Menu

Che cosa dimostra la resurrezione del Signore Gesù?

Luca 24:1-9 dice: “Durante il sabato si riposarono, secondo il comandamento; ma il primo giorno della settimana, la mattina molto per tempo, esse si recarono al sepolcro, portando gli aromi che avevano preparato. E trovarono la pietra rotolata dal sepolcro. Ma essendo entrate, non trovarono il corpo del Signore Gesù. Ed avvenne che mentre se ne stavano perplesse di ciò, ecco che apparvero dinanzi a loro due uomini in vesti sfolgoranti; ed essendo esse impaurite, e chinando il viso a terra, essi dissero loro: Perché cercate il vivente fra i morti? Egli non è qui, ma è risuscitato; ricordatevi com’egli vi parlò quand’era ancora in Galilea, dicendo che il Figliuol dell’uomo doveva esser dato nelle mani d’uomini peccatori ed esser crocifisso, e il terzo giorno risuscitare. Ed esse si ricordarono delle sue parole; e tornate dal sepolcro, annunziarono tutte queste cose agli undici e a tutti gli altri”.

Navigazione rapida:
1. La parola di Dio ha potere e autorità
2. Rivelare la saggezza di Dio
3. Gesù è Dio Stesso

Questo passaggio della Bibbia ci dice chiaramente che tre giorni dopo che Gesù venne inchiodato sulla croce, fu risorto. Tutti i nostri fratelli e sorelle che credono veramente in Dio credono a questo fatto e lodano l’onnipotenza di Dio nei loro cuori. Tuttavia, cosa altro potete vedere riguardo al fatto che Gesù è risorto?

Maria vede la resurrezione del Signore Gesù

1. La parola di Dio ha potere e autorità

Dalla Bibbia possiamo notare che dopo che Gesù venne inchiodato alla croce, il corpo del Signore è stato avvolto in un lenzuolo sottile e la sua tomba è stata chiusa con un masso grande. Tuttavia, quando alcune donne si sono recate per cospargere le spezie sul corpo di Gesù, il masso che isolava la sua tomba è stato rotolato all’esterno su un lato e il corpo di Gesù non si trovava più all’interno. E un angelo disse loro, “Perché cercate il vivente fra i morti? Egli non è qui, ma è risuscitato; ricordatevi com’egli vi parlò quand’era ancora in Galilea, dicendo che il Figliuol dell’uomo doveva esser dato nelle mani d’uomini peccatori ed esser crocifisso, e il terzo giorno risuscitare” (Luca 24:5-7). Dalle parole dell’angelo possiamo vedere che è stato Dio a dire: “[…]il Figliuol dell’uomo doveva esser dato nelle mani d’uomini peccatori ed esser crocifisso, e il terzo giorno risuscitare”. Alla fine, questo è ciò che Dio ha compiuto. Ciò indica totalmente che le parole di Dio hanno potere ed autorità. Ciò che Dio dice, sarà in quel modo. Ciò è simile a quando Dio ha creato il cielo, la terra e tutti gli esseri viventi all’inizio. “E Dio disse: ‘Sia la luce!’ E la luce fu” (Genesi 1:3). Ogni essere vivente è stata creato dalla parola di Dio, Quando Gesù predicava, una singola parola di Gesù ha fatto sì che i ciechi vedessero e che i paralizzati camminassero. Una parola ed i venti si calmano e le onde si placano. Una parola e Lazzaro, che era morto da quattro giorni, venne risorto. Tutte queste verità ci consentono di vedere che l’autorità della parola di Dio è inestimabile e che la parola di Dio rappresenta il potere e l’autorità di Dio.

