Menu

Salmi 35

1Di Davide.

2O Eterno, contendi con quelli che contendono meco, combatti con quelli che combattono meco.

3Prendi lo scudo e la targa e lèvati in mio aiuto.

4Tira fuori la lancia e chiudi il passo ai miei persecutori; di’ all’anima mia: Io son la tua salvezza.

5Sian confusi e svergognati quelli che cercano l’anima mia; voltin le spalle e arrossiscano quei che macchinano la mia rovina.

6Sian come pula al vento e l’angelo dell’Eterno li scacci.

7Sia la via loro tenebrosa e sdrucciolevole, e l’insegua l’angelo dell’Eterno.

8Poiché, senza cagione, m’hanno teso di nascosto la loro rete, senza cagione hanno scavato una fossa per togliermi la vita.

9Li colga una ruina improvvisa e sian presi nella rete ch’essi stessi hanno nascosta; scendano nella rovina apparecchiata per me.

10Allora l’anima mia festeggerà nell’Eterno, e si rallegrerà nella sua salvezza.

11Tutte le mie ossa diranno: O Eterno, chi è pari a te che liberi il misero da chi è più forte di lui, il misero e il bisognoso da chi lo spoglia?

12Iniqui testimoni si levano; mi domandano cose delle quali non so nulla.

13Mi rendono male per bene; derelitta è l’anima mia.

14Eppure io, quand’eran malati, vestivo il cilicio, affliggevo l’anima mia col digiuno, e pregavo col capo curvo sul seno…

15Camminavo triste come per la perdita d’un amico, d’un fratello, andavo chino, abbrunato, come uno che pianga sua madre.

16Ma, quand’io vacillo, essi si rallegrano, s’adunano assieme; s’aduna contro di me gente abietta che io non conosco; mi lacerano senza posa.

17Come profani buffoni da mensa, digrignano i denti contro di me.

18O Signore, fino a quando vedrai tu questo? Ritrai l’anima mia dalle loro ruine, l’unica mia, di fra i leoncelli.

19Io ti celebrerò nella grande assemblea, ti loderò in mezzo a gran popolo.

20Non si rallegrino di me quelli che a torto mi sono nemici, né ammicchino con l’occhio quelli che m’odian senza cagione.

21Poiché non parlan di pace, anzi macchinan frodi contro la gente pacifica del paese.

22Apron larga la bocca contro me e dicono: Ah, ah! l’occhio nostro l’ha visto.

23Anche tu hai visto, o Eterno; non tacere! O Signore, non allontanarti da me.

24Risvegliati, destati, per farmi ragione, o mio Dio, mio Signore, per difender la mia causa.

25Giudicami secondo la tua giustizia o Eterno, Iddio mio, e fa’ ch’essi non si rallegrino su me;

26che non dicano in cuor loro: Ah, ecco il nostro desiderio! che non dicano: L’abbiamo inghiottito.

27Siano tutti insieme svergognati e confusi quelli che si rallegrano del mio male; sian rivestiti d’onta e di vituperio quelli che si levano superbi contro di me.

28Cantino e si rallegrino quelli che si compiacciono della mia giustizia, e dican del continuo: Magnificato sia l’Eterno che vuole la pace del suo servitore!

29E la mia lingua parlerà della tua giustizia, e dirà del continuo la tua lode.

Precedente Successiva