Menu

Combattimento spirituale: Avrai la testimonianza con verità

All’inizio del 2017 feci conoscenza con diversi fratelli e sorelle su Internet. Dopodiché, quando avevamo tempo, leggevamo insieme la Bibbia.

In un incontro dedicato allo studio della Sacra Scrittura, un fratello ci rese testimonianza dell’opera di Dio Onnipotente negli ultimi giorni. Grazie alle riunioni e alla condivisione delle parole di Dio Onnipotente da parte dei fratelli e delle sorelle, giunsi ad apprendere che sulle fondamenta dell’opera di redenzione del Signore Gesù, Dio Onnipotente aveva compiuto una fase di opera per castigare, giudicare e purificare noi esseri umani, permettendoci quindi di venire completamente liberati dalla schiavitù del peccato. Pertanto, ero sicura che Dio Onnipotente è il Signore Gesù ritornato. Dopo di ciò, ogni pomeriggio partecipavo alle riunioni online con i fratelli e le sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente, e avevo l’abitudine di leggere le Sue parole ogni volta che ne avevo tempo. Tutto ciò era nutrimento per il mio spirito inaridito.

Andai oltre le dicerie e acquisii una certa capacità di discernimento

Più tardi, con il cuore colmo di gioia, comunicai questa buona notizia a mia figlia. Ma lei mi fece vedere su Internet informazioni e video che condannavano la Chiesa di Dio Onnipotente, e sostenne che la mia fede era sbagliata. Dopo aver dato un’occhiata a questo materiale, fui piena di dubbi. Pensai: “Ciò che viene da Dio fiorirà, ciò che viene dalla gente si estinguerà e morirà. Se non fosse per l’opera di Dio, come sarebbe possibile per il Lampo da Levante espandersi così rapidamente? Inoltre, le parole di Dio Onnipotente non solo svelano i misteri della Bibbia, ma rivelano l’indole corrotta degli uomini e delle donne, e le loro intenzioni sbagliate. Solo le parole proferite da Dio possono ottenere un tale effetto. Ma perché online ci sono tutti quei video e quella propaganda sfavorevole? Voci di tale genere sono vere o false?”. Questa confusione mi disturbava, per cui mi rivolsi a un fratello della Chiesa di Dio Onnipotente.

Costui condivise quanto segue: “Sorella, se riandiamo con la memoria al tempo in cui il Signore Gesù compì la Sua opera, tutto il popolo ebraico seguì i capi sacerdoti, gli scribi e i farisei, con l’obiettivo di resistere e di condannare il Signore Gesù. I capi religiosi di quel tempo unirono anche le proprie forze a quelle del governo romano per darGli la caccia e, infine, inchiodarLo sulla croce. Da tali fatti possiamo comprendere che questo mondo è oscuro e malvagio ed è completamente sotto il potere di Satana. Sono poche le persone che amano la verità. È proprio come disse il Signore Gesù: ‘E il giudizio è questo: che la luce è venuta nel mondo, e gli uomini hanno amato le tenebre più che la luce, perché le loro opere erano malvage’ (Giovanni 3:19). ‘Questa generazione è una generazione malvagia; […]’ (Luca 11:29). Inoltre, I Giovanni 5:19 dice anche: ‘[…] tutto il mondo giace nel maligno’. Da quando Dio Onnipotente è apparso e ha iniziato a compiere la Sua opera, il governo del PCC e alcuni capi religiosi hanno fatto uso dei media per fabbricare false notizie al fine di impedire alle persone di seguirLo, per attaccare e imbrattare la Chiesa di Dio Onnipotente e per ingannare coloro che non possiedono molto senno e non sono capaci di discernere. Sin dai tempi antichi, la vera via si è sempre trovata ad affrontare la persecuzione. Quindi, dobbiamo essere in grado di avere capacità di discernimento. In questo modo, non saremo ingannati”.

Dopo aver ascoltato la sua condivisione, compresi finalmente che le voci sfavorevoli provenivano tutte dal PCC e dalle comunità religiose. Il loro obiettivo nel diffondere queste dicerie è di impedirci di rivolgerci a Dio Onnipotente, allo scopo di farci perdere l’opportunità di ricevere la salvezza e per farci morire insieme a loro alla fine dei tempi. Sembra che, se non ricercheremo la verità, ma ascolteremo ciecamente le parole degli esseri umani, sarà molto facile per noi venire ingannati. A quel punto, il mio cuore desiderava compiacere Dio. Decisi che, indipendentemente da quel che fosse accaduto, sarei rimasta salda nella mia testimonianza a Dio.

