Menu

I disastri succedono con frequenza come ottenere il vero pentimento per poter essere salvato ed entrare nel Regno dei Cieli?

Negli ultimi anni, i disastri globali sono diventati sempre più gravi: terremoti, pestilenze, incendi e inondazioni, ecc., si verificano frequentemente. Molte persone hanno capito che questo è un avvertimento del ritorno del Signore, il giorno del Signore è davanti ai nostri occhi. Egli disse: “… Ravvedetevi, perché il regno de’ cieli è vicino” (Matteo 4:17). Si può vedere che solo coloro che si pentono veramente possono essere protetti da Dio ed evitare di essere distrutti in un disastro. Quindi cos’è il vero pentimento? Come possiamo ottenere il vero pentimento? Indagheremo questo argomento insieme.

Che cos’è il vero pentimento?

Il pentimento dei Niniviti

Quando si tratta del vero pentimento, dobbiamo menzionare come i Niniviti si pentirono davvero davanti a Dio. Quando i Niniviti ascoltarono le parole di Dio attraverso Giona “[…] Ancora quaranta giorni, e Ninive sarà distrutta!” (Giona 3: 4), credettero e obbedirono alle parole di Dio ed erano pronti a pentirsi. Anche il re di Ninive compì una serie di azioni di pentimento: gettò da parte la sua sovranità, si tolse la veste reale, si sedette tra le ceneri e comandò anche alle persone e agli animali di digiunare, indipendentemente dal fatto che fossero adulti o bambini dovevano confessare i loro peccati e pentirsi con Dio vestiti con tela di sacco. Il popolo di Ninive mostrò un vero rimorso nei loro cuori, e “ognuno si converta dalla sua via malvagia, e dalla violenza perpetrata dalle sue mani” (Giona 3: 8). Dio esaminò la parte più intima dei cuori delle persone e alla fine decise di non distruggerle.

Il pentimento di re David.

L’esperienza di pentimento di re Davide è anche documentata nella Bibbia. Quando Jahvè Dio mandò Nathan il profeta a Davide per fargli conoscere i suoi peccati di prendere Bathsheba da solo e di aver ucciso Uriah, si sentì veramente pentito e odiava sé stesso, digiunando e pregando ogni giorno davanti a Dio, pentendosi e confessando i suoi peccati, chiedendo la misericordia di Dio. Pregò Dio dicendo: “Ritorna, o Eterno, libera l’anima mia; salvami, per amore della tua benignità. […] ogni notte allago di pianto il mio letto e bagno delle mie lacrime il mio giaciglio” (Salmi 6: 4-6). Nella sua vecchiaia, i suoi servi gli offrirono una ragazza incredibilmente bella per riscaldare il suo letto, ma Davide non la toccò mai. Ciò dimostra che Davide possedeva un cuore che temeva Dio, non solo provava vero pentimento e odio per i suoi peccati, ma aveva anche l’azione e il cambiamento del vero pentimento.

Non è difficile vedere che il vero pentimento non è semplice come confessare i nostri peccati e gli atti malvagi a Dio, ma dipende da cosa facciamo e se abbiamo un vero cambiamento. Soprattutto, per ottenere il vero pentimento, dobbiamo sapere qual è l’atteggiamento di Dio verso i peccati dell’uomo e dobbiamo essere consapevoli dell’essenza e del danno dei nostri peccati. Solo in questo modo una vera riverenza e timore per Dio possono sorgere in noi, e quindi svilupperemo un vero pentimento e odio dal profondo del nostro cuore per i nostri peccati, non cammineremo più allo stesso modo di sempre e inizieremo a cambiare e convertirci nelle persone nuove. Questo è il vero pentimento

