Menu

Salmi 92

1Salmo. Canto per il giorno del sabato.

2Buona cosa è celebrare l’Eterno, e salmeggiare al tuo nome, o Altissimo;

3proclamare la mattina la tua benignità, e la tua fedeltà ogni notte,

4sul decacordo e sul saltèro, con l’accordo solenne dell’arpa!

5Poiché, o Eterno, tu m’hai rallegrato col tuo operare; io celebro con giubilo le opere delle tue mani.

6Come son grandi le tue opere, o Eterno! I tuoi pensieri sono immensamente profondi.

7L’uomo insensato non conosce e il pazzo non intende questo:

8che gli empi germoglian come l’erba e gli operatori d’iniquità fioriscono, per esser distrutti in perpetuo.

9Ma tu, o Eterno, siedi per sempre in alto.

10Poiché, ecco, i tuoi nemici, o Eterno, ecco, i tuoi nemici periranno, tutti gli operatori d’iniquità saranno dispersi.

11Ma tu mi dài la forza del bufalo; io son unto d’olio fresco.

12L’occhio mio si compiace nel veder la sorte di quelli che m’insidiano, le mie orecchie nell’udire quel che avviene ai malvagi che si levano contro di me.

13Il giusto fiorirà come la palma, crescerà come il cedro sul Libano.

14Quelli che son piantati nella casa dell’Eterno fioriranno nei cortili del nostro Dio.

15Porteranno ancora del frutto nella vecchiaia; saranno pieni di vigore e verdeggianti,

16per annunziare che l’Eterno è giusto; egli è la mia ròcca, e non v’è ingiustizia in lui.

Precedente Successiva