La Parola quotidiana di Dio | “Il mistero dell’incarnazione (2)” | Estratto 111

153 Visioni 47

Dio incarnato non Si manifesta a tutte le creature, ma soltanto a una parte di coloro che Lo seguono in questo periodo che Lo vede eseguire personalmente la Sua opera. Egli Si è incarnato soltanto per completare una fase della Sua opera, non per mostrare all’uomo la Sua immagine. Tuttavia, la Sua opera deve essere eseguita da Lui Stesso, e pertanto a tale scopo ha dovuto incarnarSi. Quando quest’opera terminerà, Egli lascerà il mondo degli esseri umani; non può rimanere a lungo tra gli esseri umani per paura di ostacolare l’opera che verrà. Ciò che Egli manifesta alla moltitudine è soltanto la Sua giusta indole e tutte le Sue azioni, e non l’immagine di quando Si fece carne due volte, poiché l’immagine di Dio può essere mostrata soltanto attraverso la Sua indole e non può essere sostituita dall’immagine della Sua carne incarnata. L’immagine della Sua carne viene mostrata soltanto a un limitato numero di persone, solo a coloro che Lo seguono mentre opera nella carne. È per questo che l’opera che viene eseguita adesso viene svolta così in segreto. Allo stesso modo, Gesù Si mostrò soltanto agli ebrei mentre svolgeva la Sua opera e non Si mostrò mai pubblicamente ad alcun’altra nazione. Perciò, una volta ultimata la Sua opera, lasciò subito il mondo degli esseri umani, senza rimanere; in seguito non fu Lui, quest’immagine dell’uomo, a mostrarSi all’uomo, bensì lo Spirito Santo il quale eseguì l’opera direttamente. Quando l’opera di Dio incarnato sarà completamente terminata, Egli lascerà il mondo mortale e mai più svolgerà un’opera simile a quella svolta quando era incarnato. Dopo, l’opera verrà svolta interamente dallo Spirito Santo. Durante questo periodo l’uomo riesce a malapena a vedere l’immagine del Suo corpo incarnato; Egli non Si mostra assolutamente all’uomo, ma rimane per sempre nascosto. Il tempo previsto per l’opera di Dio incarnato è limitato. Essa viene svolta in un’età, un periodo, una nazione e tra persone precise. Tale opera rappresenta soltanto l’opera durante il periodo dell’incarnazione di Dio, ed è specificamente concepita per quell’età; essa rappresenta l’opera dello Spirito di Dio in un’età in particolare, e non l’opera nel suo complesso. Di conseguenza, l’immagine di Dio incarnato non sarà mostrata a tutti i popoli. Ciò che viene mostrato alla moltitudine è la giustizia di Dio e la Sua indole nella sua totalità piuttosto che la Sua immagine di quando Si incarnò due volte. Non è né la singola immagine ad essere mostrata all’uomo, né le due immagini messe assieme. Perciò è di fondamentale importanza che la carne incarnata di Dio lasci la terra al completamento dell’opera che Egli ha bisogno di svolgere, perché Egli viene solo per compiere l’opera che dovrebbe compiere e non per mostrare agli uomini la Sua immagine. Sebbene il significato dell’incarnazione sia già stato adempiuto dall’incarnarSi di Dio due volte, Egli comunque non Si manifesterà apertamente a nessuna nazione che non Lo abbia mai visto prima. Gesù non Si manifesterà mai più agli ebrei sotto forma del Sole della giustizia, e neppure ascenderà il Monte degli Ulivi manifestandoSi a tutte le genti; gli ebrei non hanno visto che il ritratto di Gesù durante il periodo che ha trascorso in Giudea. Il motivo è che l’opera di Gesù nella Sua incarnazione è terminata duemila anni fa; Egli non farà ritorno in Giudea assumendo l’immagine di un ebreo, e tanto meno Si mostrerà attraverso l’immagine di un ebreo ad alcuna delle nazioni dei Gentili, poiché l’immagine di Gesù incarnato è soltanto l’immagine