Messaggi da Gesù: Signore sarà ancora nell’immagine di un ebreo quando tornerà

Traduzione di Federica De Martino

Moderatore:

Fratelli e sorelle, benvenuti a partecipare al forum Gospel – Speak Out. Recentemente, la nostra chiesa ha tenuto una riunione di scambio online, che è principalmente stabilita per risolvere le confusioni e le difficoltà che incontriamo nella nostra fede nel Signore. Possiamo cercare tutto ciò che non capiamo, o comunicare e condividere guadagni e la luce che abbiamo. OK. Non dirò altro. Molti fratelli e sorelle sono già online e in attesa di esprimere le loro opinioni ora. Iniziamo la comunicazione formale. Fratelli e sorelle, possiamo parlare liberamente.

Pesce attivo:

OK. Ciao, tutti online! In un batter d’occhio, l’anno 2018 è arrivato. Le profezie sul ritorno del Signore sono state adempiute. È molto probabile che il Signore sia già tornato. Dovremmo affrettarci a cercare l’aspetto e l’opera del Signore. Che ne dite di cogliere questa opportunità stasera per discutere la domanda su come accogliere il ritorno del Signore? Che ne dite?

Fata luminosa:

Sono d’accordo! Grazie al Signore. Questa domanda è davvero molto importante.

Nel trattare il ritorno del Signore, questo è il mio punto di vista prima: Duemila anni fa, Dio si è incarnato nell’immagine di un ebreo per fare la Sua opera in Israele. Quindi, quando il Signore tornerà negli ultimi giorni, dovrebbe ancora discendere tra noi nella stessa immagine. Finché possiamo riconoscere l’immagine del Signore Gesù, possiamo accogliere il ritorno del Signore. Tuttavia, recentemente ho sentito qualcuno dire questo: “Dio ha un grande potere e si riempie tutto sommato. È sbagliato definire l’immagine di Dio come quella di un ebreo; è completamente fuori dalle concezioni e dall’immaginazione dell’uomo. Se ci teniamo ostinatamente a questo punto di vista, non accetteremo mai il ritorno del Signore”. Sentendo questa parola, mi sentii confuso: non è ciò che riteniamo sbagliato? Questo punto di vista è detto da molti pastori e anziani. Sono persone che servono Dio nella chiesa, come possono sbagliarsi? Ma pensando che sia un problema che riguarda la questione se possiamo accogliere il ritorno del Signore, mi sento senza fiato nel mio cuore. Quindi, voglio parlarne con voi: il Signore Gesù sarà ancora nell’immagine di un ebreo quando ritornerà?

I cristiani stanno tornando per scambiare il Signore Gesù

JiaMuYi:

Sorella Fata Luminosa, non puoi essere confusa riguardo questo problema. È registrata nella Bibbia: “Uomini Galilei, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù che è stato tolto da voi ed assunto in cielo, verrà nella medesima maniera che l’avete veduto andare in cielo” (Atti degli Apostoli 1:11). Poiché il Signore Gesù ha lasciato su una nuvola l’immagine di un ebreo, allora è evidente che porterà certamente l’immagine di un ebreo quando tornerà. Questo è senza dubbio!

Il Signore è nel mio cuore:

Il fratello Jia ha ragione! Il Signore Gesù con l’immagine di un ebreo è stato profondamente impresso nella nostra mente. Crediamo fermamente che nel prossimo futuro, il Signore certamente scenderà tra di noi a immagine di un ebreo e ci porterà in cielo per incontrarLo. Il Signore ritornato che non è nell’immagine di un ebreo non è certamente Dio.

