Menu

Matteo 16:6 – Lettura del giorno

Riflessioni sul versetto di oggi…

Il Signore Gesù insegnò chiaramente ai Suoi discepoli a guardarsi dall’insegnare ai farisei e ai sadducei. I farisei e i sadducei erano le persone di alto rango nella chiesa di quel tempo. Allora perché il Signore Gesù ha insegnato ai discepoli a guardarsi bene da loro? Riflettendo sulla domanda, ho pensato alle cose che hanno fatto i farisei e i sadducei.

Quando il Signore Gesù venne a compiere il Suo lavoro, per far sì che il popolo ebraico Lo conoscesse meglio e accettasse la Sua redenzione, il Signore Gesù compì molti miracoli per permettere ai ciechi di vedere, agli zoppi di camminare e persino ai morti di rivivere… Il popolo ebraico ricevette dal Signore Gesù molte grazie e benedizioni, e vide anche molte meravigliose opere di Dio, così tutti seguirono il Signore Gesù uno dopo l’altro. Tuttavia, vedendo che tante persone seguivano il Signore Gesù, i farisei e i sadducei cominciarono a calunniare, a condannare costantemente il Signore Gesù e persino a diffondere molte voci sul Signore Gesù per proteggere il proprio status e i propri mezzi di sussistenza. Dopo aver sentito le voci, gli ebrei non avevano discernimento, e non hanno resistito alle loro posizioni, ma i farisei e i sadducei hanno continuato a negare e giudicare il Signore Gesù. Così, ha portato alla condanna contro il Signore Gesù in tutto il giudaismo. In tale contesto, il Signore Gesù insegna ai discepoli che: “Vedete di guardarvi dal lievito de’ Farisei e de’ Sadducei” (Matteo 16:6).

Questo mi ricorda che se qualcuno predica il Vangelo riguardo alla seconda ven,uta del Signore Gesù verso di noi, dobbiamo prima indagare su di esso e vedere se ha l’opera dello Spirito Santo, se è l’espressione della verità, piuttosto che giudicarlo dalle parole della gente. Grazie a Dio per la Sua illuminazione!

Condividere i più misteri della Bibbia, studi biblici insieme:

Contattaci!

La fine di ogni cosa è vicina. Sai come il Signore determina il destino delle persone al Suo ritorno? Partecipa al catechismo online: riceverai la risposta.