Chi ha scritto la Bibbia? Conosci bene la Bibbia?

Traduzione di Barbara Barozzi
Come la maggior parte dei fratelli e delle sorelle nel Signore, ho letto la Bibbia più e più volte in questi anni. A poco a poco mi sono innamorato della Bibbia. Leggere la Bibbia, memorizzarla e copiarla sono già diventate parti indispensabili della mia vita. Come molti credenti nel Signore, anch’io credo che credere nel Signore sia credere nella Bibbia; se ci si allontana dalla Bibbia, allora non ci si può chiamare credente del Signore; tutte le Scritture sono parola di Dio e sono ispirate da Dio. La Bibbia è diventata il libro santo dei nostri cuori, ed è assolutamente priva di macchie e di errori. Non ci preoccupiamo se abbiamo o meno il lavoro dello Spirito Santo, e pensiamo di poter continuare a vivere anche se non possiamo toccare la presenza del Signore, ma non appena perdiamo la Bibbia, allora è come se avessimo perso la vita. Tuttavia, non abbiamo idea di quali siano le origini della Bibbia, o che tipo di libro la Bibbia sia esattamente, e chi sia l’autore della Bibbia.

Un giorno, su un famoso sito web ho visto molti libri che svelavano molti misteri che raramente la gente conosce, tra cui anche il mistero della Bibbia. C’era un passaggio che dice: “La Bibbia è un documento storico dell’opera divina in Israele e annota molte predizioni degli antichi profeti, nonché alcune espressioni di Jahvè durante la Sua opera in quel periodo. Quindi, tutte le persone considerano questo libro come santo (perché Dio è santo e grande). Naturalmente tutto ciò è il risultato del loro timore verso Jahvè e della loro adorazione verso Dio. Le persone si riferiscono in questo modo a tale libro solo perché le creature di Dio adorano il loro Creatore, e ve ne sono alcune che lo definiscono persino un libro celeste. In realtà, si tratta semplicemente di un resoconto umano. Non è stato personalmente menzionato da Jahvè, né Egli ne ha diretto di persona la creazione. In altre parole, l’autore di questo libro non è Dio, ma l’umanità. La Sacra Bibbia è solo il titolo rispettoso dato a essa dall’uomo, non è stato deciso da Jahvè e Gesù dopo aver discusso tra Loro; non è nulla di più di un’idea umana. Poiché questo libro non è stato scritto da Jahvè, né tantomeno da Gesù. Per contro, si tratta delle descrizioni di molti antichi profeti, apostoli e veggenti, che sono state stilate dalle generazioni successive in un libro di antichi scritti che, alle persone, sembra particolarmente sacro, un libro che credono contenga molti misteri insondabili e profondi che sono in attesa di essere svelati dalle generazioni future. In tal senso, le persone sono ulteriormente disposte a credere che questo sia un libro celeste. Con l’aggiunta dei quattro Vangeli e dell’Apocalisse, l’atteggiamento degli uomini nei suoi confronti è diventato particolarmente diverso da quello nei confronti di qualsiasi altro libro e dunque nessuno osa analizzare questo libro celeste, perché troppo santo”.

Da queste parole ho capito che la Bibbia contiene non solo le parole di Dio, ma anche molte parole dell’uomo, e solo quando facciamo una distinzione tra le parole di Dio e quelle dell’uomo nella Bibbia possiamo considerare la Bibbia in modo appropriato. Infatti, le parole di Dio nella Bibbia includono le parole che Dio ha pronunciato a Mosè, la rivelazione di Dio ai profeti, le parole del Signore Gesù e le profezie nel libro dell’Apocalisse. La maggior parte delle altre parole della Bibbia sono in realtà parole dell’uomo, tra cui, alcune sono le esperienze e le comprensioni derivanti dall’illuminazione e dalla luce di Dio, e alcuni sono i registri dei personaggi storici e degli avvenimenti. Accanto a tutto questo, la Bibbia documenta anche alcune parole di Satana, come quelle che il serpente pronunciò per sedurre Eva, e quelle che Satana pronunciò per tentare il Signore Gesù.

Inoltre, dalla stessa formazione della Bibbia ho visto che l’opera di Dio è sempre compiuta prima di essere compilata dall’uomo. Ad esempio, il Nuovo Testamento è nato solo dopo il 300 d.C. Poi, le generazioni successive hanno redatto i registri del lavoro del Signore Gesù e le parole conservate dagli apostoli e dai discepoli durante il periodo in cui hanno seguito il Signore Gesù nei Quattro Vangeli. Nel frattempo, hanno anche redatto alcune delle esperienze e degli intendimenti degli apostoli e dei discepoli, comprese le lettere di Paolo nella Bibbia, indipendentemente dal fatto che provenissero dall’illuminazione e dalla guida dello Spirito Santo o dalle nozioni e dall’immaginazione dell’uomo. Dopo che la Bibbia è diventata un libro, generazione dopo generazione i credenti in Dio lo hanno considerato come un tesoro prezioso, esaltandolo e predicandolo fino ad oggi. Tuttavia, non si può negare che, per quanto la gente apprezzi questo libro, le lettere, le esperienze e le comprensioni degli apostoli e dei discepoli non sono parole di Dio; anche se alcune di esse sono in accordo con la verità, possono essere prese solo come parole ispirate dallo Spirito Santo e non possono mai essere confuse con le parole di Dio.