Riflettiamo se abbiamo il vero pentimento

vero pentimento

Guardando noi stessi, abbiamo raggiunto il vero pentimento? Alcune persone potrebbero dire: “Prima di credere nel Signore, litigavamo con gli altri quando le cose ci accadevano, ma ora siamo umili e tolleranti con gli altri. In passato eravamo egoisti e solo consideravamo nostri propri interessi, ma ora abbiamo un po’ più di amore per gli altri, possiamo aiutare i deboli, ecc., queste azioni non sono esempi del nostro vero pentimento?” Tuttavia, ci siamo mai chiesti quanto durerà tale “pentimento”? In effetti, possiamo renderci conto che nella nostra vita, quando i nostri benefici personali non sono in gioco, possiamo essere tolleranti e pazienti con le persone e non discutere con gli altri. Tuttavia, quando altre persone iniziano a infrangere i nostri interessi o ferire il nostro orgoglio, arriviamo a odiarli o persino a vendicarci. Sebbene siamo umili in apparenza, quando gli altri non sono d’accordo con noi, anche se non discutiamo con loro, manteniamo ancora le nostre idee nei nostri cuori e facciamo ciò che vogliamo. Inoltre, mentire, ingannare gli altri, perdere la pazienza, rivelare la nostra carne e invidiare gli altri, ecc., esiste ancora in noi. Anche se spesso preghiamo e confessiamo i nostri peccati, questa è solo un’ammissione verbale, e non è odio o disprezzo per i nostri peccati che proviamo dal profondo dei nostri cuori. Quindi faremo gli stessi errori in alcune situazioni, vivendo in un circolo vizioso di peccare durante il giorno e confessare di notte senza avere un vero cambiamento. Il Signore Gesù disse: “Non v’è infatti albero buono che faccia frutto cattivo, né v’è albero cattivo che faccia frutto buono; poiché ogni albero si riconosce dal suo proprio frutto; […]” (Luca 6: 43-44). E Matteo 3: 8 dice anche: “Fate dunque de’ frutti degni del ravvedimento”. Se lo confrontiamo con la nostra vera espressione, possiamo vedere che ciò che produciamo è il frutto del peccato, non abbiamo ottenuto il cambiamento e la testimonianza del pentimento, il che dimostra che viviamo ancora nel peccato e non abbiamo raggiunto il vero pentimento.

È la natura peccaminosa che ci impedisce il vero pentimento.

Alcune persone potrebbero chiedere: “Abbiamo accettato la salvezza di Gesù, il peccato è stato perdonato. Ma perché continuiamo a vivere nel peccato e non riusciamo a raggiungere il vero pentimento? Leggiamo due passaggi. Dio dice: “Anche se l’uomo è stato redento e perdonato per i suoi peccati, si pensa solo che Dio non ricordi le sue trasgressioni e non lo tratti di conseguenza. Tuttavia, quando l’uomo vive nella carne e non è stato liberato dal peccato, può solo continuare a peccare, rivelando incessantemente l’indole satanica corrotta. Questa è la vita che egli conduce, un ciclo infinito di peccato e perdono. La maggior parte degli uomini pecca durante il giorno solo per confessarsi la sera. Perciò, anche se il sacrificio per il peccato è eternamente efficace per l’uomo, non sarebbe in grado di salvarlo dal peccato. È stata completata solo metà dell’opera della salvezza, perché l’uomo ha ancora un’indole corrotta”. “I peccati dell’uomo furono perdonati grazie all’opera della crocifissione di Dio, ma l’uomo continuò a vivere nella vecchia indole satanica corrotta. Egli, dunque, deve essere completamente salvato dall’indole satanica corrotta cosicché la sua natura peccaminosa venga rigettata completamente e non si sviluppi mai più, permettendo così di cambiare l’indole dell’uomo. Ciò richiede che egli comprenda il cammino della crescita nella vita, la via della vita e il modo di cambiare la propria indole. Impone anche che egli agisca in conformità a questo cammino cosicché l’indole dell’uomo possa cambiare gradualmente ed egli possa vivere sotto lo splendore della luce e fare tutte le cose in conformità alla volontà di Dio, rigettare l’indole satanica corrotta e liberarsi dall’influenza satanica delle tenebre, emergendo così pienamente dal peccato. Solo allora l’uomo riceverà la salvezza completa”.