Pesce attivo:

Tu dici: il Signore porterà l’immagine di un ebreo quando ritorna; altrimenti, non è Dio. Hai il coraggio di esserne sicuro? Possiamo noi umani limitare questo? Sentendo parlare così, all’improvviso penso ai farisei nell’Età della legge. Mantennero le loro idee e decisero che quando sarebbe venuto il Signore, sarebbe certamente nato nel palazzo o in una famiglia nobile, con un aspetto eroico e una presenza imponente e chiamato Messia. Tuttavia, quando il Signore venne, nacque in una mangiatoia a Betlemme, era ordinario nell’aspetto esteriore ed era chiamato Gesù. I farisei non avevano rispetto per Dio nei loro cuori né cercavano la verità minimamente, ma si affidavano semplicemente alle loro concezioni e immaginazione per definire e resistere al Signore Gesù; alla fine fecero un’alleanza con il governo romano per inchiodare il Signore Gesù alla croce, commettendo un grave peccato, essendo stati puniti e maledetti da Dio e subendo la distruzione della nazione. Se definiamo arbitrariamente Dio con le nostre concezioni e immaginazione come i farisei, allora non finiremo con l’esito miserabile come loro? Questa domanda è molto importante; è legato al fatto che possiamo accogliere il ritorno del Signore Gesù e coinvolge la nostra destinazione e il nostro risultato. Dobbiamo parlare e pensarci attentamente.

Agnello al pascolo:

Sì. Pensiamo e sapremo che la conseguenza è seria. La Bibbia dice: “O profondità della ricchezza e della sapienza e della conoscenza di Dio! Quanto inscrutabili sono i suoi giudizi, e incomprensibili le sue vie! Poiché: Chi ha conosciuto il pensiero del Signore? O chi è stato il suo consigliere?” (Romani 11:33–34). Le azioni di Dio sono meravigliose e insondabili. Nessun uomo può limitare l’opera di Dio. L’immagine che il Signore porterà quando tornerà negli ultimi giorni per lavorare e salvare l’umanità è organizzata dal Signore Stesso. Noi umani non possiamo arbitrariamente giudicare o speculare. Dovremmo avere un cuore che riverisca Dio, cerchi umilmente la verità e attenda l’illuminazione e la guida dello Spirito Santo; non possiamo giudicare ciecamente.

Cindy:

Sì. Solo quelli che cercano umilmente la verità sono saggi. Fratelli e sorelle, in verità, se consultiamo attentamente la Bibbia, non è difficile scoprire che ci sono molti versetti sull’immagine di Dio nella Bibbia e che l’immagine di Dio non è fissa. Per esempio: “Jahvè apparve ad Abrahamo alle querce di Mamre, mentre questi sedeva all’ingresso della sua tenda durante il caldo del giorno. Abrahamo alzò gli occhi, ed ecco che scòrse tre uomini, i quali stavano dinanzi a lui; e come li ebbe veduti, corse loro incontro dall’ingresso della tenda, si prostrò fino a terra […]” (Genesi 18:1–2). Qui, Jahvè Dio apparve ad Abramo a immagine dell’uomo. Diamo un’altra occhiata a Exodus 3: 2-4: “E l’angelo di Jahvè gli apparve in una fiamma di fuoco, di mezzo a un pruno. Mosè guardò, ed ecco il pruno era tutto in fiamme, ma non si consumava. E Mosè disse: ‘Ora voglio andar da quella parte a vedere questa grande visione e come mai il pruno non si consuma!’ E Jahvè vide ch’egli s’era scostato per andare a vedere. E Dio lo chiamò di mezzo al pruno, e disse: ‘Mosè! Mosè!’ Ed egli rispose: ‘Eccomi’”. Jahvè Dio apparve a Mosè sotto forma di fuoco ardente nella boscaglia.