2. Rivelare la saggezza di Dio

Tutti sappiamo che Gesù è venuto sulla terra per completare l’opera della redenzione. Nelle fasi finali dell’Età della Legge, dato che la corruzione dell’uomo diventava sempre più profonda, non era in grado di rispettare le leggi e dato che i peccati dell’uomo diventavano sempre più numerosi, non c’era il pentimento dei propri peccati. Se ciò continuasse, l’uomo affronterebbe la vita - minacciando il pericolo di infrangere le leggi. Poiché l’umanità intera era stata corrotta da Satana e mancava della gloria di Dio, chi avrebbe espiato i peccati dell’uomo? Solo Dio poteva salvare noi esseri umani. Tuttavia, non potevamo ascendere al cielo per portare l’offerta del peccato. Di conseguenza, Dio incarnò e prese la sembianza della carne peccaminosa ed ha usato il nome di “Gesù” per compiere la Sua opera. All’epoca, i farisei, per proteggere la loro propria condizione, hanno fatto tutto il possibile pur di opporre resistenza e condannare Gesù. Alla fine, hanno inchiodato Gesù sulla croce. Apparentemente, sembrava che i farisei e il governo romano avessero inchiodato il Signore sulla croce. Tuttavia, in realtà, era Dio che compiva la Sua opera. Dalla prospettiva dell’uomo, sembrava che inchiodare Gesù sulla croce equivalesse alla soppressione dell’opera di Dio. In realtà, Dio utilizzava le mani peccaminose dell’uomo per inchiodare Sé Stesso sulla croce per terminare l’opera di redenzione dell’umanità. Quando Gesù venne inchiodato sulla croce, disse: “E’ compiuto! […]” (Giovanni 19:30). Ciò indica che l’opera di redenzione di Dio era stata portata a termine e che l’opera che Dio intendeva realizzare è stata realizzata. Gesù venne risorto in seguito! Questo non dimostra la saggezza di Dio? Ciò ci permette di vedere chiaramente che la saggezza di Dio si sviluppa al di sopra degli schemi di Satana e che la saggezza di dio è fantastica e insondabile!

3. Gesù è Dio Stesso

Quando Gesù è risorto dai morti, all’inizio, ho riconosciuto semplicemente che Dio aveva il potere della resurrezione. In seguito, ho scoperto che questo riconoscimento era molto superficiale e unilaterale. Realmente, la verità sulla resurrezione di Gesù indica che Gesù è effettivamente Dio stesso. È registrato in Genesi: “[…] e lo spirito di Dio aleggiava sulla superficie delle acque.” (Genesi 1:2). “Nel principio era la Parola, e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio” (Giovanni 1:1). Dio è lo Spirito. Sin dai tempi antichi fino all’eternità, Dio continuerà ad esistere. Durante l’Età della Legge, il Dio Jahvè ha svolto la Sua opera mediante lo Spirito. Quando Gesù è arrivato per compiere la Sua opera, poiché ha dovuto compiere l’opera di redenzione e non c’era alcun modo che uno spirito potesse essere inchiodato sulla croce, Dio si è incarnato per compiere la Sua opera. Nel Nuovo Testamento della Bibbia, il Signore Gesù ha detto: “Non credi tu ch’io sono nel Padre e che il Padre è in me? […]” (Giovanni 14:10). Le parole di Gesù mostrano chiaramente che Gesù è Cristo, Dio in cielo, il Figlio ed il Padre. In passato, nonostante dicessimo ad alta voce “Gesù Cristo” quotidianamente, ma non sapevamo cosa significasse la parola Cristo. Avremmo gridato che Gesù è Dio incarnato, tuttavia non capivamo cosa significasse la parola incarnazione. Nonostante Gesù abbia detto che Egli è Dio Stesso, non capivamo. Recentemente, ho letto un libro online che diceva: “Il significato dell’incarnazione è che Dio appare nella carne e viene a compiere la Sua opera fra gli uomini della Sua creazione sotto l’aspetto della carne. Così, perché Dio Si possa incarnare, Egli deve prima essere carne, carne dotata di normale umanità; questo, quantomeno, deve essere vero. Di fatto, ciò che è implicito nell’incarnazione di Dio è che Egli vive e opera nella carne, Dio nella Sua essenza stessa si fa carne, diventa un uomo”.

