Ho visto le azioni meravigliose di Dio quando ricevetti brutte notizie sulla salute per due volte

due persone loro destino nelle mani di Dio

Il quattordicesimo giorno del dodicesimo mese lunare del 2015, mia moglie ed io stavamo facendo il bucato con il bel tempo. Quando sopraggiunse la sera e mia moglie stava andando a riposare, iniziò a sudare improvvisamente e sembrava agitata, così la portai in fretta in una clinica privata vicino casa. Dopo che il dottore la controllò attentamente e fece una diagnosi, disse: “Tua moglie ha una malattia coronarica acuta. Le prescriverò delle medicine, le farò un’iniezione, e vedrò se funziona. Se non migliora, devi trasferirla in ospedale per tempo”. Sentendo le parole del dottore, ero tutto tremante. Pensai: “Mia moglie è seriamente malata. Molte persone sono morte dopo aver avuto questa malattia. Anche mia moglie perderà la sua vita?”. Pensando a ciò, accettai subito il suggerimento del dottore.

Il pomeriggio seguente, mia moglie non migliorò, ma si sentì peggio. La trasferii immediatamente all’ospedale della città. Dopo il pronto soccorso e il controllo, le fu diagnosticata una malattia coronarica acuta, cioè un infarto del miocardio. Il dottore mi portò fuori dal reparto e mi disse: “Tua moglie sta assumendo i farmaci migliori ora, ma è salva temporaneamente. È gravemente malata e potrebbe morire in qualsiasi momento. Faresti meglio a prepararti per il peggio in anticipo”. Sentirlo fu per me come un fulmine a ciel sereno. Così piansi disperatamente con il capo chino. All’improvviso, sentii piangere nel reparto opposto. Si scoprì che un capo, sulla cinquantina, era appena morto per un infarto miocardico, solo due giorni dopo essere stato ricoverato in ospedale e la famiglia era disperata. In quel momento fui colto dal panico. Pensai: “È morto così presto, anche se ha soldi e potere. Siamo solo persone comuni. Significa che mia moglie è destinata a lasciarmi in qualsiasi momento?”. Ero così triste che mi lamentai: “Abbiamo creduto in Dio. Perché le malattie ci colpiscono ancora?”. Proprio in quel momento mi venne in mente la parola di Dio: “L’ambiente che ci circonda così come le persone, le questioni e gli oggetti, tutti sono permessi dal Suo trono. Non avere un cuore risentito, o Dio non riverserà su di te la Sua grazia. Il verificarsi della malattia è dovuto all’amore di Dio ed è sicuramente sostenuto dalle Sue buone intenzioni. Persino quando il tuo corpo è colpito dalla sofferenza, non prendere spunto da Satana. Loda Dio nella malattia e godi di Dio in mezzo alle tue lodi. Non perderti di coraggio di fronte alla malattia, continua a cercare e non darti mai per vinto, e Dio farà splendere la Sua luce su di te. Quanto fu leale Giobbe? Dio Onnipotente è un medico potentissimo! Dimorare nella malattia è essere malato, ma dimorare nello spirito è stare bene. Se disponi di un solo respiro, Dio non ti lascerà morire”. La parola di Dio mi svegliò immediatamente. Sì! Tutto ciò che accadeva era permesso da Dio e Lui voleva che cercassimo la Sua volontà quando eravamo malati. Non dovremmo perderci d’animo o essere depressi, né dovremmo lamentarci di Dio. Ma ero scoraggiato e mi lamentai quando seppi che mia moglie era gravemente malata e vidi che l’uomo ricco era morto per questa malattia. Dov’era la mia fede in Dio? Devono esserci le buone intenzioni di Dio dietro questa malattia. Anche se non capisco, non dovrei lamentarmi più. Poi pregai Dio nel mio cuore: “Dio, mia moglie è seriamente malata, ma credo che dietro ci siano le Tue buone intenzioni. Tu sei onnipotente! Credo che la sua malattia sia nelle Tue mani. Per favore, dacci la vera fede e facci capire la Tua volontà in questa malattia. Sono disposto ad affidare a Te la vita di mia moglie”. Dopo aver pregato, mi sentivo sicuro e forte. Credevo che fintantoché avessimo fatto veramente affidamento su Dio, Egli non avrebbe lasciato morire mia moglie, anche se le rimaneva solo un fiato. Poi dissi a mia moglie: “Non preoccuparti. Starai meglio. Noi crediamo in Dio, quindi dobbiamo avere fede in Lui!”. Mia moglie fece un cenno con la testa e disse: “Lo so. Sto pregando Dio da quando mi sono ammalata, ‘Dio, Tu mi dai la vita. È la Tua volontà, se Te la riprendi davvero adesso. Per favore proteggi il mio cuore in modo che non mi lamenti. Per favore dammi fede…’”.

