Menu

Salmi 38

1Salmo di Davide. Per far ricordare.

2O Eterno, non mi correggere nella tua ira, e non castigarmi nel tuo cruccio!

3Poiché le tue saette si sono confitte in me, e la tua mano m’è calata addosso.

4Non v’è nulla d’intatto nella mia carne a cagion della tua ira; non v’è requie per le mie ossa a cagion del mio peccato.

5Poiché le mie iniquità sorpassano il mio capo; son come un grave carico, troppo pesante per me.

6Le mie piaghe son fetide e purulenti per la mia follia.

7Io son tutto curvo e abbattuto, vo attorno tuttodì vestito a bruno.

8Poiché i miei fianchi son pieni d’infiammazione, e non v’è nulla d’intatto nella mia carne.

9Son tutto fiacco e rotto; io ruggisco per il fremito del mio cuore.

10Signore, ogni mio desiderio è nel tuo cospetto, e i miei sospiri non ti son nascosti.

11Il mio cuore palpita, la mia forza mi lascia, ed anche la luce de’ miei occhi m’è venuta meno.

12I miei amici, i miei compagni stan lontani dalla mia piaga, e i miei prossimi si fermano da lungi.

13Quelli che cercan la mia vita mi tendono reti, e quelli che procurano il mio male proferiscon cose maligne e tutto il giorno meditano frodi.

14Ma io, come un sordo, non odo: son come un muto che non apre la bocca.

15Son come un uomo che non ascolta, e nella cui bocca non è replica di sorta.

16Poiché, in te io spero, o Eterno; tu risponderai, o Signore, Iddio mio!

17Io ho detto: Non si rallegrino di me; e quando il mio piè vacilla, non s’innalzino superbi contro a me.

18Perché io sto per cadere, e il mio dolore è del continuo davanti a me.

19Io confesso la mia iniquità, e sono angosciato per il mio peccato.

20Ma quelli che senza motivo mi sono nemici sono forti, quelli che m’odiano a torto son moltiplicati.

21Anche quelli che mi rendon male per bene sono miei avversari, perché seguo il bene.

22O Eterno, non abbandonarmi; Dio mio, non allontanarti da me;

23affrettati in mio aiuto, o Signore, mia salvezza!

Precedente Successiva