Menu

Giobbe 2:7-8 - Lettura del giorno

Riflessioni sul versetto di oggi…

Giobbe era una persona sincera e generosa. Sebbene fosse il più grande uomo di tutte le genti d’oriente, non aveva mai aveva mai dato importanza al suo status, né gli importava di come gli altri lo vedevano durante le sue tribolazioni. Invece, prese un coccio per grattarsi mentre sedeva tra le ceneri. Riflettendo su noi stessi, spesso ci nascondiamo con cautela dietro la nostra fama e il nostro status, e non siamo disposti a permettere agli altri di scorgere i nostri difetti, in quanto ci causa grande dolore. Solo se ci liberiamo dalla schiavitù della fama e dello status potremo essere uomini veri e vivere in modo autentico, semplice e aperto. Dio dice: “Nonostante rango e condizione sociale prestigiosi, non aveva mai amato questi aspetti e non ci aveva mai fatto caso; non si preoccupava di come gli altri considerassero la sua condizione sociale, e non si preoccupava se le sue azioni o la sua condotta avrebbero avuto un impatto negativo sulla sua condizione sociale; non si abbandonava alle ricchezze della sua condizione sociale, né si godeva la gloria che accompagna il rango e la condizione sociale. Si preoccupava solo del suo valore e del significato della sua vita agli occhi di Jahvè Dio. Il vero io di Giobbe era la sua reale sostanza: non amava fama e ricchezze e non viveva per esse; era autentico, puro e senza falsità”.

Consultare la Bibbia Online,“Studi biblici” condivide di più:

Come i cristiani affrontano la prova di Dio? 

Perché Giobbe maledice il suo compleanno? 

Contattaci!

Ora i disastri si stanno verificando con sempre maggiore frequenza e questo è un momento critico per salutare il ritorno del Signore. Se vuoi accogliere il Signore prima dei grandi disastri ed essere rapito davanti al trono di Dio, non esitare a contattarci. Ne discuteremo insieme!