Nell’accogliere il Signore, non agite come Tommaso dicendo: se non vedo non credo

Riunione online
Vuoi leggere di più sui commenti al vangelo di oggi? Lo sai? Le Scritture che predicono la venuta del Signore si sono sostanzialmente adempiute.
Puoi partecipare alla riunione tramite i seguenti modi

La fine degli ultimi giorni è ormai arrivata. In questo momento critico per ricevere il Signore, i cristiani sono sempre più ansiosi per il ritorno del Signore Gesù. Molte persone desiderano ardentemente vedere il Signore scendere su una nuvola, ma vedendo che i disastri devono venire, e non abbiamo ancora visto il Signore scendere su una nuvola, perché è così? Potrebbe essere che abbiamo avuto qualche deviazione nella pratica di ricevere il Signore? Questo mi ricorda Tommaso riportato nella Bibbia. Durante l’incarnazione del Signore Gesù per fare la Sua opera, Tommaso era sempre sospettoso. Nel suo cuore non credeva che il Signore Gesù fosse Cristo. Quando Tommaso sentì qualcuno dire che il Signore Gesù era risorto, non ci credette neanche. Ci crederebbe solo se vedesse il corpo spirituale del Signore. Alla fine fu giudicato dal Signore Gesù: “Gesù gli disse: Perché m’hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non han veduto, e hanno creduto!” (Giovanni 20:29). La storia di Tommaso è un monito per tutti noi che desideriamo il ritorno del Signore. La profezia secondo cui il Signore tornerà non è solo la discesa su una nuvola. Il Signore Gesù disse anche: “Beati quelli che non han veduto”. Se riceviamo il Signore solo quando Lo vediamo e non cerchiamo la verità, non faremo gli stessi errori di Tommaso? È troppo facile perdere l’opportunità di essere rapiti prima del disastro. Si può vedere che se vogliamo ricevere il Signore, dobbiamo capire le radici del fallimento di Tommaso nella sua fede in Dio per evitare di sbagliare come ha fatto lui. A continuazione discuteremo insieme su questo.

Secondo la Bibbia, quando i discepoli dissero a Tommaso la notizia della risurrezione del Signore Gesù, Tommaso disse: “[…] Se io non vedo nelle sue mani il segno de’ chiodi, e se non metto il mio dito nel segno de’ chiodi, e se non metto la mia mano nel suo costato, io non crederò” (Giovanni 20:25). “Gesù gli disse: Perché m’hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non han veduto, e hanno creduto!” (Giovanni 20:29). In effetti, Tommaso non ascoltava la voce del Signore mentre seguiva il Signore Gesù. Non importa quanto sia elevata la predicazione del Signore Gesù o quanto sia benefica per le persone, lui non cercava di vedere se ci fosse o meno la verità nelle parole del Signore, o se fosse o meno la voce di Dio. Non importa quanti anni abbia creduto in Dio, dopo tutto, non ha riconosciuto la vera identità del Signore Gesù, quindi ha sempre dubitato della vera identità del Signore Gesù. Non credeva che il Signore Gesù fosse il Cristo, questa era la radice del suo fallimento nella sua fede in Dio. A causa del fatto che Tommaso non sapeva ascoltare la voce di Dio, lo fece rimanere incerto sull’identità del Signore Gesù. Prima della crocifissione, il Signore Gesù disse ai Suoi discepoli che sarebbe risorto dopo la morte. Tommaso non credeva che ciò che il Signore aveva detto sarebbe stato adempiuto, né credette quando udì i discepoli dire che il Signore Gesù era risorto. Avrebbe creduto nel Signore Gesù solo quando il corpo spirituale del Signore Gesù gli apparve dopo la Sua risurrezione davanti a lui, vedendo con i propri occhi il corpo spirituale del Signore Gesù e toccando con mano il segno del chiodo del Signore. Quando il Signore Gesù gli apparve con il corpo spirituale dopo la Sua risurrezione, vide con i propri occhi il corpo spirituale del Signore Gesù e toccò davvero il segno del chiodo del Signore, così credette che il Signore Gesù fosse risorto e confermò che era Cristo, ma era troppo tardi, la Sua fine era già stata determinata, perdendo per sempre la benedizione di Dio.se non vedo non credo

Siamo in un momento critico per accogliere il Signore e stiamo anche facendo gli stessi errori di Tommaso. Quando sentiamo qualcuno testimoniare che il Signore è tornato sotto forma di carne, non ci crediamo, né cerchiamo attivamente di indagare se è la voce di Dio, crediamo fermamente che se non scende su una nuvola bianca non sarà il Signore Gesù, ci crederemo solo quando vedremo con i nostri occhi il Suo corpo spirituale dopo la risurrezione, questa è la ragione per cui ci è voluto così tanto tempo per ricevere il Signore. Forse qualcuno dirà: non è corretto che aspettiamo il ritorno del Signore secondo la profezia? Dovremmo sapere che ci sono molte profezie sul ritorno del Signore nella Bibbia, non solo ci sono profezie del ritorno del Signore su una nuvola, ma ci sono anche profezie sull’incarnazione del ritorno segreto. Come disse la profezia del Signore, “Ecco, io vengo come un ladro” (Apocalisse 16:15), “Perciò, anche voi siate pronti; perché, nell’ora che non pensate, il Figliuol dell’uomo verrà” (Matteo 24:44)”, “perché com’è il lampo che balenando risplende da un’estremità all’altra del cielo, così sarà il Figliuol dell’uomo nel suo giorno. Ma prima bisogna ch’e’ soffra molte cose, e sia reietto da questa generazione” (Luca 17: 24-25).