Agnello al pascolo:

A questo punto, penso anche a diversi versetti. Ezechiele 1: 26-28 dice: “E al disopra della distesa che stava sopra le loro teste, c’era come una pietra di zaffiro, che pareva un trono; e su questa specie di trono appariva come la figura d’un uomo, che vi stava assiso sopra, su in alto. Vidi pure come del rame terso, come del fuoco, che lo circondava d’ogn’intorno dalla sembianza dei suoi fianchi in su; e dalla sembianza dei suoi fianchi in giù vidi come del fuoco, come uno splendore tutto attorno a lui. Qual è l’aspetto dell’arco ch’è nella nuvola in un giorno di pioggia, tal era l’aspetto di quello splendore che lo circondava. Era una apparizione dell’immagine della gloria di Jahvè. A questa vista caddi sulla mia faccia, e udii la voce d’uno che parlava”. Quando Dio apparve ad Ezechiele, l’immagine di Dio che vide fu “la somiglianza dell’apparenza di un uomo” con la luminosità intorno al trono. Grazie al Signore. Da questi possiamo vedere che ogni volta che Dio appare all’uomo, la Sua immagine è diversa da qualsiasi altra.

Jia Muyi:

I casi di cui hai parlato non sono errati e sono anche conformi alla Bibbia. Non posso negarlo. Tuttavia, questi versetti possono provare che il Signore Gesù non è nell’immagine di un ebreo quando viene di nuovo? Non prendi la parte come il tutto?
Sole splendente:

Non preoccuparti, fratello Jia. Ho solo guardato attentamente la Bibbia e ho scoperto che ci sono altri versetti sull’immagine di Dio. Ad esempio, è riportato in Matteo 17: 1-2: “Sei giorni dopo, Gesù prese seco Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello, e li condusse sopra un alto monte, in disparte. E fu trasfigurato dinanzi a loro; la sua faccia risplendé come il sole, e i suoi vestiti divennero candidi come la luce”. Quando il Signore Gesù portò i Suoi discepoli su una montagna e fu trasfigurato, Egli non era nella prima apparenza ma aveva cambiato la Sua forma.

Pesce attivo:

Grazie al Signore. La nostra comunicazione è davvero sempre più bella.

Cindy:

Sì. Ci sono ancora molti altri versetti su questo aspetto. Vediamo Apocalisse 1: 13-16: “e in mezzo ai candelabri Uno somigliante a un figliuol d’uomo, vestito d’una veste lunga fino ai piedi, e cinto d’una cintura d’oro all’altezza del petto. E il suo capo e i suoi capelli erano bianchi come candida lana, come neve; e i suoi occhi erano come una fiamma di fuoco; e i suoi piedi eran simili a terso rame, arroventato in una fornace; e la sua voce era come la voce di molte acque. Ed egli teneva nella sua man destra sette stelle; e dalla sua bocca usciva una spada a due tagli, acuta, e il suo volto era come il sole quando splende nella sua forza”. L’aspetto del Figlio dell’uomo che Giovanni vide sull’isola di Patmos è diverso dall’immagine del Signore Gesù. Dio non è né nell’immagine di un ebreo né nell’immagine del Signore Gesù risorto. Da questo si può vedere che ogni volta Dio appare all’uomo in un’immagine diversa. Questo mi fa anche capire che sebbene il Signore Gesù una volta apparve e lavorò tra gli uomini a immagine di un ebreo, può anche apparire all’uomo in immagini diverse. Come tale, come possiamo dire che il Signore Gesù sarà ancora nell’immagine di un ebreo quando tornerà? E come possiamo dire che il Signore ritornato che non è nell’immagine di un ebreo non è Dio? Non sta confinando Dio e giudicando Dio?

Fata Luminosa:

Sì, ciò che la sorella Cindy dice è molto illuminante. Noi umani siamo solo esseri creati. Non possiamo assolutamente comprendere l’onnipotenza e la saggezza di Dio. Nel trattare il ritorno del Signore, faremmo meglio ad avere un cuore cauto e prudente, per non offendere la disposizione di Dio. Grazie al Signore. Sorella Cindy, per favore continua a fare comunicazione con noi.