La mattina seguente, dopo le visite al reparto, il medico mi chiamò nel suo ufficio. Tirò fuori la cartella delle condizioni critiche e mi chiese di firmarla. Disse: “Secondo la nostra esperienza clinica, tua moglie è gravemente malata e potrebbe morire in qualsiasi momento! Faresti meglio a informare la tua famiglia, i parenti e gli amici delle sue condizioni il più presto possibile in modo che possano venire a vederla per l’ultima volta”. Firmai agitato e pensai: “Il dottore ha concluso più volte che mia moglie è in condizioni critiche. È vero che sta morendo?”. Pregai silenziosamente Dio nel mio cuore, “Dio, il dottore ha detto che mia moglie può morire in qualsiasi momento. Sono molto debole ora. So che sono nella prova e che è richiesta la mia fede per superarla. Sono disposto ad obbedire alla Tua sovranità e alle Tue disposizioni. Per favore guidami. Amen!”. La preghiera mi tranquillizzò un poco, e ricordai la parola di Dio: “La fede da parte delle persone viene richiesta quando qualcosa non può esser vista a occhio nudo, e la fede da parte tua viene richiesta quando non sei in grado di rinunciare alle tue concezioni. Quando non hai chiarezza circa l’opera di Dio, ciò che ti è richiesto è avere fede, […] Le persone necessitano la fede nei momenti di difficoltà e di raffinamento, e insieme alla fede arriva il raffinamento. Essi sono inseparabili”. Dalla parola di Dio seppi che dovevamo avere fede in Dio prima di poter comprendere la Sua volontà. Ricordai che mi sembrava di avere fede in Dio quando tutto andava bene, ma quando le cose non corrispondevano con i miei pensieri, mi perdevo d’animo e ero depresso. Non avevo vera fede! Poi decisi: “Questa volta, non importa se si tratta di difficoltà o di prova, non perderò la fiducia in Dio, anche se ho ricevuto dal medico la cartella delle condizioni critiche di mia moglie. So che Dio sta osservando ogni mio gesto e mossa. Sta mettendo alla prova la mia fede in Lui”. Dopo aver compreso la volontà di Dio dalle Sue parole, condividevo le parole di Dio con mia moglie. Promettemmo a Dio che non importa cosa fosse successo, non ci saremmo lamentati, ma saremmo stati con Lui e saremmo stati risoluti nel testimoniarLo.

Poi placammo i nostri cuori davanti a Dio e facemmo più affidamento su di Lui. Nei giorni successivi, sebbene mia moglie fosse costretta a letto e attaccata a dispositivi medici, non sentì molto dolore. Un altro paziente del reparto disse incredibilmente a mia moglie: “Sto soffrendo così tanto, ma perché sembra che tu non provi alcun dolore?” Ringraziammo Dio nel nostro cuore per la Sua protezione. Sapevamo che era con noi. Sette giorni dopo, il dottore la staccò dalle macchine. Vedendo che poteva camminare e mangiare, il dottore disse sorpreso: “Incredibile! Tua moglie si sta riprendendo così bene. È meraviglioso!”. Continuavo a ringraziare Dio nel mio cuore. Perché lo sapevo: i medici possono guarire le persone ma non possono salvare le loro vite. Tutto è determinato da Dio. È la meravigliosa azione di Dio.

Il ventiseiesimo giorno del dodicesimo mese del calendario cinese arrivò in fretta. L’ospedale invitò un esperto a svolgere l’operazione su 6 pazienti gravi, mia moglie fu l’ultima. L’ospedale emise una cartella delle condizioni critiche per mia moglie e mi fu chiesto di firmare un contratto prima dell’intervento chirurgico. Prima che mia moglie entrasse in sala operatoria, pregavamo entrambi Dio. Pregai: “Oh, Dio, Tu dici: ‘La fede da parte delle persone viene richiesta quando qualcosa non può esser vista a occhio nudo’. L’operazione di mia moglie è nelle Tue mani. Dio, siamo disposti ad obbedire alle Tue volontà, qualunque cosa Tu voglia”. Dopo aver pregato, eravamo a nostro agio. Era passata più di un’ora. Mia moglie fu portata fuori dalla sala operatoria. Il dottore mi disse: “Mi dispiace, non possiamo eseguire questa operazione. Un’arteria del suo cuore è ostruita da coaguli di sangue, quindi non le si può inserire lo stent”. Dopo aver sentito queste parole, mi chiesi perché i cinque pazienti prima di mia moglie potevano sottoporsi con successo a questa procedura, ma mia moglie no. In quel momento, mi venne in mente la parola di Dio: “Quando affronti i problemi della vita reale, come devi conoscere e capire l’autorità di Dio e la Sua sovranità? Quando non sai come comprenderli, gestirli e sperimentarli, quale atteggiamento devi adottare per mostrare la tua intenzione, il tuo desiderio e la tua realtà di sottomissione alla sovranità e alle disposizioni di Dio? Innanzitutto devi imparare ad aspettare, poi a cercare e quindi a sottometterti. ‘Aspettare’ significa attendere il momento di Dio, attendere le persone, gli eventi e le cose che Egli ha predisposto per te, attendere che la Sua volontà ti si riveli gradualmente. ‘Cercare’ significa osservare e comprendere le intenzioni premurose di Dio nei tuoi confronti attraverso le persone, gli eventi e le cose che Egli ha predisposto, capire la verità attraverso di essi, comprendere cosa gli esseri umani debbano compiere e quali comportamenti debbano tenere, quali risultati e obiettivi Dio intenda raggiungere negli esseri umani. ‘Sottomettersi’, naturalmente, si riferisce al fatto di accettare le persone, gli eventi e le cose che Dio ha orchestrato, accettando la Sua sovranità e, per suo tramite, arrivando a capire come il Creatore detti il destino dell’uomo, come lo doti della Sua vita e come gli instilli la verità”. La parola di Dio ci mostrò la via della pratica: dovremmo imparare ad aspettare, cercare e capire la volontà di Dio e sottometterci alla Sua sovranità e alle Sue disposizioni quando affrontiamo i problemi e non sappiamo cosa fare. Ripensando a quello che era successo negli ultimi giorni, vidi che Dio ci aveva protetto e custodito da quando mia moglie si era ammalata. Sebbene mia moglie non potesse subire l’intervento proprio in quel momento e io non capivo la volontà di Dio, credetti che tutto fosse nelle regole di Dio. Abbiamo appena visto le Sue disposizioni e le Sue orchestrazioni. Poi mi calmai e aspettai pacificamente con mia moglie.

Il ventinovesimo giorno del dodicesimo mese del calendario cinese arrivò in fretta. Il dottore mi disse: “Puoi portare tua moglie a casa per festeggiare il Festival di Primavera. Le prescriverò le medicine per mezzo mese. Ritorna a prendere la cura per il cuore dopo il Festival delle Lanterne”. Tornammo all’ospedale il diciottesimo giorno del primo mese del calendario cinese. Dopo un controllo completo, il dottore mi disse, sorpreso: “È incredibile! Tua moglie stava morendo ma ora si sta riprendendo velocemente. È una cosa così rara. Il risultato mostra che non ha bisogno delle cure!”. Fummo molto felici quando sentimmo la notizia e continuammo a ringraziare Dio!

Durante i 13 giorni in ospedale, ricevetti due volte a cartella delle condizioni critiche, che affermava che mia moglie era in pericolo e avrebbe potuto morire in qualsiasi momento. Poiché riponevo poca fiducia in Dio, credevo a ciò che diceva il dottore. Soprattutto quando ho visto che il funzionario del governo, con la sua ricchezza, che soffriva della stessa malattia di mia moglie, morì dopo solo due giorni, non ebbi posto per Dio nel mio cuore e iniziai a lamentarmi. Tuttavia, Dio non ha guardato ai miei peccati. Sapendo che non avevo creduto in Dio per molto tempo, ha sempre usato la Sua parola per illuminarmi e guidarmi a comprendere la Sua volontà e sottomettermi alla Sua sovranità e autorità. Inoltre, quando ho veramente avuto fede in Dio e mi sono affidato a Lui, mia moglie non solo si è ripresa ma non ha avuto bisogno di sottoporsi ad alcuna operazione al cuore. Da questo ho visto quanto siamo piccoli e indifesi di fronte alle malattie. Il denaro e lo status sociale non possono mai salvare le nostre vite. È solo Dio che può salvarci. D’ora in poi, sono disposto solo a mettere tutto me stesso nel mio dovere di ripagare Dio per il Suo amore. La gloria sia tutta di Dio!

Se ha nuove conoscenze sul contenuto del nostro sito web o quali sono le Sue perplessità e difficoltà nella fede,sia il benvenuto a condividerli con noi, perché il Signore Gesù disse: “Che vi amiate gli uni gli altri, come io ho amato voi” (Giovanni 15:12),desideriamo che ci aiutiamo e ci sosteniamo nel Cristo,la vita cresce. Può contattarci attraverso i seguenti modi:
1. Chiacchiera online con noi attraverso la finestra di online sotto il sito.
2. Manda l’email a [email protected]