di un ebreo, e non l’immagine del Figlio dell’uomo che vide Giovanni. Sebbene Gesù avesse promesso ai Suoi seguaci che sarebbe tornato, non Si mostrerà semplicemente attraverso l’immagine di un ebreo a tutti coloro che vivono nelle nazioni dei Gentili. Dovreste sapere che l’opera di Dio incarnato inaugurerà un’età. Quest’opera è limitata a pochi anni, ed Egli non può portare a termine tutta l’opera dello Spirito di Dio. Allo stesso modo l’immagine di Gesù come ebreo può rappresentare solo l’immagine di Dio secondo il modo in cui operava in Giudea, ed Egli ha potuto svolgere solo l’opera della crocefissione. Durante il periodo in cui Gesù era incarnato, Egli non poté svolgere l’opera che consisteva nel portare a termine l’età o distruggere l’umanità. Di conseguenza, dopo essere stato crocifisso e aver concluso la Sua opera, Egli ascese nell’alto dei cieli celandoSi per sempre all’uomo. Da allora, i fedeli credenti delle nazioni dei Gentili non riuscirono a vedere la manifestazione del Signore Gesù, bensì solo il ritratto di Lui che avevano appeso al muro. Questo non è che un ritratto disegnato dall’uomo, e non l’immagine che Dio Stesso ha mostrato all’uomo. Dio non Si mostrerà apertamente alla moltitudine attraverso l’immagine di quando Si incarnò due volte. L’opera che Egli compie tra gli uomini è finalizzata a permettere loro di comprendere la Sua indole. Tutto ciò viene mostrato all’uomo per mezzo dell’opera delle diverse età; viene adempiuto non attraverso la manifestazione di Gesù ma attraverso l’indole che Egli ha fatto conoscere e l’opera che ha svolto. In altre parole, l’immagine di Dio viene fatta conoscere all’uomo non attraverso l’immagine incarnata, ma piuttosto attraverso l’opera compiuta dal Dio incarnato che ha sia immagine che forma; e attraverso la Sua opera viene mostrata la Sua immagine e viene mostrata la Sua indole. Questo è il significato dell’opera che Egli desidera svolgere nella carne.
Quando l’opera delle due incarnazioni di Dio giungerà al termine, Egli comincerà a mostrare la Sua indole giusta in tutte le nazioni dei Gentili, permettendo alla moltitudine di vedere la Sua immagine. Egli manifesterà la Sua indole e attraverso ciò chiarirà la fine in cui incorreranno le diverse categorie di uomini, portando così del tutto a conclusione la vecchia età. Il motivo per cui la Sua opera nella carne non si estende in un territorio molto vasto (proprio allo stesso modo in cui Gesù operava soltanto in Giudea e oggi Io opero solo tra di voi) è che la Sua opera nella carne ha dei confini e dei limiti. Egli sta semplicemente svolgendo un’opera di breve periodo attraverso l’immagine di un normale e ordinario essere incarnato; Egli non sta usando questa carne incarnata per svolgere l’opera dell’eternità o per svolgere l’opera di manifestarsi alle genti della nazione dei Gentili. L’opera nella carne può solo essere di portata limitata (ad esempio, operare solo in Giudea o solo tra voi), e poi, attraverso l’opera compiuta all’interno di questi confini, la sua portata può estendersi. Naturalmente l’opera di espansione deve essere svolta direttamente dal Suo Spirito e allora non sarà più l’opera della Sua carne incarnata. Perché l’opera nella carne ha dei limiti e non si estende a tutti gli angoli dell’universo: questo non lo può realizzare. Attraverso l’opera nella carne, il Suo Spirito esegue l’opera che seguirà. Pertanto, l’opera svolta nella carne ha un carattere inaugurale che si attua entro certi limiti; dopodiché è il Suo Spirito a proseguire l’opera, e per di più lo fa con una portata più ampia.

Tratto da “La Parola appare nella carne”

Di più Meno