Quando dice “Figlio dell’uomo”, si riferisce a Colui che è nato da un essere umano e ha un’umanità normale. Se fosse lo spirito o il corpo spirituale dopo la risurrezione del Signore Gesù, non potrebbe essere chiamato “Figlio dell’uomo”. Pertanto, queste profezie significano che il Signore tornerà segretamente sotto forma di carne prima del disastro. Se fosse basato sulla nostra immaginazione che il Signore discenda su una nuvola con il corpo spirituale dopo la Sua risurrezione, ma come si adempierebbe la profezia della venuta segreta del Signore? All’inizio Tommaso non credeva nella profezia della risurrezione del Signore Gesù dopo la morte, non è forse che anche noi non crediamo che la realizzazione della profezia del ritorno segreto del Signore non avrà luogo? Seguiremo ancora la strada del fallimento di Tommaso? Il Signore Gesù ci disse chiaramente: “E sulla mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, uscitegli incontro!” (Matteo 25: 6), “Ecco, io sto alla porta e picchio: se uno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli meco (Apocalisse 3:20), “Le mie pecore ascoltano la mia voce, e io le conosco ed esse mi seguono” (Giovanni 10:27). Puoi vedere che quando il Signore verrà di nuovo, userà le Sue parole per bussare alle nostre porte. La cosa più importante per accogliere il Signore è ascoltare la Sua voce. Pertanto, dobbiamo imparare la lezione del fallimento di Tommaso. Non dovremmo credere solo quando vediamo la discesa del Signore su una nuvola, dobbiamo prestare attenzione ad ascoltare la voce di Dio e ricevere il Signore. Quando sentiamo qualcuno testimoniare il ritorno del Signore incarnato, dobbiamo prendere l’iniziativa di cercare e investigare, nel momento in cui riconosciamo la voce di Dio, dobbiamo accettarla e obbedirle, in modo da poter veramente ricevere il Signore ed essere in grado di partecipare al banchetto dell’Agnello con Lui. Come Pietro, Giovanni e altri discepoli, quando udirono le parole del Signore Gesù che avevano autorità e potere, riconobbero che questa era la voce di Dio. Alla fine seguirono il Signore Gesù Cristo e ottennero la Sua salvezza. Tutti hanno ricevuto il Signore ascoltando le parole di Dio incarnato, furono le persone più benedette.

Se non seguiamo le parole di Dio, ascoltando la voce di Dio e ricevendo il Signore durante il ritorno segreto di Dio, continueremo ad essere come Tommaso, aspettando che il Signore scenda su una nuvola per vederlo. Quindi cosa accadrebbe se davvero vedessimo il Signore scendere su una nuvola? La Bibbia profetizza: “E allora apparirà nel cielo il segno del Figliuol dell’uomo; ed allora tutte le tribù della terra faranno cordoglio, e vedranno il Figliuol dell’uomo venir sulle nuvole del cielo con gran potenza e gloria” (Matteo 24:30), “Ecco, egli viene colle nuvole; ed ogni occhio lo vedrà; lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per Lui. Sì, Amen” (Apocalisse 1: 7). Si può vedere che nel momento in cui vedremo il Signore scendere su una nuvola con i nostri occhi, sarà il momento in cui tutte le tribù piangeranno davvero. È ragionevole che quando le persone vedono il Signore, dovrebbero accoglierLo con gioia, perché tutte le tribù dovrebbero piangere? Perché il Signore negli ultimi giorni verrà segretamente sotto forma di carne prima del disastro, pronunciando la verità e facendo l’opera di giudizio e purificazione dell’uomo. Coloro che ascoltano la voce di Dio Lo cercheranno e Lo accetteranno e saranno vergini sagge rapite davanti a Dio. Dopo che accetteranno il giudizio e la purificazione, diventando vincitori, l’opera della venuta segreta di Dio sotto forma di carne sarà terminata. Più tardi Dio inizierà a inviare i disastri, premiando il bene e punendo il male, a quel punto sarà determinata anche la fine delle persone. Tutti i vincitori che sono stati fatti prima del disastro saranno protetti da Dio; e quelli che attendono ciecamente la discesa del Signore su una nuvola e alla fine non solo non accettano l’opera di Dio negli ultimi giorni, ma condannano il Cristo negli ultimi giorni, saranno stati completamente abbandonati ed eliminati da Dio, ciò che attendono è la giusta punizione di Dio. Pertanto, quando Dio apparirà a tutte le nazioni e tutti i popoli dopo il disastro, vedranno che il Cristo degli ultimi giorni a cui si erano opposti è proprio il ritorno del Signore Gesù, piangeranno e digrigneranno i denti. In quel momento, la profezia della discesa del Signore su una nuvola si adempirà: “Ecco, egli viene colle nuvole; ed ogni occhio lo vedrà; lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per Lui. Sì, Amen” (Apocalisse 1: 7).

