Salvati solo dalla fede? Cosa vuol dire essere salvati?

Traduzione di Stefania Madalina Baetii

Domanda: la Bibbia dice: “infatti col cuore si crede per ottener la giustizia e con la bocca si fa confessione per esser salvati” (Romana 10: 10). Siamo stati salvati attraverso la nostra fede in Gesù Cristo. Ricordate: Una volta salvati, salvati per sempre. Quando Lui arriverà, entreremo nel Regno dei Cieli.

Risposta: “Una volta salvata, una persona è salvata per sempre. Ed entrerà nel Regno dei Cieli”. È così che interpretiamo noi l’opera di Dio. Ma questo è completamente contro la parola di Dio. Il Signore Gesù non ha mai detto che qualcuno può entrare nel Regno dei Cieli dopo essere stato salvato dalla fede, ma che solo colui che compie la volontà del Padre dei cieli vi entrerà. Solo la parola di Gesù è l’autorità e la verità. L’immaginazione dell’uomo non è la verità, non è lo standard per entrare nel Regno dei Cieli. Noi diciamo di essere “salvati dalla fede”. Ma “essere salvati” vuol dire solo che i nostri peccati sono perdonati; non saremo condannati o puniti con la morte dalla legge. Questo non vuol dire che possiamo seguire la via del Signore, liberarci dal peccato e diventare santi, né che possiamo entrare nel Regno dei Cieli. Siamo perdonati dai nostri peccati “con la fede”, ma la natura peccatrice rimane ancora. Possiamo ancora peccare e resistere a Dio, vivendo in un cerchio vizioso di peccati e confessioni. Come potrebbero tali persone entrare nel Regno dei Cieli? La Bibbia dice che non c’è uomo che vedrà il Signore senza santità. Che un peccatore abituale possa entrare nel Regno dei Cieli è una cosa contraria alla vera situazione del Regno dei Cieli. Osiamo forse dire che nel Regno dei Cieli ci sono peccatori abituali, sudici e corrotti? Abbiamo mai sentito di una persona sudicia e malvagia nel Regno dei Cieli? Il Signore è giusto e santo. Lascerebbe mai un peccatore abituale nel Regno dei Cieli? Una volta, Gesù ha detto, “In verità, in verità vi dico che chi commette il peccato è schiavo del peccato” (Giovanni 8:34-35). Quindi, le persone confinate nel peccato e che non sono sante non possono entrare nel Regno dei Cieli. Se potrebbero entrare perché sono salvate dalla fede, allora perché il Signore Gesù avrebbe detto “Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che ène’ cieli”? Perché ha detto che avrebbe separato le pecore dalle capre e la zizzania dal grano? Dunque, “entrare nel Regno dei Cieli dopo essere stati salvati dalla fede” è un’affermazione insostenibile. Questo punto di vista contraddice le parole del Signore Gesù!