Matteo 7:21 – Lettura del giorno

Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che è ne’ cieli.

Riflessioni sul versetto di oggi…

Ritengo che tutti i cristiani abbiano familiarità con questo versetto. Abbiamo mai fatto considerazioni sul modo in cui seguire la volontà del Padre celeste? Quando la mia fede nel Signore iniziò a crescere, pensai che finché accettavo la salvezza del Signore, avrei avuto un posto nel Regno dei Cieli. Quando ho letto la Bibbia di recente, ho notato che il Signore disse che solamente coloro che seguono la volontà del Padre celeste hanno la possibilità di entrare nel Regno dei Cieli, e non tutti coloro che chiamano il Signore possono entrarvi. E ritengo di sì. Nonostante molte persone credano nel nome del Signore, essi non sono in grado di mettere in pratica le parole del Signore nella vita reale. Talvolta quando ci accade qualcosa di spiacevole, ci lamentiamo facendo affidamento sul nostro istinto. A volte mostriamo esteriormente sopportazione e tolleranza nei confronti degli altri, ma in realtà in cuor nostro li detestiamo. In più, al fine di salvaguardare i nostri interessi, complottiamo l’uno contro l’altro e siamo gelosi e conflittuali. Seppur la gente prende parte alle riunioni rispettando le apparenze, non la farà per ottenere la verità. Essi inseguono le tendenze del mondo, bramando la ricchezza e la reputazione, concentrandoci sul cibo, il bere ed il divertimento. Negli Ebrei si dice, “Perché, se pecchiamo volontariamente dopo aver ricevuto la conoscenza della verità, non resta più alcun sacrificio per i peccati; rimangono una terribile attesa del giudizio e l’ardor d’un fuoco che divorerà gli avversari” (Ebrei 10:26-27). “Procacciate pace con tutti e la santificazione senza la quale nessuno vedrà il Signore” (Ebrei 12:14). Da ciò è possibile comprendere che sebbene siamo salvati da Gesù, questo non significa che siamo senza peccato, in quanto la nostra natura peccaminosa non è stata ancora cancellata. Il Signore è sacro. Se non riusciamo a compiere la purificazione, non possiamo diventare coloro che seguono la volontà di Dio, e sicuramente non potremo entrare nel Regno dei Cieli. La Bibbia dice, “Poiché è giunto il tempo in cui il giudicio ha da cominciare dalla casa di Dio; e se comincia prima da noi, qual sarà la fine di quelli che non ubbidiscono al Vangelo di Dio?” (I Pietro4:17).  Ovviamente sarà Dio a giudicare l’umanità. È necessario che noi accettiamo il giudizio e la salvezza di Dio negli ultimi giorni. Solo se ci liberiamo completamente dal peccato e diventiamo coloro che sono in linea con il cuore di Dio, saremo ammessi ad entrare nel Regno dei Cieli.


Studi biblici” condivide di più:

Essere salvati equivale a guadagnarsi l’ingresso nel Regno dei Cieli?