Menu

Lettura del giorno - Efesini 4:26

Omelia del giorno …

La rabbia e l'ira sono manifestazioni di un'umanità normale. Anche noi cristiani ci arrabbiamo, perché viviamo ancora nella carne. Probabilmente saremo trattati male o incontreremo fastidiose irritazioni nella nostra vita, così il versetto ci ricorda di non peccare, piuttosto che non arrabbiarsi. Allora che cosa dovremmo fare quando ci arrabbiamo? Indipendentemente da quanto siamo arrabbiati, dobbiamo imparare a stare tranquilli davanti a Dio, a chiamarLo, chiedendoGli di aiutarci. Quando ci affidiamo veramente a Dio e agiamo secondo le parole di Gesù, avremo pace e gioia nei nostri cuori.

Questo versetto ci chiede di non sopportare un rancore contro gli altri, tanto meno se dobbiamo portare rancori per lungo tempo. Anche se qualcuno ci offende, dovremmo essere tolleranti e pazienti. Gesù Cristo pregò ancora per i Suoi nemici dopo essere stato inchiodato alla croce. Egli, davvero, non portò risentimento. Dobbiamo imparare da Gesù perché Gli apparteniamo.

Studi biblici, attraverso cui conoscerai di più i misteri della Bibbia:

I quattro principi necessari per i cristiani nell’interazione con gli altri

la felicità nella Bibbia

Contattaci!

La fine di ogni cosa è vicina. Sai come il Signore determina il destino delle persone al Suo ritorno? Partecipa al catechismo online: riceverai la risposta.