Possiamo vedere che la ragione per cui ancora pecchiamo e non possiamo ottenere il vero pentimento è perché abbiamo una natura satanica peccaminosa. Come sappiamo, il Signore Gesù, secondo i bisogni dell’uomo in quel momento, compì l’opera di redenzione, divenne un’offerta per il peccato all’umanità attraverso la crocifissione e liberò l’uomo dalle maledizioni e la condanna della legge. Pertanto, quando confessiamo e ci pentiamo dei nostri peccati davanti al Signore, i nostri peccati saranno perdonati e quindi saremo in grado di godere della Sua grazia abbondante. Tuttavia, il Signore Gesù ci ha assolto solo dai nostri peccati, ma non ci ha assolto dalla nostra natura peccaminosa, così che i caratteri satanici come egoismo, malizia, meschinità e inganno, ecc., continuano a esistere profondamente in noi. Se non riusciamo a liberarci da queste nature corrotte, continueremo a peccare e resistere a Dio. Questo nessuno può negarlo. Cioè, se la nostra natura peccaminosa e la fonte del nostro peccato non vengono rimosse, non importa per quanto tempo abbiamo creduto nel Signore, non possiamo ancora ottenere il vero pentimento o smettere di peccare, non entreremo mai nel regno di Dio.

Come ottenere il vero pentimento

Quindi come possiamo ottenere il vero pentimento? Il Signore Gesù disse: “Molte cose ho ancora da dirvi; ma non sono per ora alla vostra portata; ma quando sia venuto Lui, lo Spirito della verità, Egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di Suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annunzierà le cose a venire” (Giovanni 16:12-13). “Chi Mi respinge e non accetta le Mie parole, ha chi lo giudica: la parola che ho annunciata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno” (Giovanni 12:48)”. La Bibbia profetizza: “Poiché è giunto il tempo in cui il giudizio ha da cominciare dalla casa di Dio; […]” (1 Pietro 4:17). Secondo questi versetti, il Signore Gesù non ha finito di dirci alcune verità quando ha fatto la sua opera. Poiché le persone di quel tempo erano state appena riscattate dalla legge, la loro statura era immatura, tutto ciò che potevano fare era essere consapevoli dei loro peccati e quindi confessare e pentirsi, e ogni verità più profonda sul cambiamento dei loro caratteri corrotti era appena al di sopra di loro. Quindi, il Signore Gesù ci ha promesso che sarebbe tornato negli ultimi giorni, avrebbe espresso la verità che prima non capivamo e avrebbe giudicato i nostri peccati, in modo da poter sfuggire al nostro carattere corrotto e ottenere il vero pentimento.

Ora, il Signore Gesù è tornato nella carne, ha pronunciato tutte le verità per purificare e salvare l’umanità, e ha fatto il lavoro di giudizio a partire dalla casa di Dio, per sradicare completamente la causa dei peccati dell’umanità, in modo che le persone possano ottenere il vero pentimento e il cambiamento, e non peccare o resistere a Dio. Questo adempie le profezie del Signore Gesù: “Chi Mi respinge e non accetta le Mie parole, ha chi lo giudica: la parola che ho annunciata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno” (Giovanni 12:48). Quindi, in che modo Dio usa le parole per esprimere il giudizio per purificarci e permetterci di raggiungere il vero pentimento?