Le devozioni spirituali cristiani

Ricercai la verità per riconoscere le menzogne diffuse dal pastore

Un giorno mi recai in chiesa per rendere grazie a Dio. Avevo appena varcato la soglia, quando il pastore mi sussurrò, senza rivelare esternamente alcun sentimento: “Non andartene dopo aver pregato. Ti devo dire una cosa”. Pensai: “Proverà a infastidirmi e a impedirmi di credere in Dio Onnipotente? Se è così, cosa devo fare?”. Mentre cantavamo gli inni e ascoltavamo la condivisione, continuavo a pregare nel mio cuore: “O Dio Onnipotente! Il pastore vuole parlare con me dopo la cerimonia. Possa Tu guidarmi e concedermi le parole che devo pronunciare”.

Quando la liturgia fu terminata, il pastore mi disse: “Ho sentito che partecipi a incontri online con altre persone. Noi crediamo nel Signore Gesù, per cui non dovremmo credere in altri dei. Faresti meglio a tornare rapidamente sui tuoi passi”.

Risposi: “Pastore, Lei sa che il Signore Gesù Cristo è ritornato? Egli è il Dio Onnipotente incarnato”.

Ma lui replicò immediatamente: “È impossibile! Non è accaduto niente del genere. La Bibbia predisse: ‘[…] e vedranno il Figliuol dell’uomo venir sulle nuvole del cielo con gran potenza e gloria’ (Matteo 24:30). Quindi, il ritorno del Signore implica certamente che Egli discenderà su una nuvola bianca. Ora, non ho visto il Signore scendere su una nuvola, per cui Dio Onnipotente non può essere il Signore Gesù ritornato”.

Dopo aver ascoltato quel che aveva da dire, mi ricordai che i fratelli e le sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente mi avevano spiegato che la Bibbia profetizza che quando il Signore ritornerà, all’inizio discenderà in segreto e solo in seguito apparirà pubblicamente su una nube. Allora, risposi al pastore: “Oltre a questo passo delle Scritture, ci sono molte altre profezie che predicono il ritorno del Signore nella Bibbia. Ad esempio: ‘Ecco, io vengo come un ladro; […]’ (Apocalisse 16:15). ‘E sulla mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, uscitegli incontro’ (Matteo 25:6). ‘Ecco, io sto alla porta e picchio: se uno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli meco’ (Apocalisse 3:20). Tutte queste profezie si riferiscono al Dio incarnato come Figlio dell’uomo che giunge in segreto. Non possiamo definire il modo in cui il Signore ritornerà solo sulla base di un passo delle Scritture. I fratelli e le sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente hanno chiarito molto bene questo punto. Essi sostengono che il Signore prima Si farà carne e giungerà in segreto per compiere l’opera di giudicare, purificare e salvare l’umanità e, dopo aver creato un gruppo di vincitori, discenderà pubblicamente su una nuvola per apparire innanzi a tutte le nazioni della Terra”.

Dopo aver ascoltato quello che avevo detto, il pastore parlò con un’arroganza sfrenata: “Ciò è impossibile! Dio Onnipotente non può assolutamente essere il Signore Gesù ritornato. Il popolo della Chiesa di Dio Onnipotente afferma che il Signore è ritornato e Si è incarnato come donna. Ma il Signore Gesù è ovviamente un uomo. Come potrebbe Cristo essere di genere femminile?”.

Sentendolo parlare così, non proferii parola, ma pensai: “Non ho mai sentito che i fratelli e le sorelle sostenevano che questa volta Dio Si è fatto carne in forma di donna. Non appena ne avrò l’opportunità, dovrò chieder loro spiegazioni”. Vedendo che non rispondevo nulla, il pastore si voltò e raccolse un piccolo opuscolo che metteva in guardia contro il Lampo da Levante. Me lo diede e mi chiese di portarlo a casa e di leggerlo attentamente.

Dopo essere rincasata, contattai immediatamente una sorella della Chiesa di Dio Onnipotente. Lei mi lesse le parole di Dio Onnipotente: “Ogni fase dell’opera realizzata da Dio ha un significato reale. Quando Gesù è arrivato, era un maschio; questa volta, invece, è una femmina. Da ciò, puoi notare che Dio ha creato sia il maschio che la femmina per la Sua opera e che per Lui non c’è distinzione di genere. Quando giunge il Suo Spirito, Egli può assumere qualsiasi forma della carne Egli voglia ed essa Lo rappresenta. Che sia maschio o femmina, entrambi rappresentano Dio purché rappresenti la Sua incarnazione. […]” “Se Dio Si incarnasse solo come un uomo, gli individui Lo definirebbero come uomo, come il Dio degli uomini e non crederebbero mai che Egli sia il Dio delle donne. […] Quando Dio plasmò l’uomo, creò Adamo ed Eva. Egli non modellò solo Adamo, ma creò a Sua immagine maschio e femmina. Dio non è solo il Dio degli uomini, è anche il Dio delle donne. […]”.

