Menu

Lo stadio dell'amore: tutto nella Bibbia è la parola di Dio?

Fratelli e sorelle dello stadio dell’amore,

La Bibbia è il canone del cristianesimo, il fondamento della nostra fede. Poiché abbiamo creduto nel Signore, ognuno di noi ha avuto una Bibbia. Abbiamo letto la Bibbia frequentemente e l’abbiamo custodita come un tesoro. Inoltre, prendiamo ancora di più le parole della Bibbia come il più alto standard nella nostra vita e lavoriamo duramente per seguirle. Paolo disse: “Ogni scrittura è ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia” (II Timoteo 3:16). Questo ci fa pensare ancora più che tutta la Scrittura è ispirata da Dio. Alcune persone dicono che nella Bibbia ci sono le parole di Satana e dell’asina che parlava a Balaam. Ovviamente, non sono le parole di Dio. Posso chiedere, le parole nella Bibbia non sono tutte parole di Dio? Cosa pensa a questo proposito?

Distinti saluti,

Aiguang

leggere la Bibbia

Caro Aiguang:

La domanda è molto buona. Recentemente, anche molti altri fratelli e sorelle ci stanno facendo domande su questa questione. Cerchiamo di rispondere insieme.

Molti fratelli e sorelle credono tutti a queste parole dette da Paolo. Ma prima dovremmo sapere che le parole di Paolo sono solo parole dell’uomo, ma non possono rappresentare le parole di Dio. Ci sono sessantasei libri in tutta la Bibbia, ma nessun versetto sostiene che Dio ha detto che tutta la Scrittura è ispirata da Dio o che le parole nella Bibbia sono tutte le parole di Dio. Dal momento che Dio non ha detto questo, allora la dichiarazione di Paolo è conforme alla parola di Dio? Esistono parole dello Spirito Santo come prova? Se questa affermazione di Paolo fosse corroborata dalle parole del Signore Gesù o dello Spirito Santo, allora dovremmo accettare questo e obbedire. Questo è completamente in linea con le intenzioni del Signore. Non importa chi sia, finché le sue parole non sono supportate dalle parole del Signore Gesù o dello Spirito Santo, non possiamo accettarle ciecamente. Noi uomini siamo solo uomini, siamo esseri creati. Quindi, le nostre parole non possono rappresentare la volontà del Creatore. Il Signore Gesù in cui crediamo è il Signore del cielo. Solo praticando secondo le parole di Dio possiamo essere approvati da Dio.

Sappiamo tutti molto chiaramente che Paolo era solito resistere a Dio e opporsi al Signore Gesù. È un fatto comunemente riconosciuto che è stato il cospiratore dell’opposizione contro l’opera del Signore Gesù. Anche se il Signore Gesù scelse Paolo come apostolo per diffondere il Vangelo, Paolo è sempre un essere creato. Pertanto, le sue parole sono senza dubbio le parole di un uomo. Il Signore Gesù è Dio, mentre tutti gli apostoli e i discepoli del Signore Gesù sono uomini. non possono essere considerati uguali il Signore Gesù. Così, quando si tratta delle parole dell’uomo, non possiamo accettarle e obbedire ciecamente. Dovremmo indagare se sono in linea con la volontà di Dio, cosa fondamentale perché noi potessimo entrare nel Regno dei Cieli.

Qual è l’origine della parola di Paolo che “Ogni scrittura è ispirata da Dio?”

Dal momento che la gente pensa che tutta la Scrittura sia ispirata da Dio e che tutte le parole nella Bibbia siano le parole di Dio secondo Timoteo 2, 3:16, investighiamo prima le origini di questa affermazione da parte di Paolo. Come tutti sappiamo, le parole “Ogni scrittura è ispirata da Dio ” furono dette da Paolo quando scrisse le lettere a Timoteo. Quando scrisse le lettere, esisteva solo l’Antico Testamento. Il Nuovo Testamento era costituito solo da decine di lettere conservate nelle chiese e non era stato raccolto in un libro. Non fino a dopo il 300 D.C. il Nuovo Testamento venne creato. Vale a dire, il nuovo Testamento è esistito duecento anni più tardi dopo che Paolo aveva scritto le lettere. Si vede che le origini delle parole di Paolo si riferiscono all’Antico Testamento.