Cindy:

Grazie al Signore! Mi piacerebbe condividere un passaggio di parole con tutti: “Dio è l’eccelso in tutto l’universo, sia nei cieli che sulla terra: come poteva definire pienamente Sé Stesso assumendo forma umana? Dio Si fece carne al fine di attuare una fase della Sua opera. Non c’è alcun significato particolare in queste sembianze umane, e non ha alcuna relazione con il passare delle età, né ha qualcosa a che fare con l’indole divina. […] Quando Dio Si fa carne, discende semplicemente dal cielo rivestito di una carne in particolare. È il Suo Spirito che discende in una carne, mediante la quale Egli compie l’opera dello Spirito. È lo Spirito che Si esprime nella carne, ed è Lui che compie l’opera di Dio nella carne. L’opera attuata nella carne rappresenta pienamente lo Spirito e la carne è ai fini dell’opera, ma questo non significa che l’immagine della carne sostituisca la vera immagine di Dio Stesso; questo non è lo scopo o il significato del Dio fattoSi carne. Egli Si incarna solo per far sì che lo Spirito possa avere un posto adeguato in cui dimorare quando compie la Sua opera, il migliore per attuarla nella carne; cosicché gli uomini possano vedere il Suo operato, entrare in contatto con la Sua indole, ascoltare le Sue parole, e conoscere la meraviglia della Sua opera. […] La Sua apparizione nella carne non è in relazione con la Sua gestione, essendo solo ai fini della Sua opera in quel periodo. Tuttavia, è impossibile per il Dio che Si è fatto carne non avere sembianze specifiche, e quindi Egli sceglie la famiglia appropriata per definire il Suo aspetto. Se l’apparenza di Dio dovesse avere un significato rappresentativo, allora anche tutti coloro che possiedono lineamenti del viso simili a Lui dovrebbero rappresentare Dio. Non è un errore madornale? […] io è Spirito, e l’uomo non sarà mai in grado di definire esattamente quale sia la Sua figura in ultima analisi. La Sua immagine può essere soltanto rappresentata dalla Sua indole. Quanto all’aspetto del Suo naso, della Sua bocca, dei Suoi occhi e dei Suoi capelli, sono tutti al di là della tua capacità di comprendere. […]”.

Questo passaggio di parole è molto chiaro. Dio originariamente è lo Spirito, che è senza forma, riempie tutto in tutti, ed è ricco e generoso. Dio non ha un’immagine particolare. Indipendentemente dal fatto che appaia all’umanità e compia la Sua opera sulla via dello Spirito o dell’incarnazione, sceglierà un’immagine appropriata basata sui bisogni dell’opera; non influenza la Sua essenza. Dio si è fatto carne come il Signore Gesù a immagine di un ebreo, che è solo per operare meglio tra gli uomini e anche perché l’uomo possa avvicinarsi a Lui, conoscere la Sua indole e opera attraverso ciò che Lui dice e fa e capire la Sua accurata volontà e le Sue esigenze. Tuttavia, l’apparenza della carne non ha significato, né può rappresentare l’essenza originale di Dio. Quando la Sua opera finisce, questa apparizione scomparirà e Dio ritornerà alla Sua posizione originale. Allo stesso tempo, come tutti sappiamo, Dio è sempre nuovo e mai vecchio, la Sua opera non rimane la stessa, e Dio appare all’uomo sulla base delle esigenze del lavoro e appare in immagini diverse. Quindi, è completamente sbagliato credere che dal momento in cui Dio ci è apparso a immagine di un ebreo, si mostrerà ancora nella stessa immagine in seguito. Dio non spera che lo rinchiudiamo in un’immagine fissa. Per quanto riguarda in quale immagine il Signore apparirà a noi quando tornerà, è compito di Dio Stesso. Noi umani dovremmo obbedire all’opera di Dio con un cuore che Lo riverisce e non Lo dovrebbe definire con le nostre concezioni e immaginazioni; questo è ciò che disgusta Dio. Fratelli e sorelle, non è giusto?