Poi, condivise questo con me: “L’essenza di Dio è spirito. Non ha un genere. Dio Si è incarnato a causa delle necessità della Sua opera. Ma che Si incarni come uomo o come donna, la Sua essenza non cambierà mai. Dio è sempre Dio, ed è anche Spirito. Quando Egli creò l’umanità, fece sia l’uomo che la donna a Propria immagine. Quindi, quando Dio Si fa carne, può incarnarSi come uomo o come donna. Il Dio Onnipotente incarnato degli ultimi giorni che opera come donna va benissimo per combattere contro i nostri pregiudizi. Se Dio apparisse come uomo tutte le volte che Si incarna, noi giungeremmo alla conclusione che Egli è di genere maschile e crederemmo che Lui è solo il Dio degli uomini, e non anche delle donne. Come possiamo constatare, questa volta Dio Si è incarnato in forma di donna, e ciò è ragionevole”.

Grazie a Dio per la Sua guida. Se non fosse stato per la condivisione della sorella, sarei stata ingannata dalle falsità sostenute dal pastore. Da allora in poi, non mi recai più in chiesa a rendere grazie a Dio, ma lessi le parole di Dio Onnipotente a casa da sola e guardai vari film e video online prodotti dalla Chiesa di Dio Onnipotente. I benefici che ne ricavai erano molto più grandi di quanto avevo ottenuto ascoltando i sermoni in chiesa.

Dio mi donò la fede quando mi sentii pessimista e debole

Il pomeriggio del 2 maggio, mia figlia e suo marito vennero a trovarmi, e poco dopo arrivò anche il pastore. Tutti loro mi rimproverarono perché mi incontravo online con i fratelli e le sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente. Il pastore commentò: “Ti puoi vedere con i fratelli e le sorelle della nostra Chiesa, e studiare con loro la Bibbia”.

Risposi: “Ho partecipato agli incontri della Chiesa per così tanto tempo, ma sento che essi non sono di grande aiuto alla mia vita spirituale. Le parole che Dio Onnipotente esprime sono talmente ricche. Esse possono risolvere i miei problemi di fede in Lui e mi indicano un sentiero concreto da percorrere. Ne ho davvero ricavato un grande nutrimento. Se anche voi le leggeste, lo capireste da soli”.

Poi tirai fuori il libro delle parole di Dio e li invitai a leggerlo. Non avrei mai immaginato che nell’istante stesso in cui lo presero in mano, avrebbero iniziato a controllare quale casa editrice l’avesse pubblicato. Non avevano alcuna intenzione di esaminarne il contenuto e persistevano nel cercare di persuadermi a tornare alla loro Chiesa. Accorgendosi che non avevo alcuna intenzione di compiere questo passo, si strizzarono l’occhio a vicenda, dopo di che mio genero prese dalla scrivania il mio telefonino, il libro delle parole di Dio e i miei appunti sulla religione, e si precipitò fuori. Poiché intendevo riprendermeli, feci un passo in avanti, ma inaspettatamente mia figlia mi afferrò con forza. Non potevo liberarmi e, quindi, non avevo altra scelta che stare in piedi a guardarli mentre mi strappavano il libro.

Pensai: “Ora non ho testi che contengano le parole di Dio e mi è stato confiscato il telefonino. Per cui non posso incontrarmi online con i fratelli e le sorelle. Allora, come potrò seguire Dio e vivere l’esperienza della Sua opera?”. Pensare a questo mi rese molto ansiosa e agitata. Allora ragionai: “Dio mi ha permesso di avere l’opportunità di leggere le Sue parole, ma perché mi è stato tolto il libro? Dio non mi vuole?”. Più i miei pensieri si muovevano in questa direzione, più mi sentivo triste. Tutto quello che potevo fare era pregare Dio. Dopo aver pregato alcune volte, mi tornò alla mente l’esperienza di Giobbe: aveva perso tutto da un giorno all’altro, ma questo non significava che Dio non lo voleva. Al contrario, si trattava di una lotta spirituale; era Satana che faceva una scommessa con Dio. Satana intendeva scoprire se Giobbe sarebbe stato capace di rimanere saldo di fronte a tali prove. Ora, io stavo affrontando situazioni simili a quelle di Giobbe. Quindi, ciò non significava che Dio voleva rinunciare a me, ma che intendeva perfezionare la mia fede. Avrei dovuto imitare Giobbe e rendere testimonianza a Dio e gettare vergogna su Satana. Quando riflettei su queste cose, mi calmai e mi affidai a Lui.

