene i piani della Sua opera. Egli non lavora senza fondamento e non compie lavoro privo di significato. Quando lo Spirito lavora direttamente, lo fa per i Suoi obiettivi, e quando Egli Si fa uomo (vale a dire, quando Egli trasforma il Suo guscio esterno) per lavorare, lo fa ancor di più per il Suo scopo. Perché altrimenti cambierebbe la Propria identità liberamente? Perché altrimenti Egli diventerebbe liberamente una persona che è considerata meschina e che viene perseguitata?

Tratto da “L’umanità corrotta ha bisogno della salvezza da parte del Dio incarnato più di ogni altra cosa”

Di più Meno