In realtà ogni capitolo della Bibbia ha il suo autore, ed è stato trascritto e compilato dall’uomo. I registri umani sono sempre combinati con la volontà e l’immaginazione umana e hanno errori. Ad esempio, l’Antico Testamento riporta: “Or l’Eterno s’accese di nuovo d’ira contro Israele, ed incitò Davide contro il popolo, dicendo: ‘Va’ e fa’ il censimento d’Israele e di Giuda’” (2 Samuel 24:1). “Or Satana si levò contro Israele, e incitò Davide a fare il censimento d’Israele” (1 Cronache 21:1). Da questi due versetti possiamo vedere che un versetto dice che il Signore Dio fece Davide per contare Israele mentre l’altro registra che fu Satana che provocò Davide a fare il censimento d’Israele. Inoltre, per quanto riguarda la morte di Giuda, un verso dice: “Ed egli, lanciati i sicli nel tempio, s’allontanò e andò ad impiccarsi” (Matteo 27:5), e un altro dice: “Costui dunque acquistò un campo col prezzo della sua iniquità; ed essendosi precipitato, gli si squarciò il ventre, e tutte le sue interiora si sparsero” (Atti 1:18). Si può notare che la stessa cosa viene riportata in modo diverso in questi due versetti. Se fossero le parole date dall’ispirazione di Dio, non ci sarebbero queste discrepanze. Da questo mi sono reso conto che l’autore della Bibbia è l’uomo e non Dio. Così i documenti riguardanti Dio e l’opera di Dio, che sono compilati da persone corrotte, saranno inevitabilmente mescolati con le immaginazioni, le nozioni e le definizioni dell’uomo, e avranno anche molti proverbi e conclusioni assurde. La nota genealogia di Gesù scritta da Matteo ne è un tipico esempio. Questo libro della verità dice: “All’inizio, afferma che Egli era un discendente di Abramo, figlio di Davide e di Giuseppe; poi dice che Gesù fu concepito dallo Spirito Santo e nacque da una vergine, il che significherebbe che non era il figlio di Giuseppe o il discendente di Abramo e nemmeno il figlio di Davide. Tuttavia, la genealogia insiste nel collegare Gesù a Giuseppe. In seguito, inizia a documentare il processo mediante il quale nacque Gesù. Si legge che Egli venne concepito per opera dello Spirito Santo, nacque da una vergine e non era figlio di Giuseppe. Eppure, nella genealogia è scritto chiaramente che Gesù era figlio di Giuseppe e, poiché la genealogia è scritta partendo da Gesù, registra quarantadue generazioni. Quando si giunge alla generazione di Giuseppe, si dice in modo frettoloso che Giuseppe era il marito di Maria, parole che servono a dimostrare che Gesù era il discendente di Abramo. Non si tratta di una contraddizione? La genealogia documenta chiaramente gli antenati di Giuseppe, è ovviamente la sua genealogia, ma Matteo insiste che si tratta della genealogia di Gesù. Questo non nega il fatto del concepimento di Gesù per opera dello Spirito Santo?”. Dunque, è stato soltanto perché Matteo non ha capito la verità del fatto che ha creato la genealogia di Gesù; in realtà è scaturita dal suo entusiasmo ed è un tradimento della volontà di Dio. Questo dimostra che la Bibbia non è data dall’ispirazione di Dio, e che l’autore della Bibbia è l’uomo e non Dio.

Poiché l’autore della Bibbia non è Dio stesso, ma l’uomo, è sbagliato ed estremamente assurdo che si considerino tutte le parole della Bibbia come le parole di Dio e si pensi che la Bibbia sia stata donata dall’ispirazione di Dio. Ho visto ancora qualche parola in questo libro di verità: “Al giorno d’oggi, le persone credono che la Bibbia sia Dio e che Dio sia la Bibbia. Parimenti, ritengono anche che tutte le parole della Bibbia siano le uniche parole pronunciate da Dio e che furono tutte dette da Lui. Coloro che credono in Dio, pensano altresì che, sebbene tutti i sessantasei libri dell’Antico e del Nuovo Testamento fossero stati scritti da persone, vennero tutti ispirati da Dio e furono un resoconto dei discorsi dello Spirito Santo. Questa è l’interpretazione errata delle persone, non completamente in accordo con i fatti. In effetti, ad esclusione dei libri delle profezie, la maggior parte dell’Antico Testamento è un resoconto storico. Alcune delle epistole del Nuovo Testamento provengono da esperienze personali e altre derivano dalla rivelazione dello Spirito Santo; le lettere di Paolo, per esempio, ebbero origine dall’opera di un uomo, furono il risultato della rivelazione dello Spirito Santo e furono scritte per le chiese; sono parole di esortazione e di incoraggiamento per i fratelli e le sorelle delle chiese. Non si trattava di parole pronunciate dallo Spirito Santo, Paolo non poteva parlare in Suo nome, e nemmeno era un profeta, ancor meno aveva visioni. …per questo scrisse le lettere per questi ultimi. Tutto ciò di edificante e positivo che disse per le persone, era giusto, ma non rappresentava le espressioni dello Spirito Santo e nemmeno di Dio. Si tratta di un equivoco madornale e di una terribile bestemmia per gli uomini, trattare i resoconti delle esperienze di un uomo e le sue lettere come parole pronunciate dallo Spirito Santo alle chiese! …Perciò, non poteva parlare a nome dello Spirito Santo. Le sue parole non erano quelle di quest’ultimo, tantomeno potevano essere considerate parole proferite da Dio, visto che Paolo altri non era che una Sua creatura, e non certamente l’incarnazione di Dio”.

