Menu

Giobbe 32

1Quei tre uomini cessarono di rispondere a Giobbe perché egli si credeva giusto.

2Allora l’ira di Elihu, figliuolo di Barakeel il Buzita, della tribù di Ram, s’accese:

3s’accese contro Giobbe, perché riteneva giusto sé stesso anziché Dio; s’accese anche contro i tre amici di lui perché non avean trovato che rispondere, sebbene condannassero Giobbe.

4Ora, siccome quelli erano più attempati di lui,

5Elihu aveva aspettato a parlare a Giobbe; ma quando vide che dalla bocca di quei tre uomini non usciva più risposta, s’accese d’ira.

6Ed Elihu, figliuolo di Barakeel il Buzita, rispose e disse: ‘Io son giovine d’età e voi siete vecchi; perciò mi son tenuto indietro e non ho ardito esporvi il mio pensiero.

7Dicevo: ‘Parleranno i giorni, e il gran numero degli anni insegnerà la sapienza’.

8Ma, nell’uomo, quel che lo rende intelligente è lo spirito, è il soffio dell’Onnipotente.

9Non quelli di lunga età sono sapienti, né i vecchi son quelli che comprendono il giusto.

10Perciò dico: ‘Ascoltatemi; vi esporrò anch’io il mio pensiero’.

11Ecco, ho aspettato i vostri discorsi, ho ascoltato i vostri argomenti, mentre andavate cercando altre parole.

12V’ho seguito attentamente, ed ecco, nessun di voi ha convinto Giobbe, nessuno ha risposto alle sue parole.

13Non avete dunque ragione di dire: ‘Abbiam trovato la sapienza! Dio soltanto lo farà cedere; non l’uomo!’

14Egli non ha diretto i suoi discorsi contro a me, ed io non gli risponderò colle vostre parole.

15Eccoli sconcertati! non rispondon più, non trovan più parole.

16Ed ho aspettato che non parlassero più, che restassero e non rispondessero più.

17Ma ora risponderò anch’io per mio conto, esporrò anch’io il mio pensiero!

18Perché son pieno di parole, e lo spirito ch’è dentro di me mi stimola.

19Ecco, il mio seno è come vin rinchiuso, è simile ad otri pieni di vin nuovo, che stanno per scoppiare.

20Parlerò dunque e mi solleverò, aprirò le labbra e risponderò!

21E lasciate ch’io parli senza riguardi personali, senza adulare alcuno;

22poiché adulare io non so; se lo facessi, il mio Fattore tosto mi torrebbe di mezzo.

Precedente Successiva