Leggiamo un brano delle Parole di Dio: “Durante gli ultimi giorni, Cristo utilizza una serie di verità per insegnare all’uomo, rivelarne l’essenza e analizzare le sue parole e le sue azioni. Queste parole comprendono diverse verità, quali il dovere dell’uomo, come l’uomo dovrebbe obbedire a Dio, come dovrebbe esserGli fedele, come dovrebbe vivere la normale umanità, così come la saggezza e l’indole di Dio, e così via. Queste parole sono tutte dirette all’essenza dell’uomo e alla sua indole corrotta. In particolare, le parole che rivelano come l’uomo rifiuta Dio vengono pronunciate a proposito di come l’uomo sia la personificazione di Satana e una forza nemica di Dio. Quando Dio comincia l’opera di giudizio, Egli non Si limita semplicemente a chiarire la natura dell’uomo solo con poche parole, ma compie la rivelazione, il trattamento e la potatura a lungo termine. Tale metodo di rivelazione, di trattamento e di potatura non può essere sostituito con parole ordinarie, ma con la verità che l’uomo non possiede affatto. Solo tale modo di lavoro viene considerato giudizio; solamente attraverso tale giudizio l’uomo può essere assoggettato, pienamente convinto a sottomettersi a Dio e inoltre può ottenere la vera conoscenza di Dio. Ciò che l’opera di giudizio realizza è la comprensione da parte dell’uomo del vero volto di Dio e la verità riguardo alla sua ribellione. L’opera di giudizio permette all’uomo di ottenere molta comprensione della volontà di Dio, dello scopo della Sua opera e dei misteri che non possono essere compresi dall’uomo. Inoltre, consente all’uomo di riconoscere e conoscere la sua sostanza corrotta e le radici della sua corruzione, come pure di scoprire la sua bruttezza. Questi effetti si realizzano tutti tramite l’opera di giudizio, perché la sua sostanza è di fatto l’opera di svelare la verità, la via e la vita di Dio a tutti coloro che hanno fede in Lui”.

Negli ultimi giorni, Dio esprime la verità in modo che le persone raggiungano il vero pentimento. Le sue parole rivelano chiaramente la nostra natura satanica di resistere e tradire Dio, i nostri atteggiamenti verso Dio e verso la verità, e le nostre ricerche errate di credenza e tutte le azioni, siano esse comportamenti o pensieri, ecc. Come una spada a doppio taglio, le parole di Dio trafiggono i nostri cuori e ci fanno conoscere la radice del nostro peccato e vedono chiaramente la verità della nostra corruzione nelle mani di Satana, permettendoci di riconoscere come la nostra natura essenziale è piena di arroganza, presunzione, egoismo e inganno. Conosciamo chiaramente le esigenze di Dio, ma siamo sempre controllati da questi caratteri satanici, ribellandoci e resistendo a Dio contro la nostra volontà, essendo incapaci di praticare la verità, motivo per cui siamo diventati l’incarnazione di Satana. Di fronte al giudizio e castigo di Dio, siamo completamente convinti delle parole di Dio, ci prostriamo davanti a Dio e iniziamo a odiare e maledire noi stessi, e quindi abbiamo un vero pentimento. Nel frattempo, sentiamo anche profondamente che la parola di Dio è la verità, è tutta la rivelazione del carattere di Dio e come è la vita di Dio. Vediamo che il giusto carattere di Dio non tollera l’offesa e che l’essenza della santità di Dio non tollera le imperfezioni. Il risultato è che nasce in noi un cuore che venera Dio e iniziamo a cercare la verità con tutte le nostre forze e a comportarci secondo la Parola di Dio. Seguendo la nostra graduale comprensione della verità, conosciamo sempre di più la natura satanica e il carattere satanico di noi stessi, e conosciamo anche Dio sempre di più. A poco a poco, possiamo mettere in pratica la verità per compensare le nostre trasgressioni passate, e quindi la nostra indole corrotta può essere purificata. A poco a poco sfuggiremo ai vincoli del peccato, non saremo più controllati dalla nostra indole satanica corrotta, non faremo più male o sfideremo Dio e potremo davvero obbedire e adorare Dio e raggiungere il vero pentimento. Pertanto, accettare il giudizio di Dio negli ultimi giorni è l’unico modo per ottenere il vero pentimento.

Ora, il giudizio di Dio sta volgendo al termine, tutti i tipi di catastrofi si verificano uno dopo l’altro, quindi non abbiamo molte opportunità di pentirci. In questo momento cruciale, solo accettando l’opera di giudizio di Dio negli ultimi giorni possiamo sfuggire ai peccati e ottenere il vero pentimento, altrimenti la nostra speranza di entrare nel regno dei cieli non sarà mai realizzata.

Contattaci!

Ora i disastri si stanno verificando con sempre maggiore frequenza e questo è un momento critico per salutare il ritorno del Signore. Se vuoi accogliere il Signore prima dei grandi disastri ed essere rapito davanti al trono di Dio, non esitare a contattarci. Ne discuteremo insieme!