Tuttavia, da quando Mosè scrisse la Genesi fino a quando il Signore Gesù venne a svolgere la Sua opera, passarono almeno mille anni. Paolo non conosceva affatto alcuno degli autori dell’Antico Testamento. Come poteva sapere che l’Antico Testamento era ispirato da Dio? Non poteva saperlo, a meno che gli autori dell’Antico Testamento non glielo avessero detto personalmente o che l’Antico Testamento dicesse chiaramente: “La Bibbia è ispirata da Dio”. Ma quegli autori non glielo dissero, né l’Antico Testamento registra che la Bibbia è stata ispirata da Dio. Quindi quello che Paolo ha detto non ha delle basi fattuali.

Inoltre, se diciamo che la Bibbia è interamente data dall’ispirazione di Dio e ciò che è scritto nella Bibbia sono tutte le parole di Dio, allora che dire delle parole pronunciate dal serpente quando indusse Eva, delle parole pronunciate da Satana quando accusò Giobbe, di quelle che l’asino disse a Balaam e delle parole della banda di Korah? Possiamo prenderle come parole di Dio? I fratelli e le sorelle nel Signore lo sanno tutti: Satana è l’arcangelo che ha tradito Dio ed è il nemico di Dio; l’asino è un animale; mentre, nella banda di Korah, ci sono quelli che hanno resistito a Mosè e sono stati direttamente distrutti da Dio. Se insistiamo nel sostenere che le loro parole sono le parole di Dio, allora stiamo bestemmiando Dio. Questo è un problema serio nella sostanza! Quindi, si può vedere che le parole “Tutte le Scritture sono date dall’ispirazione di Dio” dette da Paolo sono la sua stessa immaginazione e non sono in linea con la verità.

Quali parole nella Bibbia sono le parole di Dio?

Infatti, tutte le parole pronunciate da Dio sono chiaramente indicate nella Bibbia. Le parole con cui Jahvè Dio ha illuminato i profeti sono sempre contrassegnate con “così disse Jahvè”, “così disse il Signore”, ecc. Ad esempio, Ezechiele 34:11: “Poiché, così dice il Signore, Jahvè: ‘Eccomi! io stesso domanderò delle mie pecore, e ne andrò in cerca’. E Isaia 1:2-3: Udite, o cieli! e tu, terra, presta orecchio! poiché Jahvè parla: ‘Io, dic’egli, ho nutrito de’ figliuoli e li ho allevati, ma essi si son ribellati a me. Il bue conosce il suo possessore, e l’asino la greppia del suo padrone; ma Israele non ha conoscenza, il mio popolo non ha discernimento’”. Queste mostrano che i profeti stavano trasmettendo parole di Dio e facevano imparare le parole dette personalmente da Dio. Le parole del Signore Gesù sono contrassegnate con “Gesù disse loro”, “Gesù rispose e disse loro” e “Gesù disse”; o le Scritture ci dicono semplicemente che queste sono le parole che il Signore Gesù ha pronunciato, come Matteo 4:19: “E disse loro: Venite dietro a me, e vi farò pescatori d’uomini”. Matteo 5:1-4: “E Gesù, vedendo le folle, salì sul monte; e postosi a sedere, i suoi discepoli si accostarono a lui. Ed egli, aperta la bocca, li ammaestrava dicendo: Beati i poveri in ispirito, perché di loro è il regno de’ cieli. Beati quelli che fanno cordoglio, perché essi saranno consolati”. e Matteo 18:22: “E Gesù a lui: lo non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette. but, Until seventy times seven”. Anche le parole di Dio in Appocalisse sono chiaramente contrassegnate con “Disse il Signore,” “E colui che sedeva sul trono disse”, e così via. Per esempio, Apocalisse 1:8: “Io son l’Alfa e l’Omega, dice il Signore Iddio che è, che era e che viene, l’Onnipotente”. Apocalisse 21:5: “E Colui che siede sul trono disse: Ecco, io fo ogni cosa nuova, ed aggiunse: Scrivi, perché queste parole sono fedeli e veraci”.