Se non fosse per questo libro che ci svela i misteri della Bibbia, non li comprenderemmo e non li vedremmo mai attraverso la radice e l’essenza dei problemi. Questo è assolutamente vero. In realtà nessuno degli autori della Bibbia, tranne Mosè e i profeti che furono direttamente istruiti da Dio a trasmettere le Sue parole, osò dire che le loro parole erano ispirate o rivelate da Dio. Il Signore Gesù non ha mai detto una cosa simile, né lo ha fatto lo Spirito Santo. Se qualcuno degli autori della Bibbia ha osato affermare questo, allora è stata una blasfemia contro Dio. Come coloro che hanno redatto la Bibbia non hanno detto alle persone come trattare correttamente la Bibbia, le generazioni successive hanno costituito un punto di vista sbagliato su di essa. Non riescono a distinguere tra le parole di Dio e quelle dell’uomo nella Bibbia e, di conseguenza, trattano le parole dell’uomo come parole di Dio a cui attenersi e da seguire, annullando le parole di Dio, che si allontanano completamente dalla volontà di Dio. Infatti, i profeti potrebbero semplicemente trasmettere le parole di Dio; anche le persone che sono state usate dallo Spirito Santo non sono in grado di esprimere le parole di Dio, perché non possiedono ciò che Dio ha ed è. Esse possono solo parlare delle proprie esperienze e testimonianze sotto la luce e la guida dello Spirito Santo per aiutare e sostenere le persone, il che è conforme alla verità e alla volontà di Dio, ma non può mai essere paragonato alle parole di Dio. La Bibbia documenta alcune parole che Paolo e altri apostoli pronunciarono in base alla situazione reale delle chiese del tempo, e alcune delle parole di Paolo furono raccolte nei tredici episodi. Tuttavia, queste parole sono state pronunciate per costruire le chiese e stabilire la fede dei credenti, e alcune di esse sono state ispirate dallo Spirito Santo quando hanno sostenuto il fardello delle chiese. Non si può dire che queste parole siano state ispirate da Dio. Ma noi non solo adoriamo la Bibbia, ma trattiamo anche le parole dell’uomo nella Bibbia come le parole di Dio, tenendo fede al punto di vista che tutte le Scritture sono state date dall’ispirazione di Dio. Siamo così sciocchi. Non è forse opporsi a Dio e bestemmiare?

A questo punto, dovremmo capire che la Bibbia è un documento storico dell’opera di Jahvè Dio nell’Età della Legge e dell’opera del Signore Gesù nell’Età della Grazia, ed è stata scritta dall’uomo; le parole della Bibbia non sono completamente le parole di Dio, né sono ispirate da Dio. Pertanto, l’idea che “credere in Dio è credere nella Bibbia” è sbagliata, perché l’autore della Bibbia è l’uomo e non Dio!

Se ha nuove conoscenze sul contenuto del nostro sito web o quali sono le Sue perplessità e difficoltà nella fede,sia il benvenuto a condividerli con noi, perché il Signore Gesù disse: “Che vi amiate gli uni gli altri, come io ho amato voi” (Giovanni 15:12),desideriamo che ci aiutiamo e ci sosteniamo nel Cristo,la vita cresce. Può contattarci attraverso i seguenti modi:
1. Chiacchiera online con noi attraverso la finestra di online sotto il sito.
2. Manda l’email a [email protected]

Related Post

Perché Gesù è stato riconosciuto come il Cristo so... Traduzione di Maria Rosaria Leggieri La Bibbia dice che, “Poi Gesù, venuto nelle parti di Cesarea di Filippo, domandò ai suoi discepoli: Chi dice l...
Come ci dovremmo comportare verso le profezie dell... Traduzione di Maria Rosaria Leggieri Esistono molte profezie riguardanti la venuta del Signore nella Bibbia. Tutti i cristiani ne sono a conoscenza...
I tre motivi e principi che il Signore approva nel... La preghiera è, per noi cristiani, un modo di mantenere un rapporto adeguato con Dio. In particolar modo, le preghiere del mattino e della sera sono i...
Cosa rappresentano i vincitori citati nella Bibbia... Traduzione di Thea Marazzita Ogni credente nel Signore vuole essere una persona che segue la Sua volontà, essere un vincitore, uno dei 144.000 figli ...