Ora, in tutto il mondo, solo la Chiesa di Dio Onnipotente testimonia pubblicamente che il Signore Gesù è tornato ed è Dio Onnipotente incarnato, pronunciando la verità e facendo l’opera di giudizio e purificazione al Suo popolo negli ultimi giorni per ottenere un gruppo di vincitori prima del disastro. Questo adempie la profezia del Signore Gesù: “Molte cose ho ancora da dirvi; ma non sono per ora alla vostra portata; ma quando sia venuto lui, lo Spirito della verità, egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annunzierà le cose a venire” (Giovanni 16: 12- 13). “Chi mi respinge e non accetta le mie parole, ha chi lo giudica: la parola che ho annunziata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno” (Giovanni 12:48). E c’è anche 1 Pietro 4:17 che dice: “Poiché è giunto il tempo in cui il giudizio ha da cominciare dalla casa di Dio […]”. Le parole pronunciate da Dio Onnipotente sono le previsioni di “ciò che lo Spirito dice alle chiese” nel libro dell’Apocalisse. È stato a lungo disponibile pubblicamente su Internet per tutte le persone nel mondo per cercare e fare ricerche: questi sono i colpi del Signore alla porta! Ma ci sono persone a cui non importa come il Signore bussa alla porta, hanno le orecchie tappate e non ascoltano la voce del Signore, fanno solo come ha fatto Tommaso, vedendo possono credere. Quindi perderanno il ritorno di Dio in segreto per compiere l’opera di salvezza prima del disastro. Quando vediamo il Signore scendere pubblicamente su una nuvola, significa che è tempo di punizione e in quel momento è troppo tardi per pentirsi. Come disse il Signore Gesù: “Perché m’hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non han veduto, e hanno creduto!” (Giovanni 20:29).

Dio Onnipotente ci consiglia anche: “Io vi dico, coloro che credono in Dio per i segni sono sicuramente la categoria che subirà la devastazione. Quelli che sono incapaci di accettare le parole di Gesù fattoSi di nuovo carne sono indubbiamente la progenie dell’inferno, i discendenti dell’arcangelo, la categoria che sarà sottoposta a una distruzione eterna. Molte persone potrebbero non essere interessate a quello che dico, ma voglio ancora dire ai cosiddetti santi che seguono Gesù: nel momento in cui vedrete Gesù discendere dai cieli su di una nuvola bianca con i vostri stessi occhi, assisterete all’apparizione pubblica del Sole di giustizia. Forse per te quello sarà un momento di grande entusiasmo, ma dovresti sapere che quando vedrai Gesù discendere dai cieli, tu scenderai contemporaneamente all’inferno per essere punito. Quello sarà il momento della fine del piano di gestione di Dio, e il momento in cui Dio ricompenserà i buoni e punirà i cattivi. Il giudizio di Dio si sarà concluso prima che l’uomo possa vedere i segni, quando ci sarà soltanto l’espressione della verità. Coloro che accettano la verità e non cercano segni, essendo stati così purificati, saranno tornati davanti al trono di Dio ed entrati nell’abbraccio del Creatore. Soltanto coloro che insistono nel credere che ‘il Gesù che non giunge su una nuvola bianca è un falso cristo’ saranno soggetti a una punizione perpetua, perché credono soltanto nel Gesù che mostra i segni, ma non riconoscono il Gesù che esprime giudizi severi e rivela la vera via della vita. Pertanto, secondo queste persone, può accadere solo che Gesù tratterà con loro quando ritorna apertamente su di una nuvola bianca. Sono particolarmente ostinate e arroganti, e hanno un’eccessiva fiducia in sé stesse. Come potrebbero essere ricompensati da Gesù individui così degenerati?” (Tratto da “Nel momento in cui contemplerai il corpo spirituale di Gesù, Dio avrà creato nuovi cieli e nuova terra” in “La Parola appare nella carne”)

Vuoi negare il ritorno segreto del Signore prima del disastro e aspettare di vedere la Sua discesa su una nuvola e di essere oggetti del disastro o vuoi accettare il ritorno del Signore incarnato che compie l’opera di salvezza prima del disastro? Questo è legato alla scelta di ognuno di noi.

Potrebbero interessarti: