Menu

Giovanni 13:34 - Lettura del giorno

Riflessioni sul versetto di oggi…

Questa è la richiesta che il Signore Gesù ci fa. Dobbiamo amarci a vicenda, essere tolleranti e pazienti e aiutarci a vicenda. In passato, ho pensato che amare i fratelli e le sorelle significa aiutarli il più possibile quando hanno difficoltà nella vita. Solo leggendo alcune parole di Dio ho capito che l'amore reciproco non si manifesta attraverso le formalità esterne ai nostri fratelli e sorelle, ma attraverso l'aiuto nella nostra vita spirituale. Dio dice, “Simili rapporti non sono fondati sulla carne, ma sull’amore di Dio. Non vi è pressoché nessuna interazione basata sulla carne, ma nello spirito vi sono sia comunione che amore, consolazione e reciproco sostegno. Tutto ciò si compie a partire da un cuore che risponde pienamente a Dio. Simili rapporti non si mantengono confidando in una filosofia di vita umana, ma si formano molto naturalmente facendosi carico di Dio. Non richiedono sforzi umani, ma si praticano tramite i principi della parola di Dio”.

Dalle parole di Dio mi rendo conto che il vero amore per i fratelli è dal cuore ed è stabilito sul fondamento dell'amore di Dio, che amiamo i fratelli e le sorelle perché amiamo Dio. Questo amore non si esprime nell'assistenza materiale che offriamo, ma nell'assistenza e nel sostegno nella nostra vita spirituale. Quando i fratelli e le sorelle hanno difficoltà di vita e sono negativi e deboli di spirito, possiamo aiutarli e sostenerli volontariamente per far loro sentire l'amore di Dio e comprendere la volontà di Dio, in modo che possano ottenere nutrimento spirituale per essere forti e riacquisire la fede in Dio.

Consultare la Bibbia Online,“Studi biblici” condivide di più:

Chi è veramente giusto agli occhi di Dio

Contattaci!

La fine di ogni cosa è vicina. Sai come il Signore determina il destino delle persone al Suo ritorno? Partecipa al catechismo online: riceverai la risposta.