Il pastore sembrava voler studiare la Bibbia con me, ma in realtà aveva secondi fini

Nel pomeriggio del quinto giorno, il pastore venne a casa mia per studiare la Bibbia insieme a una sorella. Disse che da quel momento in poi, ogni pomeriggio dal lunedì al venerdì, sarebbero venuti a guidarmi nell’apprendimento della Bibbia. Un giorno, mentre stavamo cercando di conoscere le Sacre Scritture, il pastore menzionò l’Arca di Noè. Ed io usai questa opportunità per testimoniargli ancora una volta l’opera di Dio negli ultimi giorni. Dissi: “Ai tempi di Noè, tutta l’umanità era malvagia, licenziosa ed estremamente depravata. Dio inviò Noè a predicare il Vangelo. Ma a quel tempo nessuno era disposto ad accettarlo. Alla fine, all’infuori della famiglia di Noè, costituita da otto individui, l’intera umanità fu inghiottita dal diluvio. Le persone oggi sono diventate dissolute come ai tempi di Noè. Vivono nel peccato e non hanno modo di districarsi da esso. Il Dio Onnipotente che Si è incarnato negli ultimi giorni ha espresso la verità e ha compiuto l’opera di giudizio e di purificazione, salvando completamente l’umanità dal peccato. Se non accettiamo l’opera di Dio negli ultimi giorni, ma continuiamo a vivere nella colpa e non veniamo purificati e trasformati, quando l’opera di Dio finirà, saremo distrutti come il popolo ai tempi di Noè, perché la Sua indole è giusta e santa”. Il pastore replicò: “Dio è misericordioso e compassionevole. Se saremo fedeli al nome del Signore Gesù Cristo, potremo ottenere la vita eterna e non verremo distrutti”.

Mi accorsi che il pastore non era disposto ad ascoltarmi ed era anche molto testardo, per cui mi sentii insicura sul da farsi. Ed ero anche perplessa. Pensai: “Di solito il pastore è molto fervente; non svolge solo il suo ministero in chiesa, ma esce anche, e predica. Quindi, perché sta ignorando la nuova opera di Dio? E perché non possiede un cuore umile che desidera ricercare?”.

L’amore di Dio mi accompagnò quando mi trovai in situazioni dolorose e di crisi

Da quando il pastore aveva cominciato a venire spesso a casa mia per divulgare falsità e spingermi a non credere in Dio Onnipotente, a volte non ero capace di distinguere la verità e mi sentivo molto turbata. Spesso fui sul punto di tornare alle riunioni in chiesa. Tuttavia, pensavo: “Dio Onnipotente è il Signore Gesù ritornato, quindi non posso tornare indietro”. Allora, tutto ciò che riuscivo a fare era invocare continuamente Dio, chiedendoGli di condurmi e di guidarmi.

Nei giorni successivi, potei solo leggere la Bibbia per ottenere la devozione spirituale. Una volta, mi imbattei in queste parole contenute nella Sacra Scrittura: “Poiché siam diventati partecipi di Cristo, a condizione che riteniam ferma sino alla fine la fiducia che avevamo da principio” (Ebrei 3:14). Credetti che fosse stato Dio a condurmi a leggere questo versetto. Pensai che, se avessi atteso con pazienza e perseverato sino alla fine, Dio mi avrebbe certamente guidata a mettermi in contatto con i fratelli e le sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente. Il pastore vide che persistevo nel non voler tornare alla Chiesa, per cui iniziò a venire meno spesso a casa mia per studiare la Bibbia con la sua collaboratrice, fino a quando si presentarono solo due volte alla settimana. Ciò durò per oltre quattro mesi. In seguito, vedendo che ero determinata a credere in Dio Onnipotente, non venne più a casa mia.

Eravamo ormai a settembre, ed io ero così ansiosa che affrontai mia figlia per riavere il mio telefonino. Dopo uno scontro, finalmente lo recuperai. Una mattina, mentre tutta la mia famiglia era addormentata, andai online e mi misi in contatto con i fratelli e le sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente. In quel momento mi sentii molto emozionata. Dissi loro che quel telefonino poteva essere usato per metterci in contatto, ma non per partecipare agli incontri, perché la mia famiglia lo avrebbe controllato. A queste parole, risposero che mi avrebbero inviato un altro cellulare, che avrei potuto usare per le riunioni. Mi commossi fino alle lacrime e presto cominciai a condurre di nuovo una vita nella Chiesa. Grazie a Dio Onnipotente per avermi permesso di ritornare alla Sua casa. Mi decisi a perseguire la verità come si conviene e a non deludere le intenzioni sincere di Dio.

Vidi con chiarezza la verità ed espressi riconoscenza per la grazia di Dio

Un giorno, lessi queste parole di Dio: “Quelli che leggono la Bibbia in grandi chiese, recitano la Bibbia tutti i giorni ma non capiscono lo scopo dell’opera di Dio. Non uno è in grado di conoscere Dio; inoltre, nessuno è in sintonia con il cuore di Dio. Sono tutti uomini meschini e privi di valore, così boriosi da voler insegnare a Dio. Anche se brandiscono il nome di Dio, Gli si oppongono ostinatamente. Anche se si fregiano della definizione di credenti in Dio, sono quelli che mangiano la carne e bevono il sangue dell’uomo. Tutti questi uomini sono diavoli che divorano l’anima dell’uomo, demoni che volutamente disturbano coloro che cercano di percorrere la strada giusta, sono pietre di inciampo che impediscono il cammino di quanti cercano Dio. Anche se sono ‘fortemente carnali’, come fanno i loro seguaci a sapere che sono anticristi che guidano l’uomo a opporsi a Dio? Come fanno a sapere che sono diavoli vivi che cercano espressamente anime da divorare?”. La rivelazione contenuta nelle parole di Dio mi permise di scorgere con chiarezza il vero volto dei pastori e degli anziani. Costoro hanno studiato teologia e pensano di possedere una conoscenza approfondita di Dio, per cui la usano come un patrimonio e diventano arroganti, presuntuosi e supponenti. Non hanno amore per la verità, né conoscono Dio. Ripensai al periodo in cui avevo testimoniato l’opera di Dio Onnipotente negli ultimi giorni al pastore che faceva parte della mia confessione originaria e mi resi conto che costui non possedeva affatto un cuore che ricerca. Quando aveva ascoltato la mia testimonianza in accordo con la verità, non gliene era importato nulla. In quel momento, non potei fare a meno di pensare ai farisei, agli scribi e ai capi sacerdoti del passato. Essi avevano visto che il Signore Gesù, nel periodo in cui aveva predicato ed eseguito la Sua opera, aveva compiuto tanti miracoli, ma non possedevano assolutamente cuori che ricercano. Al contrario, al fine di proteggere la propria posizione e i propri mezzi di sostentamento, costoro fecero tutto il possibile per inventarsi dicerie, condannare e incolpare il Signore Gesù, e alla fine collaborarono persino con il governo romano per crocifiggerLo. I pastori e gli anziani di oggi sono lo stesso tipo di persona. Per raggiungere il proprio obiettivo di controllo costante sui credenti, essi diffondono voci online, al fine di giudicare, attaccare e bestemmiare Dio Onnipotente. Le Chiese pubblicano piccoli opuscoli e libriccini che si oppongono al Lampo da Levante, e li distribuiscono a tutti i fratelli e le sorelle. I pastori e gli anziani fanno del proprio meglio per impedire ai credenti di ricercare e indagare la vera via. Alla fine, compresi chiaramente che la loro essenza è fatta di odio per la verità e di resistenza a Dio, e che essi sono ostacoli che cercano di impedire agli uomini e alle donne di accettare la vera via. Sono demoni viventi che divorano le anime della gente. Sono grato a Dio Onnipotente per avermi sempre illuminata, guidata e protetta, in modo tale da non essere ingannata dal pastore e da potermi attenere alla vera via. Sono ancora più certa che Dio Onnipotente è il mio Signore e il mio Dio. Lo seguirò di sicuro e intraprenderò il cammino di perseguire la verità e di ottenere la piena salvezza.

Scopri di più:

Ho imparato a discernere l’operato di Satana

Vincere la tentazione di Satana

La fine di ogni cosa è vicina. Sai come il Signore determina il destino delle persone al Suo ritorno? Partecipa al catechismo online: riceverai la risposta.