Menu

Salmi 78

1Cantico di Asaf.

2Ascolta, popolo mio, il mio insegnamento; porgete gli orecchi alle parole della mia bocca!

3Io aprirò la mia bocca per proferir parabole, esporrò i misteri de’ tempi antichi.

4Quel che noi abbiamo udito e conosciuto, e che i nostri padri ci hanno raccontato,

5non lo celeremo ai loro figliuoli; diremo alla generazione avvenire le lodi dell’Eterno, e la sua potenza e le maraviglie ch’egli ha operato.

6Egli stabilì una testimonianza in Giacobbe, e pose una legge in Israele, ch’egli ordinò ai nostri padri di far conoscere ai loro figliuoli,

7perché fossero note alla generazione avvenire, ai figliuoli che nascerebbero, i quali alla loro volta le narrerebbero ai loro figliuoli,

8ond’essi ponessero in Dio la loro speranza e non dimenticassero le opere di Dio, ma osservassero i suoi comandamenti;

9e non fossero come i loro padri, una generazione caparbia e ribelle, una generazione dal cuore incostante, e il cui spirito non fu fedele a Dio.

10I figliuoli di Efraim, gente di guerra, buoni arcieri, voltaron le spalle il dì della battaglia.

11Non osservarono il patto di Dio, e ricusarono di camminar secondo la sua legge;

12e dimenticarono le sue opere e i prodigi ch’egli avea loro fatto vedere.

13Egli avea compiuto maraviglie in presenza de’ loro padri, nel paese d’Egitto, nelle campagne di Zoan.

14Fendé il mare e li fece passare, e fermò le acque come in un mucchio.

15Di giorno li guidò con una nuvola, e tutta la notte con una luce di fuoco.

16Schiantò rupi nel deserto, e li abbeverò copiosamente, come da gorghi.

17Fece scaturire ruscelli dalla roccia e ne fece scender dell’acque a guisa di fiumi.

18Ma essi continuarono a peccare contro di lui, a ribellarsi contro l’Altissimo, nel deserto;

19e tentarono Dio in cuor loro, chiedendo cibo a lor voglia.

20E parlarono contro Dio, dicendo: Potrebbe Dio imbandirci una mensa nel deserto?

21Ecco, egli percosse la roccia e ne colarono acque, ne traboccaron torrenti; potrebb’egli darci anche del pane, e provveder di carne il suo popolo?

22Perciò l’Eterno, avendoli uditi, s’adirò fieramente, e un fuoco s’accese contro Giacobbe, e l’ira sua si levò contro Israele,

23perché non aveano creduto in Dio, né avevano avuto fiducia nella sua salvazione;

24eppure egli comandò alle nuvole di sopra, e aprì le porte del cielo,

25e fece piover su loro manna da mangiare, e dette loro del frumento del cielo.

26L’uomo mangiò del pane dei potenti; egli mandò loro del cibo a sazietà.

27Fece levare in cielo il vento orientale, e con la sua potenza addusse il vento di mezzodì;

28fece piover su loro della carne come polvere, degli uccelli alati, numerosi come la rena del mare;

29e li fece cadere in mezzo al loro campo, d’intorno alle loro tende.

30Così essi mangiarono e furon ben satollati, e Dio mandò loro quel che aveano bramato.

31Non si erano ancora distolti dalle loro brame, avevano ancora il loro cibo in bocca,

32quando l’ira di Dio si levò contro loro, e ne uccise tra i più fiorenti, e abbatté i giovani d’Israele.

33Con tutto ciò peccarono ancora, e non credettero alle sue maraviglie.

34Ond’egli consumò i loro giorni in vanità, e i loro anni in ispaventi.

35Quand’ei li uccideva, essi lo ricercavano e tornavano bramosi di ritrovare Iddio;

36e si ricordavano che Dio era la loro ròcca, l’Iddio altissimo il loro redentore.

37Essi però lo lusingavano con la loro bocca, e gli mentivano con la loro lingua.

38Il loro cuore non era diritto verso lui, e non eran fedeli al suo patto.

39Ma egli, che è pietoso, che perdona l’iniquità e non distrugge il peccatore, più volte rattenne la sua ira, e non lasciò divampare tutto il suo cruccio.

40Ei si ricordò ch’essi erano carne, un fiato che passa e non ritorna.

41Quante volte si ribellarono a lui nel deserto, e lo contristarono nella solitudine!

42E tornarono a tentare Iddio e a provocare il Santo d’Israele.

43Non si ricordaron più della sua mano, del giorno in cui egli li liberò dal nemico,

44quando operò i suoi miracoli in Egitto, e i suoi prodigi nelle campagne di Zoan;

45mutò i loro fiumi in sangue, e i loro rivi in guisa che non potean più bere;

46mandò contro loro mosche velenose che li divoravano, e rane che li distruggevano;

47dette il loro raccolto ai bruchi e la loro fatica alle locuste;

48distrusse le loro vigne con la gragnuola e i loro sicomori coi grossi chicchi d’essa;

49abbandonò il loro bestiame alla grandine e le lor gregge ai fulmini.

50Scatenò su loro l’ardore del suo cruccio, ira, indignazione e distretta, una torma di messaggeri di malanni.

51Dette libero corso alla sua ira; non preservò dalla morte la loro anima, ma abbandonò la loro vita alla pestilenza.

52Percosse tutti i primogeniti d’Egitto, le primizie del vigore nelle tende di Cham;

53ma fece partire il suo popolo a guisa di pecore, e lo condusse a traverso il deserto come una mandra.

54Lo guidò sicuramente sì che non ebbero da spaventarsi, mentre il mare inghiottiva i loro nemici.

55Li fece arrivare alla sua santa frontiera, alla montagna che la sua destra avea conquistato.

56Scacciò le nazioni dinanzi a loro, ne assegnò loro a sorte il paese quale eredità, e nelle tende d’esse fece abitare le tribù d’Israele.

57E nondimeno tentarono l’Iddio altissimo e si ribellarono e non osservarono le sue testimonianze.

58Si trassero indietro e furono sleali come i loro padri; si rivoltarono come un arco fallace;

59lo provocarono ad ira coi loro alti luoghi, lo mossero a gelosia con le loro sculture.

60Dio udì questo, e si adirò, prese Israele in grande avversione,

61onde abbandonò il tabernacolo di Silo, la tenda ov’era dimorato fra gli uomini;

62e lasciò menare la sua Forza in cattività, e lasciò cader la sua Gloria in man del nemico.

63Abbandonò il suo popolo alla spada, e s’adirò contro la sua eredità.

64Il fuoco consumo i loro giovani, e le loro vergini non ebber canto nuziale.

65I loro sacerdoti caddero per la spada, e le loro vedove non fecer lamento.

66Poi il Signore si risvegliò come uno che dormisse, come un prode che grida eccitato dal vino.

67E percosse i suoi nemici alle spalle, e mise loro addosso un eterno vituperio.

68Ma ripudiò la tenda di Giuseppe, e non elesse la tribù di Efraim;

69ma elesse la tribù di Giuda, il monte di Sion ch’egli amava.

70Edificò il suo santuario a guisa de’ luoghi eccelsi, come la terra ch’egli ha fondata per sempre.

71Elesse Davide, suo servitore, lo prese dagli ovili;

72lo trasse di dietro alle pecore lattanti, per pascere Giacobbe suo popolo, ed Israele sua eredità.

73Ed egli li pasturò secondo l’integrità del suo cuore, e li guidò con mano assennata.

Precedente Successiva