Menu

In un pericoloso incidente d'auto, il Signore mi ha tenuto al sicuro

Di solito la mattina mi alzo presto, apro la Bibbia e leggo le parole del Signore Gesù in Matteo 16:26: “E che gioverà egli a un uomo se, dopo aver guadagnato tutto il mondo, perde poi l’anima sua? O che darà l’uomo in cambio dell’anima sua?” Quando rifletto attentamente sulle parole del Signore, sento che sono estremamente preziose. Anche se tutti sappiamo quanto sia preziosa la vita, in questa società odierna orientata al denaro, chi riesce a trattenersi dal vendere la propria vita per denaro? E chi può ascoltare le parole del Signore? Ci sono troppe persone che vogliono fare soldi a prescindere da come questo influisce sulla loro vita. Se non avessi vissuto personalmente in una situazione pericolosa e terrificante, ora probabilmente non conoscerei l’importanza della vita. Lasciate che vi racconti uno spaventoso incidente di cui sono stata protagonista.

Nel 2006 avevo 19 anni ed ero in piena giovinezza. Era un buon momento per prepararmi al futuro. Mi piaceva l’arte, non solo perché era la mia inclinazione, ma anche perché sognavo un giorno di diventare famosa in modo da non dovermi preoccupare di guadagnarmi da vivere. Così feci domanda per studiare al college di belle arti. Quell’anno l’iscrizione alle scuole d’arte era a un livello record, quindi la concorrenza era particolarmente agguerrita. Al fine di aumentare la probabilità di essere accettati, avevamo tutti fatto domanda per sostenere gli esami in diversi istituti d’arte. Durante quel periodo, in diverse grandi città era possibile osservare i candidati con portafogli in borsa sulle spalle e cassette degli attrezzi nelle loro mani. Ero anche io una di loro. Terminato l’esame nella città A, dovevo subito andare nella città B per iscrivermi il giorno dopo.

Tuttavia, quando mi svegliai la mattina dopo trovai la città avvolta da una fitta nebbia, e in alcuni luoghi la visibilità non era nemmeno di 50 metri. Pensai: “Sarà impossibile andare oggi. La nebbia è così fitta che gli autobus probabilmente non passano e la superstrada sarà chiusa”. Sorprendentemente, chiedendo in giro venni a sapere che gli autobus funzionavano come al solito. Mi sentivo sorpresa ma anche preoccupata: normalmente gli autobus smettono di circolare in caso di forte nebbia. Era possibile che ci fossero così tanti candidati che gli autobus passavano solo per il nostro bene? Non avevo tempo di pensarci: salii sull’autobus per la città B con due dei miei compagni di classe. Non sapevo che sarebbe accaduto un disastro.

Lungo la strada, i miei due compagni di classe si addormentarono a causa del mal d’auto, ma io non riuscivo a riposare perché mi sentivo stranamente a disagio. Sulla superstrada l’autobus andava molto veloce e il veicolo davanti era molto vicino, ma ancora non poteva essere visto chiaramente. Ero molto nervosa, preoccupata che potesse succedere qualcosa. Non riuscivo più a stare seduta tranquilla, quindi mi alzai e mi piegai in avanti, trattenendo il sedile anteriore in modo che il conducente potesse ancora vedere il traffico. Non potevo fare a meno di pregare silenziosamente il Signore e chiederGli di tenerci al sicuro.

Improvvisamente, il conducente sterzò bruscamente e la forte forza d’inerzia mi sbalzò fuori dal sedile e quasi girò l’autobus. La mia testa vacillò. Quando tutto cessò, nell’autobus c’era un silenzio di tomba: probabilmente tutti erano spaventati a causa della situazione inaspettata. Avevo pensato che fosse solo un piccolo incidente e che saremmo andati avanti presto. Non pensavo che l’autista non avesse alcuna intenzione di continuare. Un passeggero, che aveva qualcosa di urgente da fare, chiese: “Signore, quando ripartiamo?” Inaspettatamente, il conducente ruggì: “Perché non vedi tu stesso se possiamo andare avanti?” In quel momento ho notato che la mano del conducente, che teneva una sigaretta, tremava e che la paura si manifestava sul suo viso.