I cristiani stanno tornando per scambiare il Signore Gesù

Fata Luminosa:

Sì. La comunione di sorella Cindy è illuminante e conforme alla verità. Grazie al Signore. Attraverso la comunione oggi, capisco anche un po’. Dio è onnipotente e saggio, meraviglioso e insondabile, non ha immagini fisse, ed è grazie ai bisogni del Sua opera che prende un’immagine appropriata e opera tra gli uomini. Non possiamo definire Dio in una sola immagine, per non offendere la Sua indole. Ahimè! Si può vedere che se non comprendiamo la verità o non conosciamo Dio, inevitabilmente Lo definiremo con l’immaginazione e cammineremo sulla via dell’offesa e della resistenza a Lui. Quindi, come dovremmo accogliere il ritorno del Signore? Sorella Cindy, potresti comunicare ancora un po’ con noi?

Cindy:

OK. Grazie al Signore. Allora mi piacerebbe avere altre conoscenze della mia compagnia. Infatti, su come accogliere il ritorno del Signore, le profezie nella Bibbia ci danno anche qualche direzione per entrare. Il Signore Gesù disse: “E sulla mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, uscitegli incontro!” (Matteo 25:6). Ci sono anche profezie in Rivelazione: “Chi ha orecchio ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese” (Apocalisse 3:22). “Ecco, io sto alla porta e picchio: se uno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli meco” (Apocalisse 3:20). Tra queste, le espressioni dello Spirito Santo si riferiscono alla voce del Signore, cioè alle parole dette da Lui quando sembra operare negli ultimi giorni. Quindi, nella questione dell’accoglienza del Suo ritorno, dovremmo prestare attenzione all’ascolto della Sua voce, alla ricerca di ciò che lo Spirito Santo dice alle chiese e trovare dove c’è l’opera dello Spirito Santo e l’espressione della verità; questa è la cosa più critica. Se non cerchiamo ciò che lo Spirito Santo dice alle chiese né ribaltiamo i nostri assurdi punti di vista, ma aspettiamo ciecamente che il Signore Gesù ritorni a immagine di un ebreo, allora diventeremo vergini stolte e saremo abbandonati dal Signore. Questo sarà un peccato.

Fata Luminosa:

Sì. Ho visto che ogni volta che incontriamo un problema, finché abbiamo un piccolo cuore di desiderio e ricerca della verità, possiamo ottenere l’illuminazione dal Signore. Una simile comunicazione come oggi è davvero buona, trasforma i nostri punti di vista sbagliati. Ora non possiamo più decidere che il Signore è nell’immagine di un ebreo quando viene di nuovo, ma dovrebbe concentrarsi sull’ascolto della voce di Dio. Questo è conforme alle parole del Signore. Fratelli e sorelle, non è giusto?

Active Fish:

Giusto. Più discutiamo, più diventa chiara la nostra comprensione della verità. Quando investighiamo sulla vera via e accogliamo il ritorno del Signore, dovremmo concentrarci sull’ascolto della Sua voce; questo è giusto. Mi fa pensare a Pietro, Giovanni, Matteo, Natanaele, e altri. Tutti riconoscevano, attraverso le Sue parole e la Sua opera, che il Signore Gesù è il Messia profetizzato che verrà, così lo seguirono, ottenendo la salvezza del Signore. Tutti loro sono esempi che dovremmo seguire. Il Signore Gesù disse: “Beati i poveri in ispirito, perché di loro è il regno de’ cieli” (Matteo 5:3). “Beati quelli che sono affamati ed assetati della giustizia, perché essi saranno saziati” (Matteo 5:6). “Beati i puri di cuore, perché essi vedranno Iddio” (Matteo 5:8). Sì. Dovremmo comportarci secondo le esigenze del Signore Gesù e prestare attenzione all’ascolto della voce di Dio come le vergini sagge. Solo così possiamo accogliere il ritorno del Signore.

Moderatore:

Ringrazia il Signore per averci preparato una così buona piattaforma di comunicazione. Oggi, grazie a una fratellanza come questa, ho così tanto guadagno. Quindi, continuiamo a discutere un altro argomento. Spero che tutti possano esprimere attivamente i tuoi punti di vista.

Condividere i più misteri della Bibbia, studi biblici insieme:

Pensando al ritorno del Signore di notte

Come ritornerà il Signore?