Da queste scritture possiamo vedere che nella Bibbia solo le parole di Jahvè Dio, le parole che Jahvè ha detto ai profeti, le parole dette dal Signore Gesù Stesso e le parole che Dio ha rivelato a Giovanni sono parole di Dio; oltre a queste parole, altre parole sono dei fatti storici o esperienze e conoscenze personali dell’uomo, registrate da più di quaranta autori. Anche se la maggior parte delle loro esperienze e conoscenze personali sono arrivate dall’illuminazione dello Spirito Santo, esse non possono essere equiparate alle parole di Dio. Proprio come nell’Antico Testamento, ciò che la maggior parte delle Scritture documentano sono alcuni fatti storici che Dio ha veramente operato nell’Età della Legge; inoltre, ci sono alcune parole di Satana, le parole dell’asina e così via. Nel nuovo Testamento, a parte le parole di Dio citato da vari autori, le parole rimanenti sono tutte conoscenza dell’uomo, idee e comprensioni, come le lettere di Pietro, Paolo e Timoteo. Le loro lettere rappresentavano solo il lavoro dell’uomo e le sue esperienze e conoscenze. Hanno scritto la loro comprensione per assistere, aiutare e incoraggiare i fratelli e le sorelle nelle chiese, che era completamente fuori dal peso per la commissione del Signore. Inoltre, non hanno mai detto che le loro parole fossero le parole di Dio e all’inizio delle loro lettere hanno chiaramente segnato il loro nome. Questo è un dato di fatto.

Qual è la differenza tra le parole di Dio e le parole dell’uomo?

Dio è il Creatore e solo le parole di Dio sono la verità, la via e la vita; noi umani siamo esseri creati. C’è una differenza sostanziale tra il Creatore e la creazione. Non possono essere posizionati sullo stesso livello e non possono essere confusi l’uno con l’altro. L’opera e la parola di Dio non possono essere fatte da alcun uomo corrotto al posto di Dio. Nel corso della sperimentazione dell’opera di Dio da parte di noi esseri umani, non importa quanto le nostre esperienze, intese e illuminazioni dallo Spirito Santo siano di beneficio per gli altri, non possono essere considerate come la parola di Dio, ma possono essere usate solo come riferimento. Proprio come Paolo, Pietro e Matteo in quel tempo, erano tutte usate da Dio, ma non erano il Dio incarnato. Sebbene le loro lettere siano benefiche e costruttive per i fratelli e le sorelle nelle chiese, non si può dire che siano le parole dello Spirito Santo. Questo è indubitabile! Le parole di Dio sono l’espressione dell’indole di Dio e tutto ciò che Egli ha ed è. Sono la realtà delle cose positive e possono essere la vita dell’uomo. Le parole pronunciate dall’uomo che sono conformi alla verità, provengono tutte dall’esperienza dell’uomo e dalla comprensione della parola e della verità di Dio e rappresentano tutte lo status dell’uomo a quei tempi. Le parole che sono conformi con la verità possono solo fornire alle persone un po’ di aiuto e beneficio. Non possono essere la vita dell’uomo. Anche con l’ispirazione e l’illuminazione dello Spirito Santo, sono sempre le parole dell’uomo e non possono essere paragonate in alcun modo con la parola di Dio.

Attraverso la comunione cui sopra, credo che tutti sappiamo che la Bibbia non è ispirata da Dio e che la Bibbia non è interamente la parola di Dio. Quando prendiamo le parole dell’uomo come le parole di Dio, è lo stesso come trattare un uomo come Dio. Questo è tradire la verità e bestemmiare Dio. Così, a prescindere da quanta sofferenza abbiamo attraversato, Dio non riconosce questo nostro tipo di fede. Il Signore Gesù ci ha detto chiaramente: “Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che è ne’ cieli” (Matteo 7:21). Così, se noi, credenti nel Signore, vogliamo essere approvati dal Signore, dovremmo trattare la Bibbia correttamente e non adorarla ciecamente. Quando la leggiamo, dobbiamo anche distinguere chiaramente tra parole di Dio e le parole dell’uomo in essa. Non importa ciò che ci accade, dovremmo cercare e praticare secondo le parole di Dio e parole dell’uomo possono essere utilizzate solo come riferimento. Se le parole dell’uomo sono in accordo con la verità, allora le accettiamo; in caso contrario, le rifiutiamo. Solo mettendo in pratica la fede in questo modo possiamo agire in conformità con l’intenzione di Dio.

Spero che la risposta cui sopra possa esserti utile.

Traduzione di Stefania Madalina Baetii

Contattaci!

Ora i disastri si stanno verificando con sempre maggiore frequenza e questo è un momento critico per salutare il ritorno del Signore. Se vuoi accogliere il Signore prima dei grandi disastri ed essere rapito davanti al trono di Dio, non esitare a contattarci. Ne discuteremo insieme!