Vedi il conservatore del Signore in un incidente d'auto

Dopo essere scesi con attenzione dall’autobus ci rendemmo conto di quanto fosse grave l’incidente stradale. Guardai in lontananza e vidi che un intero tratto della superstrada era un disastro: veicoli grandi e piccoli giacevano ovunque e alcuni erano ammassati insieme. Che scena di devastazione! Qualcuno urlò a gran voce: “Non fumate!” Perché la benzina e i frammenti di vetro erano sparsi per la strada. Alcuni conducenti si premevano le teste sanguinanti con dei fazzoletti, in attesa di essere soccorsi. Alcune persone avevano le gambe ferite e stavano strisciando a terra. E peggio ancora, a sinistra di fronte al nostro autobus, una macchina era stata completamente accartocciata nell’impatto. Sembrava un vecchio mucchio di ferro. C’erano quattro persone in macchina: una di loro era una studentessa della mia età ed era stata trafitta e inchiodata alla macchina. La guardai perdere lentamente la vita. … Uno dei miei compagni di classe pianse spaventato quando vide la scena. Io invece, che ero abbastanza calma, ricordai loro: “Non dite nulla alle vostre famiglie per ora, altrimenti si preoccuperanno per voi”. Poi vidi che l’autobus su cui viaggiavamo era a meno di un pugno dal lato del camion di fronte. Se l’autista non avesse sterzato rapidamente, le conseguenze sarebbero state inimmaginabili, o almeno sarebbe stato impossibile per noi uscirne completamente incolumi. Vedendo la devastazione, mi sentii particolarmente commossa. Sapevo che era stato il Signore a salvarci e a proteggerci, così Lo ringraziai silenziosamente nel mio cuore. La Bibbia dice, “Mille te ne cadranno al fianco, e diecimila alla destra; ma tu non ne sarai colpito” (Salmi 91:7). Sono stata grata al Signore per averci aiutato a evitare il disastro.

Poiché la superstrada era stata chiusa, dovemmo attraversare il villaggio per prendere un altro autobus in periferia. Mentre aspettavo l’autobus, i miei due compagni di classe erano andati a comprare dell’acqua. Ma quando vidi l’autobus in lontananza non erano ancora tornati. Gridai con ansia e li incitai ad affrettarsi, ma perdemmo l’autobus. Ero infastidita, ma proprio in quel momento arrivò l’autobus successivo e salimmo subito. Dopo un po’, quando l’autobus stava per raggiungere un incrocio, vidi da lontano che un altro autobus si era fermato proprio lì anche se il semaforo era verde. Quando ci avvicinammo notai che non c’era nessuno al suo interno e che la sezione anteriore era stata seriamente danneggiata. Quando vidi il numero di targa mi resi conto che era l’autobus che avevamo perso. Improvvisamente mi sentii spaventata ma anche molto fortunata. Percepii di nuovo la meravigliosa orchestrazione del Signore. Se i miei compagni di classe non fossero stati in ritardo e se fossi salita sull’autobus. … Non osavo andare oltre e continuavo a ringraziare il Signore.

Pur essendo allarmata non potei fare a meno di sospirare: sono stata così fortunata ad aver evitato due incidenti stradali in un giorno. Se non fosse stato per la cura e la protezione di Dio, non avrei potuto essere così fortunata da evitarli.

Attraverso questo incidente ho trovato una più profonda comprensione della fede in Dio. In passato avevo sempre sentito i fratelli e le sorelle nel Signore dire che il cibo e le bevande e altre cose di cui godiamo sono state le benedizioni del Signore. Ma in quel giorno ho imparato che tutto ciò che Dio fa è molto prezioso e significativo per noi e che la cosa più importante che Dio fa per noi è garantire la nostra sicurezza.

Ricordando questo evento, non posso fare a meno di sospirare: “Oh Signore, grazie. È la Tua cura e protezione che ci aiuta a vivere in pace e sicurezza. Sei sempre al nostro fianco, non ti allontani mai da noi e consideri le nostre vite così preziose. Custodirò ancora di più la mia vita, crederò e Ti adorerò in modo appropriato, e cercherò di raggiungere la verità”. Fu il grande amore del Signore a salvarmi in tempo. Quell’orribile esperienza ha avuto un grande effetto su di me: mi ha fatto cambiare direzione e mi ha permesso di percepire veramente la preziosità della vita.

Contattaci!

La fine di ogni cosa è vicina. Sai come il Signore determina il destino delle persone al Suo ritorno? Partecipa al catechismo online: riceverai la risposta.