Lo Spirito in Gesù, lo Spirito nel cielo e lo Spirito di Jahvè sono una cosa sola. Lo si può chiamare Spirito Santo, Spirito di Dio, Spirito intensificato sette volte e Spirito onnicomprensivo. Lo Spirito di Dio da solo può compiere molte opere. Egli è in grado di creare il mondo e di distruggerlo inondando la terra; Egli può redimere tutta l’umanità e anche conquistarla e distruggerla. Quest’opera è tutta svolta da Dio Stesso e non può essere stata realizzata da nessun’altra persona di Dio in vece Sua. Il Suo Spirito può essere chiamato con il nome di Jahvè e di Gesù, come pure di Onnipotente. Egli è il Signore e il Cristo e può altresì diventare il Figlio dell’uomo. È nei cieli e anche sulla terra; è in alto sopra gli universi e tra la moltitudine. Egli è l’unico Signore del cielo e della terra! ”.

Queste parole ci aprono al mistero dell’incarnazione Apparentemente, Gesù assomiglia ad una persona ordinaria. Tuttavia, spiritualmente, Egli è il Dio del cielo ed il Creatore di tutte le cose. L’incarnazione di Dio è essenzialmente Dio in carne e ossa che viene sulla terra per compiere la Sua opera. Pertanto, la verità di Gesù che viene inchiodato sulla croce e risorge è la rivelazione dello spirito del Signore all’uomo e non ciò che immaginiamo come la morte di Gesù sulla croce.

Alcune persone forse affermano che è scritto nella Bibbia che dopo che Gesù fu battezzato nel fiume Giordano, c’era una voce dal cielo che diceva: “Questo è il mio diletto Figliuolo, nel quale mi sono compiaciuto” (II Pietro 1:17). Inoltre, Gesù ha chiamato Padre il Dio in cielo. Questo non indica che Gesù è figlio di Dio? Se Egli è Dio Stesso, come può chiamare Padre il Dio in cielo? Non preoccupatevi, le seguenti parole spiegano questo enigma: “Ci sono ancora quelli che dichiarano: ‘Dio non ha espressamente affermato che Gesù era il Suo Figlio diletto?’ Dio Stesso ha certamente detto: ‘Gesù è il Figlio prediletto di Dio, nel quale Egli Si è compiaciuto’. Così facendo, Dio ha reso testimonianza a Sé Stesso, ma solo da una prospettiva diversa, quella dello Spirito in cielo che rendeva testimonianza alla Sua incarnazione. Gesù è la Sua incarnazione, non Suo Figlio in cielo. Comprendi? Le parole di Gesù ‘il Padre è in Me e Io sono nel Padre’ non indicano che Essi sono uno Spirito? E non è proprio per l’incarnazione che vennero separati tra cielo e terra? In realtà, sono ancora uno; a prescindere dal come, si tratta semplicemente di Dio che rende testimonianza a Sé Stesso”. Queste parole ci mostrano che Gesù è Dio in paradiso, Dato che nessun di noi ha riconosciuto Dio quando si è trasformato in carne, Dio ha parlato dalla prospettiva dello spirito e ha portato testimonianza della Sua incarnazione. Quando Gesù ha chiamato Padre il Dio in cielo, lo diceva dalla prospettiva del Figlio dell’uomo, così come dalla prospettiva di una creazione che si rivolgeva a Dio in paradiso. Infatti, Gesù è Dio Stesso! Proprio come dice la Bibbia: “[…]ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore” (Romani 6:23).

"Vangelo del giorno" condivide di più:

Brani da meravigliosi film – Il mistero dell’incarnazione di Dio

La fine di ogni cosa è vicina. Sai come il Signore determina il destino delle persone al Suo ritorno? Partecipa al catechismo online: riceverai la risposta.